Westworld

2016 - ....

Westworld: I 10 migliori momenti della serie

Con la fine della seconda stagione di Westworld proviamo a tirare le somme ed a individuare i dieci momenti più belli ed emozionanti.

Westworld: James Marsden ed Evan Rachel Wood

It's The End Of The World As We Know It (And I Feel Fine) cantavano i R.E.M. negli anni '90, ed è un po' come ci sentiamo dopo due stagioni di questa formidabile serie che ci ha abituato al cambiamento, a volte lento a volte veloce, verso consapevolezze sempre nuove, rivelazioni improvvise e scene spettacolari, lasciandoci il voyeuristico piacere di assistere alla rovina di un mondo, il nostro mondo, che si sgretola sotto la pressione di un'apocalittica forza senziente e artificiale. Passato, presente e futuro si confondono, si fondono, danzano in cerchio. Siamo confusi, spaesati, rapiti in un mondo che ci intriga, ci fa inorridire ma colpisce nel profondo con tale violenza da lasciarci spossati; è questo Westworld, l'intrigante serie di HBO che ha concluso da poco la sua seconda stagione. Ispirata al film di Michael Crichton, Il mondo dei robot, è stata ideata dai machiavellici Jonathan Nolan e Lisa Joy e ci porta faccia a faccia con il desiderio dell'uomo di essere un dio, creatore e spietato, pronto a piegare al suo volere creato e creature.

La forza di Westworld non è solo la sua intricata trama ma la splendida caratterizzazione dei personaggi, li conosciamo piano piano, ne scopriamo le debolezze, le paure, gli amori e le miserie, li amiamo e li odiamo, a volte allo stesso tempo, ed in queste sensazioni non ci importa più chi è umano e chi no. E, in effetti, ha veramente importanza? A maggio abbiamo appreso, con una certa soddisfazione, il rinnovo dello show per una terza stagione, siamo anche ahinoi consapevoli di dover aspettare ancora molto per vederla, quindi nel frattempo proviamo a ripercorrere i 10 migliori momenti, quelli che ci hanno emozionato di queste passate 2 stagioni, perché a Westworld tutto è concesso e niente è come sembra.

Leggi anche: Da Westworld a Jurassic Park: Michael Crichton, i parchi a tema e la ricerca di divertimento e piacere

Westworld: un'immagine della serie della HBO

1. I want to meet my maker (1x01)

Westworld: Peter Abernathy davanti a Ford

Peter Abernathy, il mite fattore di Westworld manifesta pesanti anomalie dopo il ritrovamento di una foto che immortala il mondo esterno. Portato dinnanzi a Robert Ford si aprirà un dialogo tra i più intriganti dell'intera serie: nella fredda ambientazione dei sotterranei del parco la creatura incontra il suo creatore, finalmente siedono l'uno davanti l'altro, nonostante abbiano intorno a loro Bernard e Theresa Cullen le luci di scena sono puntate su di loro come dei riflettori su un palcoscenico: illuminano il viso di Ford e le spalle di Abernathy che, vittima della sua confusione tra citazioni letterarie e battute appartenenti a ruoli da lui assunti in precedenza, afferma di voler incontrare il suo creatore, per poi enunciare quella che sin dall'inizio suona come profezia di sventura: "Per mano meccanica ed estremamente sudicia io avrò una tale vendetta di voi. Di voi due. Le cose che farò quali sono non lo so ancora, ma saranno il terrore della terra." Le parole del fattore non scuotono solo Ford ma lo spettatore stesso, ci fanno intuire quello che ben presto capiterà, finché a piantare definitivamente il seme della rivolta sarà Dolores, che, interrogata da Stubbs presumibilmente a pochi metri, rivela il completamento della profezia paterna: "Queste gioie violente hanno fine violenta."

Leggi anche: Westworld: un mondo binario e inquietante tra frontiera e fantascienza

2. Hai mai fatto male ad un essere vivente? (1x01)

Westworld: Dolores uccide una mosca

È questione di un attimo, un solo rapido istante e qualcosa si incrina. Al termine del primo episodio, dopo l'intenso incontro tra Ford e Abernathy, un piccolo ed inaspettato gesto segna il punto di non ritorno, qualcosa nel codice di Dolores è cambiato: una mosca, uno schiaffo e nulla è più come prima. Un semplice, umano, comune e violento gesto che è la scintilla che lentamente arderà fino a diventare fuoco di ribellione. Poco prima Dolores aveva risposto alla domanda di Ashley Stubbs "Hai mai fatto male ad un essere vivente?" con un secco no e allora, cosa è cambiato? Capiremo poi che la risposta non è del tutto sincera: anni prima era stata la stessa Dolores ad uccidere Arnold dopo aver assunto la personalità del bandito Wyatt, ma sappiamo anche che il fatto è avvenuto per volere dello stesso creatore piegato da rimorsi e dolori familiari. La bella figlia del fattore non ricorda nulla ma sa ogni cosa, la verità è in ogni riga del suo codice in attesa di essere ritrovata attraverso un dedalo di esperienze e dolore ben rappresentato dal labirinto in cui si cela la coscienza stessa.

Leggi anche: Westworld, il bianco e il nero: la simbologia dei colori per decifrare lo show HBO

3. La creazione (1x06)

Westworld: Maeve nei laboratori sotterranei

Maeve è la maitresse del bordello di Westworld, luogo in cui gli ospiti decidono di dare spesso sfogo ai loro desideri più abbietti; è intelligente, brillante e riesce a fare qualcosa di unico: svegliarsi mentre è in riparazione. È così che prende atto della sua vera natura, si rifiuta di dimenticare cercando di accumulare più informazioni possibili, notte dopo notte, ferita dopo ferita. Una notte riesce a convincere un reticente e spaventato Felix Lux a mostrarle la struttura in cui gli host vengono creati. Accompagnata da una meravigliosa cover strumentale di Motion Picture Soundtrack dei Radiohead, Maeve sale piano dopo piano, settore dopo settore; può avere uno sguardo privilegiato sulla creazione e una cruda conferma delle spiegazioni datele da Felix: molto di ciò che sa e ciò che ricorda è mera menzogna, ogni cosa, ogni piccolo gesto totalmente privo di spontaneità, finché sugli schermi non vede le immagini che determineranno i suoi obiettivi: lei con una bambina, la stessa piccola che sogna ogni notte, l'affetto che sembra essere l'unica cosa autentica in un mare di finzione. La costruzione dell'intera scena, la lentezza con cui è narrata, contribuiscono a rendere questo uno dei momenti più intensi e significativi dell'intera serie, consacrando Maeve e il suo amore di madre caposaldo dell'intero plot. Non sappiamo se gli sceneggiatori si siano ispirati all'omonima regina della mitologia gaelica, ma di sicuro le assomiglia nel carattere: forte, implacabile e determinata sarà capace di affrontare l'inferno per raggiungere il suo scopo e come dice lei al termine dell'episodio "Ragazzi miei ci sarà da divertirsi."

Leggi anche: Westworld, episodio sei: l'ascesa di Maeve e la riscossa di Teddy

4. Settore 17 (1x06)

Westworld: una foto dell'episodio Contrapasso

Quanto la nostalgia può risultare utile, una spinta invece che una zavorra? Bernard individua dei residenti non registrati all'interno del parco e, recatosi a controllare, scopre una famiglia intenta nelle attività quotidiane. Aggredito dal padre che non risponde in alcun modo ai comandi vocali standard, viene salvato dall'intervento di Robert Ford. Gli Host sono di prima generazione, riproduzioni della famiglia del creatore del parco. Bernard è perplesso, ma Ford gli racconta che sono un regalo lasciatogli da Arnold e che lui ha mantenuto "funzionante" in quanto memoria dell'amico scomparso nonché dell'unico momento felice della sua infanzia. Questi "Spettri, ora, sopravvissuti alla rovina del tempo", come li definisce, appaiono quasi un monito ma anche un punto fermo. Durante il corso della serie abbiamo visto altre volte Robert incontrare il suo Host infantile, possiamo dedurre che sia qualcosa a cui il criptico fondatore si aggrappa per trovare motivazione? Oppure una sorta di punizione auto inflitta, qualcosa per cui ritiene giusto soffrire? Gli occhi malinconici di Anthony Hopkins fanno il resto, a noi non restano altro che le supposizioni.

Leggi anche: Nel labirinto di Westworld - Misteri e soluzioni della serie dell'anno

5. Hello Dolores (1x10)

Westworld: Arnold crea Dolores

È la nascita, è come tutto è cominciato: un'incompleta Dolores, l'host più longevo del parco, apre gli occhi per la prima volta. Ad accoglierla un orgoglioso Arnold, che con voce paterna pronuncia le parole "Ciao Dolores, benvenuta al mondo." Un istante che racchiude tutto: la creazione, l'orgoglio, lo smarrimento. Non ci vengono mostrati complessi macchinari, nessuna produzione in serie, solo le mani che sistemano e plasmano quel corpo a propria immagine, si assicurano amorevolmente che tutto sia pronto ad accogliere una nuova nascita. Proprio come la biblica Eva, Dolores viene creata, prima donna di molte altre, non calata in un paradiso terrestre ma in un inferno in terra, in una realtà fittizia che metterà ben presto in discussione; ma dopotutto quello è l'attimo, il primo raro momento di affetto di un padre verso una figlia e di un creatore verso la sua creatura.

Leggi anche: Westworld, il finale di stagione: la rivoluzione è autocoscienza

6. Il fascino del mondo oltre il parco (2x02)

Westworld: Dolores nel mondo umano

Guardare il mondo con lo stupore di un bambino è una delle doti più grandi che un essere umano possa avere, con l'avanzare dell'eta, però, smettiamo troppo presto di cedere alla meraviglia presi da una vita sempre più veloce, sempre più esigente ma stanca e disillusa. Un Host invece può, la sua mente incontaminata riesce a godere di ogni minima meraviglia e ce lo mostra Dolores portata, quando ancora il parco non era attrazione, nel mondo esterno da Arnold. Nel rimanere incantata dinanzi alla vista dei grattacieli della metropoli mostra al suo creatore un'anima pura, candida come quella di una bambina, il suo sguardo fisso e sognante ricorda a tutti noi qualcosa che avevamo e che abbiamo perso.

Leggi anche: Westworld 2, il commento all'episodio Reunion: siamo già stati qui

7. Un'altra me (2x05)

Westworld: un'immagine di Clementine

Alla povera Clementine ne succedono di tutti i colori sin dall'inizio: dismessa nella prima stagione dopo essere stata usata e manipolata per dimostrare l'aggressività degli host, torna emaciata e combattiva nella seconda stagione al fianco di Teddy e Dolores. Le cose per lei però non migliorano, a minare il suo equilibrio sarà l'incontro con colei che l'ha sostituita al bordello di Westworld e che ci appare intenta a parlare con un'inesistente Maeve, pronunciando frasi che abbiamo sentito da Clementine più e più volte, capisaldi di quel copione che è parte indelebile del suo codice. A questo punto la camera si sposta fino ad inquadrare una smarrita Clementine in lacrime che scandisce, muta, con le labbra ogni parola che fino a poco tempo prima era appartenuta esclusivamente a lei. La scena si conclude con Dolores che le ordina di tornare dagli altri e si rivolge a Teddy, dicendo: "Te lo avevo detto Teddy, questo posto non è casa." Tra le rovine del parco non c'è più nessun posto che possano chiamare casa, una volta sollevato il velo di menzogne non rimane più nulla, se non l'eco di quello che è stato.

Leggi anche: Westworld, Akane no Mai: la madre delle A.I. e la distruttrice di catene

8. Fedeltà (2x06)

Westworld: Dolores e Bernard

La puntata si apre, come è successo diverse volte prima, con Dolores e Bernard soli in una piccola stanza sotterranea. Bernard esordisce dicendo: "Tu mi fai paura a volte Dolores", preoccupandosi di cosa possa diventare l'host, di come possa sfruttare la sua intelligenza, ma ad un certo punto il sosia del creatore dice qualcosa di non coerente con il pensiero di Arnold e Dolores interviene, blocca le funzioni motorie del suo incredulo interlocutore e lo corregge. Tangibile, come al solito, la bravura di Evan Rachel Wood, i suoi improvvisi cambi di espressione e atteggiamento, e la differente mimica facciale la rendono sublime in questo tipo di scene. Come dice a Bernard, lo scopo di questo test è la fedeltà al personaggio e di sicuro per lei è prova superata!

Leggi anche: Westworld 2, Phase Space: il dio nella "culla" e il potere di scegliere

9. Akecheta (2x08)

Westworld: Zahn McClarnon  in una scena dell'episodio Kiksuya

Akecheta è un host della tribù fantasma, anche lui ricorda le sue vite passate e per ritrovare la donna che ama, portata via dai misteriosi uomini del sottosuolo e convintosi di vivere nel "mondo sbagliato", compie un'autentica discesa agli inferi. Determinato a scoprire finalmente cos'è ciò che ha visto nel deserto e a capire dove portano chi scompare, si fa uccidere. Ciò che sperimenta nel sottosuolo è molto simile all'esperienza di Maeve, anche la scena è estremamente simile, ma più solitaria. Si inoltra in questo luogo oscuro senza guardarsi troppo attorno, l'amore non perde tempo e lui lo sa bene, scende ancora ed ancora fino a giungere nel livello più basso e spettrale del complesso, lì dove giace chi non fa più ritorno. È nel buio e nel fetore di quei corpi sintetici lasciati a marcire che ritrova la sua Kohana, o almeno ciò che resta di lei, un mero involucro, vuoto, privo di ogni guizzo vitale, di ogni parvenza di pensiero o cognizione. E lì tra le lacrime, quando intravede anche altri della sua tribù, fa una riflessione che riassume quasi in poesia il senso di perdita, lo smarrimento e l'impotenza che si prova al cospetto della morte di chi si ama: "È stato quello il momento in cui ho visto oltre me stesso. Il mio dolore era egoista. Perché non era mai stato solo mio."

Leggi anche: Westworld, il commento all'episodio Kikuya: il racconto di Akecheta

10. La fine di Teddy (2x09)

Westworld: Dolores piange la morte di Teddy

Il paladino è il ruolo più ingrato che si possa avere in una qualsiasi storia e il povero Teddy ne sa qualcosa. Costantemente in balia del suo ruolo e del destino che i creatori hanno scelto per lui, sembra incapace di fare del male e quando Dolores decide di renderlo uno spietato giustiziere alterando i suoi valori, abbiamo intuito fin da subito che la vicenda sarebbe finita in tragedia. In risposta alle variazioni il pistolero gentile diviene sì più spietato, ma anche maggiormente instabile. Incapace di abbracciare fino in fondo il suo oscuro ruolo, e sfinito dal fatto che ogni sua più cruenta azione va in contrasto con il suo codice più profondo, finalmente ricorda ogni cosa fin dalla prima volta che ha aperto gli occhi e la disperazione prende il sopravvento. "Che senso ha sopravvivere se siamo crudeli quanto loro?" dice estraendo la pistola, non per sparare alla donna che ama, ma a se stesso, non potrà più proteggerla e se ne scusa, poi preme il grilletto. La puntata si chiude così, con il dolore, la meccanica disperazione di Dolores preludio dell'apocalisse.

Leggi anche: Westworld 2, il commento a Vanishing Point: il rimpianto degli assassini

Westworld: I 10 migliori momenti della serie
Cinecittà World
Cinecittà World

Mostra i vecchi commenti

Westworld: 5 elementi che rendono la seconda stagione ancora più ricca e avvincente
Westworld e Lost: 10 somiglianze tra le serie tv di J.J. Abrams