Annabelle 3, La bambola assassina (2019), Wolf Call, American Animals, Go Home e i voti del mese DVD e Blu-ray

Nella nostra rubrica mensile Blu-ray-DVD le recensioni di: Annabelle 3, La bambola assassina (2019), Wolf Call - Minaccia in alto mare, American Animals, Go Home - A casa loro, La mia vita con John F. Donovan, La grande abbuffata, Il grande salto, Quello che i social non dicono, Zen sul ghiaccio sottile, Lucania - Terra Sangue e Magia.

APPROFONDIMENTO di 04/11/2019
Annabelle 3 1
Annabelle 3: un'immagine della bambola Annabelle

Horror, tensione, rapine, zombi, documentari e classici del passato: non manca proprio niente nella nostra rubrica mensile di recensioni DVD e Blu-ray, che si apre proprio all'insegna dell'horror con gli inquietanti Annabelle 3, ennesimo episodio del variegato franchise The Conjuring, e il nuovissimo La bambola assassina, reboot del celebre film omonimo del 1988.

A seguire grande thriller del genere sottomarini con Wolf Call - Minaccia in alto mare, poi il curioso American Animals su una strampalata rapina, quindi i zombi in salsa nostrana in Go Home - A casa loro, metafora dell'odio razziale. Si prosegue con La mia vita con John F. Donovan, discusso film di Xavier Dolan, il classico La grande abbuffata in veste HD, lo scottante documentario Quello che i social non dicono - The Cleaners, e gli italiani Il grande salto, Zen sul ghiaccio sottile e Lucania - Terra Sangue e Magia.

Annabelle 3: la recensione del blu-ray

Annabelle 3

IL FILM. Horror movie che si colloca all'interno del variegato franchise The Conjuring, Annabelle 3 si svolge quasi interamente nella casa dei demonologi Ed e Lorrain Warren (sempre Patrick Wilson e Vera Farmiga), che cercano di mettere al sicuro la bambola Annabelle, posseduta da uno spirito maligno, nella stanza dei manufatti pericolosi. L'amica della babysitter dei Warren è però una curiosona e finirà incautamente per risvegliare Annabelle e le altre entità maligne rinchiuse negli oggetti.

IL BLU-RAY. Annabelle 3 è arrivato in homevideo anche in alta definizione con un blu-ray Warner Bros. Home Entertainment. Il video, pur buono, risente delle atmosfere cupe e delle molte scene scure. In queste circostanze affiora un bel po' di rumore e il dettaglio fa fatica a emergere. Si tratta comunque di un video fedele alla fotografia del film, con croma piuttosto dimesso e rare esplosioni di colore, ma una compattezza esemplare. Superbo l'audio, mentre tra gli extra troviamo 11' e mezzo di scene eliminate, tre dietro le quinte su specifici personaggi (totale 11') e due featurette: The Artifact Room and The Occult (5') che è un tour del set, e The light and the love (5') sulla particolare vita di Ed e Lorraine.

Annabelle 3 6
Annabelle 3: una scena del film con Vera Farmiga

DA NON PERDERE. Straordinario l'audio, che già nel Dolby digital 5.1 italiano assicura i classici spaventi improvvisi con effetti ben mirati, buona dinamica e una potenza di tutto riguardo. Ancora più performante ovviamente il Dolby Atmos inglese, che esalta ulteriormente la precisa direzionalità degli effetti, la muscolarità dei bassi e l'energia generale del reparto. Fino alla baraonda demoniaca finale in cui si scatena davvero un inferno sonoro che immerge e avvolge lo spettatore.  

I VOTI. Video: 7,5 - Audio italiano: 8 - Audio inglese: 9 - Extra: 6,5

Annabelle 3 8
Annabelle 3: Mckenna Grace in un momento del film

La bambola assassina (2019): la recensione del blu-ray

Bambola

IL FILM. Reboot "tecnologico" dell'omonimo film del 1988 dal quale è nato un ampio franchise, La bambola assassina diretto da Lars Klevberg vede protagonista Karen, una madre single che vuole fare una sorpresa al figlio per il suo compleanno e gli regala una bambola. Il pupazzo Chucky scatenerà la sua violenza ma stavolta, rispetto alla causa paranormale dell'originale, i motivi del suo comportamento stanno in un operaio che ha volutamente inserito un guasto informatico nella bambola, togliendole ogni remora.

IL BLU-RAY. La bambola assassina è arrivato in homevideo con la consueta bella slipcase della collana Midnight Factory di Koch Media, corredata da booklet. Ottimo il video, che offre sempre un buon dettaglio sia su primi piani che fondali, con cura per i particolari della bambola ma anche delle ambientazioni. Vivace il croma, ben calibrato il contrasto e ottima nelle scene più scure la tenuta del quadro, che resta sempre solido e compatto, con sbavature molto limitate. Per quanto riguarda gli extra, oltre al booklet presente, troviamo il commento audio del regista, il trailer e varie featurette: un Dietro le quinte (5') con momenti sul set e interventi di regista, produttori e attori; Dare vita a Chucky (4' e mezzo) sulla costruzione della bambola fra animatronic ed effetti CGI; Il tema della Bambola Assassina (3') sulla colonna sonora e i due corti (2' minuti in tutto) Il massacro dei giocattoli e L'incubo dell'intelligenza artificiale.

DA NON PERDERE. Ma il pezzo forte dell'edizione è sicuramente l'audio, presente con le tracce DTS HD 5.1 Master Audio sia in italiano che in originale. Tutti i classici jump scare sono riprodotti con grande efficacia da tutti i diffusori, che tra effetti e colonna sonora riescono a creare un coinvolgente e costante clima di tensione, al quale contribuisce anche un sub generoso in tema di bassi. La sensazione di spazialità è sempre piuttosto accentuata, chiarie precisi i dialoghi.

I VOTI. Video: 8 - Audio: 8,5 - Extra: 7

La Bambola Assassina 19
La Bambola Assassina: Aubrey Plaza durante una scena del film

Wolf Call - Minaccia in alto mare: la recensione del blu-ray

Wolf Call

IL FILM. Avvincente film francese di azione nel classico genere sottomarini, Wolf Call - Minaccia in alto mare vede protagonista un militare dall'orecchio perfetto, prezioso per questo suo dono a bordo di un sottomarino. Commetterà però un errore che lo metterà nei guai, ma finirà per essere protagonista di un vicenda tesissima che mette a rischio la pace nel mondo, avviato verso una guerra nucleare.

IL BLU-RAY. Wolf Call - Minaccia in alto mare è disponibile anche in alta definizione con un blu-ray CG Entertainment- Adler Entertainment di eccellente qualità tecnica, ma purtroppo povero di extra, visto che c'è solamente il trailer. Straordinario il video, ma superbo anche l'audio in DTS HD 5.1, che tira autentiche bordate allo stomaco nei potenti bassi dei siluri subacquei. Ma tutti i momenti di tensione a bordo del sottomarino sono ricchi di effetti che coinvolgono con precisione tutti i diffusori per un ascolto davvero avvincente.

DA NON PERDERE. Ma come si diceva, il video è davvero notevole. Stupisce la gestione delle scene sotto acqua, il quadro infatti in questi frangenti resta piacevolmente compatto e incredibilmente solido, senza dar vita a sbavature o banding. Ottimo anche il dettaglio all'interno del sottomarino, dalle apparecchiature alle divise, fino agli incarnati e ai volti tesi dei protagonisti. Brillante e variegato il croma.

I VOTI. Video: 8,5 - Audio: 8,5 - Extra: 4

Wolf Call Minaccia In Alto Mare 12
Wolf Call - Minaccia in alto mare: Omar Sy, François Civil in una scena del film

American Animals: la recensione del blu-ray

Animalks

IL FILM. Basato su un evento reale avvenuto nel 2004, una rapina organizzata da alcuni ragazzi ai danni della Transylvania University in Kentucky, American Animals è un originale heist movie fra thriller e commedia, che racconta l'avventura di due imbranati studenti che per dare una svolta alla loro vita arruolano altri due compagni per organizzare un ingegnoso furto di un rarissimo libro antico custodito nella biblioteca universitaria. I rocamboleschi e bizzarri imprevisti però sono dietro l'angolo, soprattutto per chi non è del "mestiere" come loro. Efficaci gli intermezzi con i veri protagonisti della storia.

IL BLU-RAY. American Animals è disponibile anche in alta definizione, grazie al blu-ray targato CG Entertainment-Teodora Film. Più che buono il video, mentre l'audio vanta un DTS HD Master Audio 5.1 anche nella traccia italiana, oltre che quella in originale. Nelle poche sequenze che coinvolgono l'asse posteriore, l'immersione è buona con effetti ben dislocati e precisi, per il resto la musica è corposa e i dialoghi hanno un buon timbro ed escono decisi dal centrale. Negli extra è presente solamente il trailer.  

DA NON PERDERE. Efficace e piacevole il video, che beneficia di un quadro ricco di dettagli e ben definito anche nei particolari, pur nel contesto di una morbidezza generale dovuta anche alla fotografia e alla rappresentazione di eventi passati. Il quadro infatti è più incisivo nelle interviste ai personaggi reali. Vivace il croma e profondo il nero, ma in alcune scene più scure affiora qualche sbavatura e il quadro appare più piatto.  

I VOTI. Video: 7,5 - Audio: 7 - Extra: 4

American Animals Evan Peters Barry Keoghan
American Animals: Evan Peters e Barry Keoghan in una scena del film

Go Home - A casa loro: la recensione del blu-ray

Go Home
La cover di Go Home - A casa loro

IL FILM. Curioso horror e originale metafora dell'odio razziale, Go Home - A casa loro diretto da Luna Gualano si svolge a Roma e si apre con una manifestazione di estrema destra che protesta contro l'apertura di un centro d'accoglienza. Si scatena all'improvviso un'apocalisse zombie e uno dei manifestanti si mette al riparo proprio nel centro dove stanno gli immigrati, mentendo sulla propria identità. Mentre fuori imperversano gli zombi, lui trova accoglienza fra gli immigrati che cercano di sopravvivere.

IL BLU-RAY. Go Home - A casa loro è arrivato in homevideo anche in alta definizione con un blu-ray CG Entertainment. Il video è eccellente, ma anche l'audio che beneficia del DTS HD 5.1 è notevole, anche se forse per pochezza di mezzi qualche scena di azione poteva essere sfruttata di più. L'impatto sonoro è comunque soddisfacente e la potenza dei bassi discreta. Negli extra il trailer e un interessante backstage di 16 minuti tutto composto da curiosi momenti sul set durante la laorazione e le riprese.

DA NON PERDERE. Il video resta la parte più convincente, perché nonostante il film si svolga quasi interamente in interni e in ambienti non ben illuminati, il quadro resta sempre solido e compatto, in ogni circostanza, rivelando anche un buon dettaglio e tanti particolari sugli zombi, mentre il croma un po' dimesso è una precisa scelta stilistica.  

I VOTI. Video: 8 - Audio: 7 - Extra: 6,5

Go Home A Casa Loro 1
Go Home - A casa loro: un'immagine del film

La mia vita con John F. Donovan: la recensione del Blu-ray

Donovan

IL FILM. Nonostante le critiche che l'hanno accompagnato, La mia vita con John F. Donovan è un film da vedere, e anche se non è certo il migliore di Xavier Dolan, le emozioni trasmesse dal giovane regista canadese sono sempre intense. Il film, dotato di un cast eccezionale (oltre ai protagonisti Ben Schnetzer e Kit Harington, ci sono anche Natalie Portman, Kathy Bates e Susan Sarandon), attraverso varie linee narrative racconta la corrispondenza segreta fra una star cinematografica americana e un undicenne suo grande fan che vive a Londra. Il ragazzino, una volta cresciuto, racconta anni dopo quegli avvenimenti a una giornalista.

IL BLU-RAY. La mia vita con John F. Donovan è arrivato in homevideo anche in alta definizione con un blu-ray Koch Media-Lucky Red di ottima fattura tecnica e discreti extra. Il video regala istantanee eccezionali per dettaglio nei momenti più luminosi che esaltano il girato in pellicola 70 mm. D'altro canto in scene più scure, pur con suggestivi giochi di luci e ombre, forse anche a causa della fotografia il nero si mangia molto dettaglio. Ottimo l'audio mentre negli extra troviamo un backstage di 14 minuti e mezzo, con momenti sul set e interventi di regista e cast, il trailer e quasi 9 minuti di scene tagliate.

DA NON PERDERE. A colpire è però soprattutto un audio DTS HD 5.1 (codifiche presenti sia in italiano che in originale) davvero formidabile per corposità e coinvolgimento. La musica, grande protagonista del film, esce dai diffusori con calore, grande incisività e bassi importanti, ma anche tutti gli effetti di ambienza sono ben curati fino ai minimi particolari e regalano una spazialità sonora sempre molto suggestiva.

I VOTI. Video: 8 - Audio: 8,5 - Extra: 6,5

La Mia Vita Con John F Donovan 15
La mia vita con John F. Donovan: Kit Harington durante una scena

La grande abbuffata: la recensione del blu-ray

Abbuffata

IL FILM. La grande abbuffata, film scandalo a Cannes nel 1973 e provocatorio cult di Marco Ferreri sul decadimento morale e sull'edonismo consumistico, è arrivato in alta definizione nella versione integrale grazie al blu-ray General Video distribuito da CG Entertainment. Quattro amici si riuniscono in una villa fuori Parigi per abbandonarsi a un'autodistruttiva orgia di cibo e sesso. Oltre a mangiare in continuazione, ospitano tre prostitute e un'insospettabile maestra elementare che per caso è entrata nella villa.  

IL BLU-RAY. Come detto, La grande abbuffata è presentato nella versione uncut e con un video recentemente restaurato, che è la parte migliore dell'edizione. L'audio è proposto con traccia italiana e francese DTS-HD Master Audio 2.0 dual mono, entrambe molto pulite e con dialoghi dall'ottimo timbro, ma quella italiana si rivela più chiusa e meno ricca nell'ambienza, che nell'originale presenta qualche effetto sonoro in più. Negli extra un solo contributo, ma prezioso: Storie di un'amicizia non ordinaria, ovvero un'intervista a Ricky Tognazzi di oltre mezz'ora sul ricordo del padre, la sua passione per la cucina e il lavoro con Ferreri.

DA NON PERDERE. Il restauro ha regalato un video sicuramente pulito, anche se non esente da qualche piccolo segno, mentre il dettaglio è di livello e certamente rilevante per un film così datato. Da parte sua, il croma è solido e brillante, con buoni neri. La grana è ben presente, segno di mancanza di filtri, anche se a volte sembra presentare qualche sbavatura, soprattutto in alcune scene, probabilmente sia a causa del master sia per qualche problemino da compressione.  

I VOTI. Video: 7,5 - Audio italiano 6,5 - Audio francese - 7 - Extra: 7

Ugo Tognazzi e Andrea Ferreol ne La Grande Abbuffata
Ugo Tognazzi e Andrea Ferreol ne La Grande Abbuffata

Il grande salto: la recensione del DVD

Salto

IL FILM. Crime-movie italiano piuttosto originale che si muove tra commedia e malinconia, Il grande salto vede protagonisti due criminali maldestri e molto sfortunati (Giorgio Tirabassi, qui anche regista, e Ricky Memphis), che non riescono a fare una cosa giusta. Alla coppia ne capitano di tutti i colori e i due decidono di progettare un colpo che cambi totalmente le loro vite.  

IL DVD. Il grande salto è arrivato in homevideo con un DVD targato Warner Bros. Home Entertainment. Il video è discreto e a fronte di un dettaglio buono sui primi piani, sconta qualche impastamento di troppo sui fondali, soprattutto nelle scene più scure, dove gli elementi fanno fatica a emergere. Il quadro comunque si mantiene sempre solido. Più convincente l'audio, mentre gli extra contengono solamente un backstage di 3 minuti.

DA NON PERDERE. L'audio riserva una bella sorpresa: il dolby digital 5.1 si rivela infatti molto frizzante, e nelle scene più movimentate riesce a essere piuttosto coinvolgente, con puntuali interventi dell'asse posteriore negli effetti, un buon impatto generale, una parte musicale corposa e dialoghi sempre puliti.

I VOTI. Video: 7 - Audio: 8 - Extra: 5

Il Grande Salto 3
Il grande salto: Roberta Mattei, Giorgio Tirabassi e Ricky Memphis in una scena del film

Quello che i social non dicono - The Cleaners: la recensione del DVD

Social

IL FILM. Documentario-inchiesta attualissimo e apprezzato al Sundance, Quello che i social non dicono - The Cleaners è un viaggio dietro le quinte oscure di internet dalla Silicon Valley ai grattacieli delle Filippine, per rivelare chi si nasconde dietro Facebook e Google e descrivere il ruolo dei misteriosi spazzini del web che guardano, giudicano i nostri contenuti sul web, per decidere cosa salvare e cosa cancellare.

IL DVD. Quello che i social non dicono - The Cleaners è arrivato in homevideo con un DVD Mustang-I Wonder Pictures distribuito da CG Entertainment. Il video risente un po' delle varie fonti utilizzate per le immagini, a volte presenta buon dettaglio ed efficaci primi piani, in altre è granuloso, pastoso e con evidenti aliasing sui fondali. Meglio l'audio, mentre non ci sono extra, ma è comprensibile essendo un documentario.

DA NON PERDERE. Oltre al fatto che c'è anche una traccia italiana dolby digital 5.1 oltre all'originale, la bella sorpresa è che l'audio è davvero frizzante e coinvolgente per essere un documentario. La musica e gli effetti sonori coinvolgono infatti tutti i diffusori e contribuiscono a mantenere sempre una sensazione di attenzione e perfino di tensione nello spettatore.

I VOTI. Video: 6,5 - Audio: 7,5 - Extra: 2

Quello Che I Social Non Dicono The Cleaners N5Fcyql
Quello che i social non dicono - The Cleaners: una scena del documentario

Zen sul ghiaccio sottile: la recensione del DVD

Zen

IL FILM. In un paese di montagna, una quindicenne molto promettente nell'hockey su ghiaccio ha i modi da maschiaccio, è emarginata dagli altri e affronta la sua solitudine. Creerà un legame proprio con la ragazza più carina del paese, che invece ha bisogno di pace e tranquillità. Zen sul ghiaccio sottile, film di Margherita Ferri, esplora con buona efficacia dubbi, ansie e desideri dei giovani che si affacciano all'età adulta, in un ambiente particolare come la montagna.  

IL DVD. Zen sul ghiaccio sottile è disponibile in homevideo con un DVD CG Entertainment-Cinecittà Luce di buon livello tecnico, ma scarso quanto ad extra, visto che è presente solamente il trailer. Il video inizia con qualche incertezza di troppo con aliasing e pulsazioni sugli alberi, poi però rivela subito una buona solidità. Il dettaglio è discreto, il croma tipicamente sobrio e montano, le immagini scorrono via piacevoli e qualche sbavatura si riscontra solo sulle panoramiche del ghiaccio e della vegetazione.  

DA NON PERDERE. Ottima invece la resa audio. Il dolby digital 5.1 ha un'insospettabile energia, con una buona potenza dei bassi e un'efficace utilizzo dei diffusori, che si rivela soprattutto nelle scene degli scricchiolii del ghiaccio, i quali abbracciano con vigore lo spettatore. Perfetta anche la direzionalità, come si può apprezzare nella scena che contiene uno sparo.  

I VOTI. Video: 6,5 - Audio: 8 - Extra: 4

Zen Sul Ghiaccio Sottile Ruben Nativi Susanna Acchiardi
Zen sul ghiaccio sottile: Susanna Acchiardi in un momento del film

Lucania - Terra sangue e magia: la recensione del DVD

Lucania

IL FILM. Un bel palmares internazionale con vari riconoscimenti e la partecipazione a tanti festival caratterizzano Lucania - Terra Sangue e Magia, film di Gigi Roccati che si svolge su una terra morente e punta l'occhio su una giovane ragazza traumatizzata e muta dopo la morte della madre, di cui continua a percepirne l'anima. Il padre agricoltore avrà un duro scontro con chi vuole seppellire rifiuti tossici sulla sua terra, e sarà costretto a fuggire assieme alla figlia attraverso le montagne.

IL DVD. Lucania - Terra Sangue e Magia è arrivato in homevideo con un DVD CG Entertainment-102 Distribution. Il video risulta un po' zoppicante, soprattutto nella riproduzione della vegetazione, che tende a sgranarsi e a pulsare. Meglio le altre scene, granulose ma con un discreto dettaglio, la tenuta nelle scure è comunque buona. Più convincente l'audio, un dolby digital 5.1 che riesce a cogliere i rumori dei boschi e gli effetti ambientali con buona precisione, oltre ad avere un soddisfacente impatto nei balli e canti attorno al fuoco.  

DA NON PERDERE. Buoni gli extra. Oltre al trailer troviamo infatti un Backstage di 3 minuti nel quale curiosamente però il regista descrive il film in inglese senza sottotitoli, poi il pezzo forte che è Sul set, ovvero 19 minuti di momenti durante le riprese e la lavorazione di alcune scene, sempre interessanti e curiosi. A chiudere due brevi clip sulle premiazioni al Worldfest Houston e al Social World Film Festival.

I VOTI. Video: 6 - Audio: 7 - Extra: 7

Lucania Terra Sangue E Magia 12
Lucania - Terra Sangue e Magia: Giovanni Capalbo e Angela Fontana in una scena del film