Mank 2020

5.0/5
3.8/5
Locandina di Mank

Mank è un film di genere Drammatico del 2020 diretto da David Fincher con Gary Oldman e Amanda Seyfried. Durata: 131 min. Distribuito in Italia da Lucky Red. Paese di produzione: USA.

Data di uscita
4 Dicembre 2020 (Italia, Streaming)
26 Aprile 2021 (nuova uscita ITA)
Genere
Drammatico
Anno
2020
Regia
David Fincher
Attori
Gary Oldman, Amanda Seyfried, Lily Collins, Tom Pelphrey, Arliss Howard, Tuppence Middleton, Monika Gossman, Sam Troughton, Toby Leonard Moore, Tom Burke, Jamie McShane, Ferdinand Kingsley, Joseph Cross, Charles Dance
Paese
USA
Durata
131 Min
Distribuzione
Lucky Red

Trama

La trama di Mank (2020). Biopic dedicato allo sceneggiatore di Quarto potere Herman J. Mankiewicz e alla tumultuosa collaborazione con Orson Welles che diede vita a un capolavoro.

Herman Jacob Mankiewicz è un giornalista e critico teatrale che arriva a Hollywood negli anni Venti, alle origini di quella che sarà definita la Golden Age del cinema americano (e quindi internazionale). Ma questo, ovviamente, all’epoca nessuno poteva ancora immaginarlo, nonostante produttori ambiziosi e ingenti quantità di denaro rappresentassero una spinta determinante per il progresso tecnologico, con il grande schermo che prestò unirà in un tutt’uno le immagini e il sonoro e vedrà emergere autori rivoluzionari che detteranno nuove linee narrative.

Gli anni Trenta regaleranno a Herman le migliori opportunità: scrive e guadagna benissimo, ma spende ogni volta praticamente tutto, tra alcool e tavolo da gioco. Inoltre, essendo di carattere spigoloso, spesso contesta le regole (non) scritte ma assolutamente rigide del sistema cinematografico, cercando di non avallare del tutto i metodi dei propri produttori e le logiche politiche che spesso si intromettevano nella fase di realizzazione di una sceneggiatura; a partire proprio dai dialoghi, fulcro di molte opere d’autore.

"Mank" è comunque apprezzato, e non gli vengono mai del tutto chiuse le porte dei piani alti di Hollywood, nonostante la sua poca inclinazione all’accondiscendenza verso chi detiene il potere nelle segrete stanze. Egli non ha fino in fondo voluto accettare, tra tutte, la legge fondamentale: ovvero che una carriera si costruisce più con il saper fare la scelta giusta al momento giusto che con il proprio talento.

Quando, verso il 1940, Mank sembra aver però imbroccato un’inevitabile parabola discendente, Hollywood gli porge inaspettatamente la mano, offrendogli un lavoro certamente difficile ma non impossibile per uno come lui: scrivere il copione del nuovo film di un giovane autore in ascesa, Orson Welles, appena venticinquenne. Nonostante un’iniziale perplessità, un disilluso Mank accetta, soprattutto per mancanza di alternative. Lo chiudono in una casa nel deserto, assistito severamente da una governante e da una segretaria che devono assicurarsi che non beva e che, soprattutto, scriva.

Alle origini di Quarto Potere (1941), il film che è ancora adesso ritenuto il riferimento fondamentale del cinema statunitense, vi è dunque sì un genio celebrato come Welles, ma anche un autore come Mankiewicz, il quale ha contribuito a rinnovare il grande schermo evidenziandone le infinite potenzialità di racconto. Herman e Orson riceveranno, nel 1942, l’Oscar per la miglior sceneggiatura originale. A quel punto, Mank avrà così completato la gran parte del proprio percorso nei complicati ingranaggi degli Studios. Ma dopo averne scritto la storia.

Recensione

Iniziamo questa recensione di Mank, il nuovo splendido lavoro di David Fincher, con una consapevolezza: un solo articolo non potrà mai rendere giustizia né alla bellezza di questo film né alla sua importanza. Per fortuna avremo modo di parlarne tanto nei prossimi mesi, visto che plausibilmente Mank sarà uno dei favoriti ai prossimi Oscar e, chissà, magari anche il primo film di Netflix e di Fincher a vincere la statuetta per il miglior film. E prima ancora che possiate ribellarvi alla solo idea, sappiate che siamo perfettamente consci di quanto sia paradossale che il più bell'omaggio al cinema e alla …

Leggi la recensione completa di Mank (5.0 stelle su 5)

Perché ci piace

  • Tecnicamente superbo, un capolavoro di regia e cinematografia che ci permette di rivivere in pieno l'epoca d'oro di Hollywood.
  • Una sceneggiatura complessa, ben strutturata, ancora oggi rilevante; ricca di momenti e dialoghi memorabili che meritano di essere visti più di una volta.
  • Tutto il cast, Gary Oldman in primis, è al suo meglio: oltre al protagonista a brillare è soprattutto Amanda Seyfried nel ruolo dell'ex star del cinema muto Marion Davies.
  • Gli appassionati di cinema classico ameranno alla follia ogni citazione, ogni riferimento, ogni personaggio presente sullo schermo...

Cosa non va

  • ... ma ovviamente tutto questo potrebbe risultare più ostico per chi non conosce il contesto o magari non ne è particolarmente attratto.

Cast

Gary Oldman Gary Oldman Herman Mankiewicz
Amanda Seyfried Amanda Seyfried Marion Davies
Lily Collins Lily Collins Rita Alexander
Tom Pelphrey Tom Pelphrey Joe Mankiewicz
Arliss Howard Arliss Howard Louis B. Mayer
Tuppence Middleton Tuppence Middleton Sarah Mankiewicz
Monika Gossman Monika Gossman Fraulein freda
Sam Troughton Sam Troughton John Houseman
Toby Leonard Moore Toby Leonard Moore David O. Selznick
Tom Burke Tom Burke Orson Welles

Vai al cast completo di Mank

Accoglienza

Attualmente Mank ha ricevuto la seguente accoglienza dal pubblico:

Premi e nomination

I premi vinti da Mank e le nomination:

Academy Awards (2021)
10 nomination, 2 premi vinti

Altri 10 premi

Critica

Mank è stato accolto dalla critica nel seguente modo: sull'aggregatore di recensioni Rotten Tomatoes il film ha ottenuto un punteggio medio del 83% sul 100%, su Metacritic ha invece ottenuto un voto di 79 su 100 mentre su Imdb il pubblico lo ha votato con 6.9 su 10

Video

Vai a tutti i video

Immagini e foto

Vai alla galleria completa

News e articoli