Il signore degli anelli - La compagnia dell'anello

2001, Fantastico

Speciale Il signore degli anelli: 15 anni dopo, la via prosegue senza fine

Oggi, tre lustri or sono, approdava nelle sale americane Il signore degli anelli - La compagnia dell'anello: ecco il nostro speciale tributo per ricordare le emozioni e le meraviglie della prima di trilogia tolkieniana firmata da Peter Jackson.

Come ogni misura arbitrariamente e umanamente concepita, quindici anni sono una quantità relativa. Per i giovani, da quel mese di dicembre del 2001 è passata quasi una vita intera; per chi era già adulto allora magari sembra l'altro ieri. Ma una cosa è certa: per il linguaggio e la tecnologia del cinema quindici anni sono un tempo ricco e lunghissimo, una vera e propria nuova era inaugurata in quell'inverno tenebroso per il mondo in cui il sogno di tanti artisti, appassionati e cineasti, di una versione filmica fedele e prestigiosa del romanzo fantasy che aveva conquistato generazioni di lettori, approdò nelle sale restituendoci una gioia insperata.

Leggi anche: Il Signore degli Anelli: che fine hanno fatto i protagonisti?

Una scena de Il signore degli anelli - Il ritorno del re
Ian McKellen come un Gandalf di John Howe

L'impresa riuscì a un hobbit neozelandese di nome Peter Jackson, che prima di cimentarsi con la gargantuesca trasposizione tolkieniana aveva diretto degli horror bizzarri ed esilaranti e una incantevole favola nera. Il successo de Il signore degli anelli lo traformò in uno dei cineasti più influenti e potenti del pianeta, ma soprattutto gli valse la sempiterna gratitudine non solo dei lettori dell'opera di J.R.R. Tolkien (molti dei quali, dopo la trilogia "minore" Lo hobbit, sperano ancora di vederlo portare sul grande schermo anche la tragica e monumentale vicenda dei Silmaril) ma anche di un pubblico più ampio e variegato, che ha visto nei suoi film il più pieno e soddisfacente compimento di un'idea di cinema che ci riportava alle origini del medium, allo stupore e alla magia.

Che siano per voi un'eternità o un battito di ciglia, in ogni caso sono stati quindici anni più belli per la presenza di questi film nella nostra vita. Ve ne parliamo attraverso i nostri articoli per un omaggio degno (o quasi) della loro magnitudine.

Leggi anche:

Su e giù per la Terra di Mezzo

La compagnia dell'anno 15 anni dopo: una saga per ghermirci e nel fantasy incatenarci

Un film per incatenarci tutti. Alla meraviglia, all'epica, all'amicizia, ad un viaggio che forse non è mai finito davvero. Era il 18 gennaio 2002 quando La Compagnia dell'Anello arrivava sui grandi schermi italiani. Da allora nel cinema, nel suo regista, nei suoi attori e nei nostri occhi niente è stato più lo stesso.

Il signore degli anelli: Le due torri, una scena con Bernard Hill e Viggo Mortensen

Dieci cose che (forse) non sapete sulla trilogia tolkieniana di Peter Jackson

In occasione del quindicesimo anniversario della release del primo episodio, ricordiamo il monumentale adattamento tolkieniano con qualche curiosità e qualche gustoso aneddoto sulla sua travagliata e gloriosa realizzazione.

Il signore degli anelli e Lo hobbit: le due trilogie a confronto

Con l'uscita, due anni fa, de Lo Hobbit: La Battaglia delle Cinque Armate si è chiuso forse definitivamente il viaggio nella Terra di Mezzo ad opera del regista Peter Jackson: da Il Signore degli Anelli a Lo Hobbit, riflettiamo su virtù, limiti ed elementi chiave delle due trilogie che hanno rivoluzionato la storia del cinema fantasy. [Continua a leggere]

Una scena de Il signore degli anelli: Le due torri

I 15 momenti cult de Il signore degli anelli

Lo Hobbit, per quanto apprezzabile, vi ha fatto rimpiangere Il signore degli anelli? Peter Jackson ci lascia comunque una grande e preziosa eredità, avendo donato al cinema con la prima trilogia un universo fantasy che grazie a Il signore degli anelli è diventato mainstream. Ripercorriamo i primi tre episodi della saga attraverso i nostri 15 momenti cult. [Continua a leggere]

La voce di Gandalf: il retaggio di J.R.R Tolkien al cinema

A quarant'anni dalla morte del Professore, abbiamo fatto il punto sul rapporto tra l'opera letteraria di Tolkien e il cinema; già spiazzato, negli anni '60, dal successo e dall'impatto culturale dei suoi romanzi, avrebbe mai potuto immaginare il suo futuro da proficuo soggettista per alcuni tra i maggiori blockbuster degli albori del nuovo millennio? [Continua a leggere]

Ian McKellen ne Il signore degli anelli - Il ritorno del re

Il signore degli anelli: dal testo allo schermo

A Fran Walsh e a Philippa Boyens toccò il compito più delicato e meno appariscente, quello di dare credibilità al sogno di Jackson e adattare il poderoso romanzo di Tolkien cercando da accontentare produttori esecutivi, manager, pubblicitari, critici, ordinari spettatori, amanti del fantastico, neofiti tolkieniani e smaliziati esperti di Quenya e Sindarin: serviva un miracolo. E miracolo fu. [Continua a leggere]

Il signore degli anelli: che fine hanno fatto i protagonisti?

Una panoramica dell'evoluzione della carriera di chi ha contribuito alla trilogia tolkieniana, davanti e dietro la macchina da presa. Peter Jackson continua a trasformare i sogni in film, Cate Blanchett ha vinto due Oscar, Ian McKellen è instancabile tra teatro, cinema e TV... e gli altri? [Continua a leggere]

La trilogia: le nostre recensioni dell'epoca

La compagnia dell'anello: una festa a lungo attesa

John Ronald Reuel Tolkien espresse più volte il desiderio che dal suo capolavoro, quel poderoso romanzo che era nato come seguito del ben più snello Lo hobbit, non venisse tratta una riduzione cinematografica. E finalmente con l'arrivo nelle sale de La compagnia dell'anello quel sogno divenne realtà. [Continua a leggere]

Gli innamorati a Rivendell

Le due torri: è guerra nella Terra di Mezzo

Non ci sono dubbi sul fatto che, nonostante qualche difetto di continuità nella versione theatrical, il secondo film della trologia tolkieniana è un'opera di eccellente fattura, molto coinvolgente ed emozionante, soprattutto grazie alla splendida battaglia al Fosso di Helm che è in realtà il vero cuore del film e forse dell'intera saga. [Continua a leggere]

Veduta di Isengard in una scena di Il signore degli anelli - Le due torri

Il ritorno del re: e il re è Peter Jackson

Sarebbe banale e scontato iniziare a tessere le lodi della straordinaria perizia tecnica con la quale il terzo film della serie è realizzato, la spettacolarità di scene, sequenze e scenografie, l'uso mai tanto azzeccato degli effetti speciali digitali creati dalla Weta, e quant'altro. Ma la vera, straordinaria forza de Il ritorno del Re, così come della Trilogia tutta, non sta nel pur spettacolare e sorprendente sforzo produttivo del film che si prepara a fare della seria concorrenza ad Hollywood, quanto nella sapienza di Jackson come narratore, come ultimo e più forte testimone della forza e della magia della narrazione filmica. [Continua a leggere]

 scena di Il signore degli anelli - Il ritorno del re

La saga della Terra di Mezzo

L'universo di J.R.R. Tolkien al cinema

Definito "infilmabile" da Stanley Kubrick, dopo qualche tentativo mai andato in porto Il signore degli anelli ha prodotto, grazie a Peter Jackson, una delle trilogie cinematografiche più belle e popolari della storia del cinema. La trilogia-prequel de Lo hobbit non ha eguagliato quei fasti inarrivabili, ma è stata in ogni caso un grande successo. E gli appassionati non sono ancora sazi... [Continua a leggere]

Speciale Il signore degli anelli: 15 anni dopo,...

Mostra i vecchi commenti

Lo Hobbit e Il Signore degli Anelli: le due trilogie a confronto
Il signore degli anelli: che fine hanno fatto i protagonisti?