Black Widow in blu-ray, la recensione: un'altra immersione spettacolare nel mondo Marvel

La recensione del blu-ray di Black Widow: il prodotto Disney sfodera un video ricco e sontuoso, mentre l'audio è potente e immersivo con solo qualche leggera sbavatura.

RECENSIONE di 04/10/2021
Black Widow 5
Black Widow: Scarlett Johansson in una scena d'azione

Dopo le precedenti apparizioni nel Marvel Cinematic Universe, Natasha Romanoff meritava sicuramente un film tutto da protagonista assoluta, un prodotto divertente, appassionante e ricco di adrenaliniche scene di azione. Come vedremo nella recensione di Black Widow in blu-ray, prodotto che rende giustizia alla spettacolarità del film diretto Cate Shortland con Scarlett Johannson protagonista, il film Marvel Studios soddisfa le attese, con una storia che scava nel passato della Vedova Nera e nei suoi lati oscuri, posizionato cronologicamente dopo Captain America: Civil War e prima di Avengers: Infinity War. Nel cast anche Florence Pugh nei panni di Yelena, David Harbour in quelli di Alexei/The Red Guardian e Rachel Weisz in quelli di Melina.

Il video: dettaglio granitico, croma potente e immagini fluide

Widowcover

Black Widow è arrivato in commercio con varie edizioni targate Walt Disney Studios Home Entertainment. Noi abbiamo potuto analizzare il blu-ray: ebbene, che si tratti di animazione o live action, difficilmente un prodotto Disney tradisce le attese sul fronte video. È anche il caso di Black Widow, che offre una qualità di immagine in linea con quelle di un film spettacolare ad alto budget. Il quadro è estremamente nitido in ogni occasione, come si conviene a un girato digitale. Il video infatti è cristallino nel dettaglio, con dovizia di particolari sui volti dei protagonisti, nelle ambientazioni e nelle panoramiche, come nei costumi, fino al minimo graffio delle armature o alla minuscola cucitura di una tuta. E se questa è la resa del blu-ray, non osiamo immaginare quella del 4K UHD che è regolarmente in commercio.

Black Widow 6
Black Widow: Taskmaster in una scena del film

Stessa resa potente anche sul fronte cromatico, con un video che sfodera colori forti e vividi, anche abbaglianti quando abbondano le esplosioni, ma senza mai sconfinare nell'artificiosità. Il tutto corredato da bianchi brillanti e neri solidi e profondi. E anche qui immaginiamo ci sia uno step ancora maggiore nella versione 4K UHD. Un cenno anche alle tante scene adrenaliniche di azione, alcune a ritmo davvero frenetico, come quella del lungo precipitare dei protagonisti dalla struttura in distruzione: ebbene in tutti questi frangenti non si registrano sbavature o problemi di sorta, le immagini mantengono una fluidità perfetta e un impatto visivo impressionante.

Black Widow, la recensione: la Fase 4 Marvel ha una partenza tutta al femminile

Black Widow Scarlett Johansson Florence Pugh8
Black Widow: Scalett Johansson e Florence Pugh in una scena

Audio immersivo e coinvolgente con bassi muscolari

Black Widow David Harbour O2Uwgna
Black Widow, David Harbour in una scena del primo trailer del film

Sul fronte audio, la traccia italiana è in Dolby Digital Plus 7.1 ed è davvero ottima, visto che sfodera soprattutto una robusta quantità di bassi muscolari in varie sequenze. E ovviamente le spettacolari scene di azione sono numerose e molto roboanti, tra esplosioni, auto che sfrecciano, detriti che si perdono in ogni direzione, macerie e scintille. Un'esperienza coinvolgente e immersiva, forse va registrata qualche piccola sbavatura nella pulizia del microdettaglio e a livello di profondità: sia chiaro che l'asse posteriore è attivissimo, ma in un paio di occasioni si privilegia il caos più che il particolare.

Black Widow: 5 cose che potreste non aver notato

Black Widow 4
Black Widow: Scarlett Johansson in una scena

Va detto anche che rispetto al lossless originale DTS-HD Master Audio 7.1, la traccia italiana non segna una distanza abissale ma si mantiene abbastanza a contatto, anche perché l'originale, pur a tratti devastante, non è esente anch'esso da piccole sbavature a livello di profondità sonora. Detto questo, sia chiaro che musica ed effetti sonori picchiano comunque forte e che per lo spettatore Black Widow rimane uno show sonoro comunque molto suggestivo.

Extra discreti con mezz'ora tra contributi e scene eliminate

Black Widow 2
Black Widow: William Hurt in una scena

Solo discreto il reparto extra, con una mezz'ora abbondante di contenuti speciali tra featurette, gag e scene eliminate. Si parte con un'introduzione della regista Cate Shortland (1') che condivide la sua visione del film e del personaggio, a seguire Le sorelle risolveranno tutto (5' e mezzo) sul legame che si è creato tra Scarlett Johansson e Florence Pugh, sull'importanza del loro allenamento per entrare nel rapporto tra i loro personaggi.

Black Widow 4
Black Widow: una scena dal nuovo trailer

Si prosegue con Vai alla grande se vai a casa (9'), che esplora la storia, i personaggi, la regia di Cate Shortland, le location, la scenografia, gli effetti visivi e le coreografie con focus sulle sequenze di azione e il lavoro degli stunt. Troviamo poi Papere (3') con momenti divertenti durante le riprese sul set, e per chiudere ben nove scene eliminate (per un totale di 14 minuti). Questi i titoli delle sequenze tagliate: Supermarket, Inseguimento in bici, Lotta nel gulag, Smile, Seguitemi, Cammina e parla, L'allenamento delle Vedove Nere, Il bacio, Ohio.

Conclusioni

A conclusione della recensione del blu-ray di Black Widow, non possiamo che ribadire la qualità del prodotto Disney, che soprattutto sul fronte video meraviglia e incanta grazie a immagini nitide, dettagliate e sempre compatte, anche nelle scene più frenetiche. Ottimo e coinvolgente l’audio, anche se con qualche piccola sbavatura, solo discreto invece il reparto dei contenuti speciali.

Movieplayer.it

4.0/5

Perché ci piace

  • Un video dal dettaglio eccellente su tutti i piani.
  • La compattezza delle immagini anche nelle scene più frenetiche.
  • Un croma esuberante e incisivo.
  • Un audio coinvolgente con un ampio utilizzo dei bassi.
  • Gli extra presenti sono interessanti.

Cosa non va

  • Purtroppo, però, solo mezz’ora di contenuti speciali sono pochini.
  • In qualche frangente nell’audio prevale la potenza a scapito del microdettaglio.