Facebook

Da Pinocchio a Blonde: i 10 migliori film Netflix del 2022

Da Hustle a The Adam Project, fino a Pinocchio e Glass Onion: fine anno, giro di liste e classifiche. E allora, ecco i dieci film del 2022 targati Netflix che dovreste assolutamente (ri)vedere.

Da Pinocchio a Blonde: i 10 migliori film Netflix del 2022

Sempre complicato stilare liste, top ten e classifiche generali. Ogni volta resta fuori qualcosa, non c'è spazio per tutto e si è costretti a scendere a compromessi. Lascio fuori quello o quell'altro? Seguo la soggettività oppure bisogna attenersi all'oggettività? Tutto giusto e tutto lecito, ma in mezzo ai dubbi c'è una certezza. Chi dice che su Netflix non ci sono film di qualità, sbaglia. Di grosso. Anno dopo anno, in mezzo a tanti prodotti leggeri e mainstream (sacrosanti), sulla piattaforma streaming sono usciti numerosi titoli davvero degni di nota, che spesso finisco poi per essere protagonisti durante la film awards seasons. Roma di Alfonso Cuarón, The Irishman di Martin Scorsese, Mank di David Fincher o È Stata la Mano di Dio di Paolo Sorrentino sono solo alcuni (lampanti) esempi.
Del resto, questo 2022 si conferma denso di qualità artistica, offrendo agli abbonati uno spettacolo non molto dissimile da quello che possiamo ammirare al cinema. Dunque, lasciando fuori - nostro malgrado - diversi titoli, ecco i 10 migliori film targati Netflix usciti durante l'anno!

1. Pinocchio

Pinocchio
Pinocchio: un'immagine del film

L'unico modo di rivedere Pinocchio al cinema? Ribaltarlo e rivoluzionarlo. Guillermo del Toro rivede la favola di Collodi, strutturandola come opera anarchica e oscura, che si concentra tanto sulle meschinità umane (è ambientato durante il Ventennio Fascista) quanto sul retaggio immortale che si porta dietro il burattino più famoso dell'universo. Girato in stop-motion, il Pinocchio di del Toro è un gioiello sia dal punto di vista visivo che da un punto di vista narrativo. Non era facile affrontare la leggenda di Collodi, eppure la capacità artistica del regista messicano ci mette di fronte ad un'opera spiazzante, sincera, satirica e quanto mai politica.

Il Pinocchio di Guillermo del Toro, ovvero: come ho imparato a non preoccuparmi della morte e ad amare la vita

2. The Adam Project

The Adam Project 2 Uplklxw
The Adam Project: Ryan Reynolds, Zoe Saldana in una scena

I viaggi nel tempo sono uno degli argomenti più affascinati e battuti dal cinema. La lista è ovviamente lunga, e non tutti sono all'altezza. Ma se cercate un bel film sui viaggi spazio-temporali, capace di offrire divertimento e un'onesta commozione, allora recuperate The Adam Project diretto dal bravo Shawn Levy. Il protagonista? Ryan Reynolds, viaggiatore del tempo che torna nel 2022 con lo scopo di bloccare il progetto Adam, studiato e progettato dal defunto papà Louis, interpretato da Mark Ruffalo. Nel cast anche Zoe Saldana, Catherine Keener e il piccolo Walker Scobell, che interpreta l'Adam più giovane. Un film sci-fi, ma anche un film sul rapporto padre-figlio e sulla nostra relazione con il passato e con i ricordi. E orecchio alla soundtrack, c'è la mitica Let My Love Open The Door di Pete Townshend.

The Adam project, Ryan Reynolds e Mark Ruffalo reclutano Christopher Lloyd per un video promozionale

3. Apollo 10½

Apollo 10 E Mezzo Photo Credits Netflix 1 Bxrkljd
Apollo 10 e mezzo: una scena del film d'animazione

Quando Richard Linklater parla di passato, ricordi e nostalgia non ce n'è per nessuno. Figuriamoci se in mezzo c'è uno degli eventi storici più importanti, che ha catalizzato e alimentato l'immaginazione di mezzo mondo. E proprio di immaginazione parla Apollo 10½, film animato post-prodotto con la tecnica del rotoscopio, con protagonista Stan, un ragazzo di Huston che sogna di far parte dell'Apollo 11. Anzi, che sogna di essere lui stesso il primo uomo a mettere piede sulla Luna. Tra citazioni, rimandi e vibrazioni positive, quello di Linklater è uno dei migliori titoli Netflix del 2022.

Apollo 10 e mezzo, la recensione: nostalgia astronomica

4. Hustle

Hustle 9
Hustle: Adam Sandler, Juancho Hernangomez in una scena del flim

Cinema e sport vanno sempre molto d'accordo. Soprattutto, va d'accordo il cinema con il basket e con l'NBA. Non c'è miglior sport da vedere in un film, e Hustle, diretto Jeremiah Zagar e prodotto da LeBron James, è l'esempio perfetto: una storia di rivincita personale, di coraggio e perseveranza. Al centro la figura dell'underdog, archetipo del genere e motore per il racconto. Protagonista è Adam Sandler, che interpreta Stanley, un talent scout per i Philadelphia 76ers. Stanco di girare il mondo, vorrebbe finalmente stabilizzarsi come assistente coach, ma prima un'ultima sfida: trovare il giocatore che potrebbe far vincere il titolo alla squadra. Un film sui sogni, sul talento e sulla fiducia. E l'ennesima riprova di quanto Sandler sia un attore sottovalutato.

Hustle, la recensione: tutto il mondo è un campo da basket

5. Athena

Athena 3
Athena: una scena del film

Il film che ha "acceso" la Mostra del Cinema di Venezia 2022. Athena, diretto da Romain Gavras, si apre con un piano sequenza di quindici minuti, portandoci nel bel mezzo dell'azione: una rivolta in un quartiere periferico francese. In mezzo tre fratelli (Dali Benssalah, Sami Slimane, Ouassini Embarek) e il loro approccio alla vendetta, alla guerra, alla fratellanza. Un film altamente sensoriale che si rifà alla tragedia greca (e il titolo non è un caso), in grado di mettere l'immagine e la narrazione sullo stesso bilanciato livello. Uno dei migliori film distribuiti da Netflix, e anche uno dei migliori film del 2022.

Athena, la recensione: Le banlieue di Romain Gavras tra furia visiva e cori greci

6. Sr.

Sr 2 Lqfcvjx
Sr.: Robert Downey Senior e Rober Downey Junior in un'immagine

Un film costruito come fosse un documentario, un'opera umana e una lezione di cinema. In fondo, il tratto sfumato di Robert Doweny Jr., che dedica a suo padre Robert Downey Sr. una sorta di straziante lettera d'addio. Girato in bianco e nero, Sr. è un ritratto intimo, sommesso e delicato, incentrato su un padre ma anche su un regista, che ha fatto del cinema il suo credo assoluto. Un film sui compromessi, sulle difficoltà, sull'accettare il proprio destino, senza rinunciare alla costante ricerca della bellezza.

Sr., la recensione: l'opera umoristica (e straziante) di un formidabile newyorkese

7. Blonde

Blonde 2
Blonde: Ana de Armas in una foto del film

Andrew Dominik, Ana De Armas e l'inferno da sogno vissuto da Marilyn Monroe. In mezzo, diversi formati, il colore che si alterna al bianco e nero e diverse sequenze dal forte impatto emotivo. Tuttavia, Blonde è uno dei film più atipici di questo 2022. Attesissimo, discusso ancora prima che uscisse, accolto freddamente alla Mostra del Cinema di Venezia, nonostante la performance di Ana de Armas e le intuizioni visive del regista. E dopo? Quando uscì su Netflix, a fine settembre, passo quasi inosservato, restando in top 10 per pochissimi giorni. Un caso davvero strano e particolare (in fondo stiamo parlando di un film su Marylin), rendendolo uno dei titoli più sottovalutati dell'anno.

Blonde, la recensione: il corpo di Marilyn come campo di battaglia

8. Glass Onion - Knives Out

Glass Onion Knives Out 18
Glass Onion - Knives Out: Daniel Craig, Kate Hudson, Leslie Odom Jr., Jessica Henwick in una scena del film

Glass Onion - Knives Out è il secondo capitolo della più amata saga whodunit contemporanea. O più semplicemente, il grande ritorno del detective Benoit Blanc, interpretato da Daniel Craig. Un sequel, ancora diretto da Rian Johnson, ancora più colorato, eclettico ed eccentrico, sapientemente costruito per intrattenere e divertire, nonostante l'approccio tenda ad essere meno raffinato del primo film. Come da tradizione (perché ormai Knives Out è una tradizione) il cast è all star e comprende Edward Norton, Janelle Monae, Kathryn Hahn, Leslie Odom Jr., Kate Hudson, Dave Bautista, Jessica Henwick, fino ai camei di Ethan Hawke, Hugh Grant e... Angela Lansbury!

Glass Onion - Knives Out, la recensione del nuovo caso Netflix di Benoit Blanc: un atto di distruzione

9. Niente di Nuovo sul Fronte Occidentale

Niente Di Nuovo Sul Fronte Occidentale Credits Reinerbajo 18
Niente di nuovo sul fronte occidentale: una sequenza del film

Ben tre adattamenti per il romanzo di Erich Maria Remarque. Il primo nel 1930, il secondo nel 1979 e ora, nell'epoca dei remake, è arrivato il terzo. A dirigere il film Edward Berger che, seguendo i riflessi originali, evita la retorica, scavalca l'epica e si concentra invece sugli aspetti più controversi della Guerra (qui siamo nella trincea del Primo Conflitto Mondiale), visti con gli occhi del cadetto tedesco Paul Bäumer, con il volto di Felix Kammerer. Tecnicamente ineccepibile e dalla durata importante, Niente di Nuovo sul Fronte Occidentale si aggiunge alla lista di quei war movies che ci ricordano quanto siano profondamente e innegabilmente idiote le guerre. Un tema, oggi, marcatamente attuale.

Niente di nuovo sul fronte occidentale, la recensione: la guerra del dolore

10. RRR

Rrr Poster
Locandina di RRR

Tra i migliori 10 film distribuiti da Netflix entra, di diritto, RRR dell'indiano S. S. Rajamouli. Il motivo? Presto detto: potrebbe essere una delle sorprese degli Oscar 2023, dopo aver ottenuto due nomination ai Golden Globes, tre ai Saturn Award e ben cinque ai Satellite Award. Per tutti e tre i premi, RRR concorre per il miglior film straniero. Un'epopea lunga oltre tre ore che ci porta nel 1920, tra amicizia, rivoluzione e un viaggio che porterà i protagonisti ad uno scontro inaspettato. Girato ad altissimo budget, il film non è tratto da una storia vera, benché prenda spunto da due figure davvero esistite che hanno lottato contro l'oppressione britannica. Senza dubbio, uno dei casi (streaming) dell'anno.

I 15 film più significativi del 2022, da Licorice Pizza a The Fabelmans