Rutger Hauer: morto l'attore di Blade Runner

Ruther Hauer, morto l'attore olandese, protagonista di Blade Runner: aveva 75 anni.

NOTIZIA di 24/07/2019

Addio a Rutger Hauer: è morto il co-protagonista del cult Blade Runner. L'attore aveva 75 anni e si è spento il 19 luglio nella sua casa in Olanda dopo una breve malattia.

L'agente di Hauer, Steve Kenis, ha confermato la notizia e ha detto che il funerale dell'attore si è tenuto oggi.

Una lunghissima carriera quella di Rutger Hauer, con più di 170 titoli ma la popolarità la deve al film cult di Ridley Scott, recitando al fianco di Harrison Ford, ma più recentemente, è apparso in due film del 2005 nel ruolo del cardinale Roark in "Sin City" e nei panni del cattivo in "Batman Begins" di Christopher Nolan.

È apparso in alcuni film horror e di vampiri, con Van Helsing nel film Dracula 3D di Dario Argento, e come il vampiro Barlow nell'adattamento della miniserie del 2004 di Salem's Lot di Stephen King insieme a Rob Lowe, Andre Braugher e Donald Sutherland.

Rutger Hauer ha lasciato il segno alla fine degli anni '60 nei Paesi Bassi come protagonista della serie televisiva medievale Floris di Paul Verhoeven. È salito ai vertici della celebrità olandese nel 1973 con Monique van de Ven, il film drammatico sessualmente esplosivo di Turkish delight, che è diventato un successo al botteghino e ha ottenuto un riconoscimento agli Oscar come miglior film straniero.

Rutger Hauer su Blade Runner: "La battuta "Come lacrime nella pioggia" fu una mia creazione"

Dopo altri tre film olandesi con Verhoeven, che sono diventati successi artistici negli Stati Uniti, Hauer ha iniziato la sua carriera a Hollywood con il ruolo di terrorista nel thriller di Sylvester Stallone del 1981 Nighthawks.

Tra gli altri film che ricordiamo ci sono Ladyhawke, Flesh & Blood e Wanted: Dead or Alive.

Rutger Hauer stato anche attivo nelle cause sociali, come sponsor diretto dell'organizzazione ambientale Greenpeace e fondatore della Starfish Association, un'organizzazione no profit dedita alla sensibilizzazione sull'AIDS.

È sopravvissuto alla sua seconda moglie di 50 anni, Ineke ten Cate, e una figlia, l'attrice Aysha Hauer, dal suo matrimonio con Heidi Merz.