Megalopolis: Oscar Isaac abbandona il progetto di Francis Ford Coppola

Oscar Isaac ha abbandonato il cast di Megalopolis, epico progetto metaforico di Francis Ford coppola in cui avrebbe dovuto interpretare il protagonista.

NOTIZIA di 23/03/2022

Dopo essere stato legato a lungo al cast di Megalopolis, ambizioso lungometraggio di Francis Ford Coppola, Oscar Isaac avrebbe abbandonato il progetto.

Scene Da Un Matrinomio 04
Scene da un matrimonio: Oscar Isaac nella serie

Secondo Showbiz 411, sarebbe in corso il casting per trovare un nuovo attore protagonista. Francis Ford Coppola prevede di iniziare la produzione del film questo settembre a New York.

Lo scorso anno Coppola ha rivelato che stava assemblando un cast all star composto da Forest Whitaker, Cate Blanchett, Jon Voight, Zendaya, Michelle Pfeiffer, Jessica Lange e dal veterano James Caan. Oscar Isaac avrebbe dovuto interpretare il protagonista di Megalopolis, ma al momento si cerca di capire se gli altri nomi coinvolti sono confermati.

Coppola che Megalopolis sarà il suo progetto de cuore e sarà finanziato interamente da lui per un budget di oltre 100 milioni. Ambientato nell'America moderna, il film è incentrato sulle conseguenze di un disastro devastante, con un un architetto che vuole ricostruire New York City come un'utopia. Il regista 82enne ha confermato che la storia esplorerà temi attuali, ma conterrà anche influenze epiche.

Moon Knight, Oscar Isaac: "All'inizio non volevo interpretare il ruolo"

"Il concetto del film è un'epopea romana, nel modo tradizionale di Cecile B. DeMille o Ben-Hur, ma raccontata come una controparte moderna incentrata sull'America", ha spiegato Coppola. "È basato sulla Cospirazione di Catilina, che ci viene dall'antica Roma. Si tratta di un famoso scontro tra un patrizio, Catilina, e quella parte sarà interpretata da Oscar Isaac, e il famoso Cicerone, che sarà Forest Whitaker. Ora è il sindaco assediato di New York durante una crisi finanziaria, vicino a quella che ha affrontato il sindaco Dinkins. Questa storia si svolge in una nuova Roma, un'epopea romana in tempi moderni. L'epoca non è un anno specifico nella New York moderna, è un'imitazione della New York moderna, che io chiamo Nuova Roma".