Facebook

The Flash: la sceneggiatura del sequel è pronta, ma Ezra Miller rischia 26 anni di prigione

La sceneggiatura di The Flash 2, scritta dall'autore di Aquaman David Leslie Johnson-McGoldrick, è pronta, ma la star Ezra Mille è sotto processo e rischia una pena molto severa per i suoi comportamenti illeciti.

The Flash: la sceneggiatura del sequel è pronta, ma Ezra Miller rischia 26 anni di prigione

Non sappiamo ancora se e quanto The Flash uscirà, visti i guai legali che la star Ezra Miller sta affrontando, e che potrebbero costagli una pena a 26 anni di carcere, ma apprendiamo oggi che la sceneggiatura del sequel The Flash 2 è pronta.

Alla viglia dell'uscita nei cinema di Black Adam, Hollywood Reporter ha fornito una serie di aggiornamenti sul DCEU che riguardano, tra l'altro lo sviluppo di The Flash 2, la cui sceneggiatura, firmata dall'autore di Aquaman David Johnson, sarebbe ormai ultimata. Fonti vicine a Warner Bros ribadiscono, però, che The Flash 2 andrà avanti solo se il primo film avrà successo.

Nonostante The Flash sia stato oggetto di polemiche per via dei comportamenti borderline della star Ezra Miller, la sceneggiatura del seequel è già stata scritta. Se si libererà dei guai giudiziari, Ezra Miller dovrebbe guidare il cast del prossimo film DC Extended Universe insieme ai colleghi veterani del franchise Kiersey Clemons, Michael Shannon, Antje Traue, Ben Affleck e Michael Keaton. The Flash vedrà il debutto nel DCEU di Ron Livingston nei panni di Henry Allen, prendendo il posto di Billy Crudup, Maribel Verdú nei panni di Nora Allen e Sasha Calle nel ruolo di Supergirl.

The Flash dovrebbe Barry Allen mentre usa i suoi poteri per tornare indietro nel tempo e salvare sua madre dall'omicidio, anche se nel processo creerà una serie di sconvolgimenti nella sua linea temporale. Barry si rivolgerà a più alleati per chiedere aiuto e riportare la sequenza temporale al suo stato originale, tra cui Batman di Michael Keaton, Supergirl di Sacha Calle e una versione multiversale di se stesso.

Ezra Miller credeva di essere il Messia e che Flash fosse il Cristo del Multiverso

Justice League: Ezra Miller in un'immagine tratta dal film
Justice League: Ezra Miller in un'immagine tratta dal film

Nel frattempo, però, Ezra Miller sta affrontando un altro genere di problemi. La star di si è dichiarata non colpevole delle accuse di furto con scasso e appropriazione indebita in un tribunale del Vermont lunedì mattina. Miller rischia fino a 26 anni di carcere se condannato per entrambe le accuse.

L'attore, comparso davanti alla Corte Superiore di Bennington virtualmente con il suo avvocato, è accusato di aver fatto irruzione in una residenza a Stamford, in Virginia, il 1 maggio. Dopo aver indagato la segnalazione, la polizia di stato del Vermont aveva scoperto diverse bottiglie di alcol mancanti dalla proprietà mentre i proprietari della casa non erano presenti. Dopo aver raccolto dichiarazioni e aver esaminato i filmati di sorveglianza, la polizia ha accusato Miller di furto con scasso.

L'accusa di appropriazione indebita è legata al fatto che gli oggetti rubati avevano un valore inferiore a 900 dollari. L'accusa di furto con scasso prevede un massimo di 25 anni di carcere e una multa massima di 1.000 dollari. L'accusa di furto minore prevede, invece, un massimo di un anno e una multa simile di 1.000 dollari. Miller ha accettato di non avere più alcun contatto con il proprietario della casa né di fare mai più ritorno nella residenza.

"Ezra Miller questa mattina si è dichiarato non colpevole di fronte alle accuse di furto con scasso e appropriazione indebita di fronte alla Corte Superiore del Vermont e ha accettato le condizioni imposte dal tribunale di non contattare o entrare nella casa degli abitanti. Ezra vorrebbe riconoscere l'amore e il sostegno ricevuto dalla sua famiglia e dai suoi amici, che continuano a essere una presenza vitale nel tentativo di ripristinare la sua salute mentale in corso", ha affermato l'avvocato di Miller Lisa B. Shelkrot.

Ezra Miller, Issa Rae accusa Warner Bros di proteggere "un criminale recidivo"

Le accuse del Vermont sono solo una parte delle controversie e dei problemi legali che Ezra Miller ha dovuto affrontare negli ultimi mesi. L'attore è stato arrestato alle Hawaii due volte nell'arco di un mese, prima per condotta disordinata e molestie e poi per aggressione di secondo grado meno di quattro settimane dopo. Le L'attore non ha contestato l'accusa di aggressione e ha pagato una multa di 500 dollari oltre alle spese processuali. L'accusa di molestia è stata successivamente respinta. Miller è anche accusato di aver soffocato una donna in un bar islandese e di aver molestato un'altra donna nella sua casa di Berlino.

Ad agosto, Ezra Miller si è scusato per il suo comportamento passato e ha iniziato a sottoporsi a cure di salute mentale.