Marilyn Manson, Ashley Morgan Smithline svela: "Sono sopravvissuta a un mostro"

Ashley Morgan Smithline ha accusato Marilyn Manson di violenze sessuali a febbraio e soltanto adesso ha avuto la forza di raccontare che genere di torture ha dovuto subire da parte del cantante di cui era innamorata.

NOTIZIA di 07/05/2021

Ashley Morgan Smithline è una delle quindici donne che ha svelato di essere stata vittima di violenze fisiche e mentali da parte di Marilyn Manson: la ragazza ha da poco raccontato nel dettaglio le torture che ha subito, rivelando la sua verità su colui che ha definito un "mostro".

In una delle storie di copertina di PEOPLE di questa settimana, Ashley Morgan Smithline ha voluto esporsi per rivelare tutta la verità sul suo aggressore, Marilyn Manson. "Sono sopravvissuta a un mostro", ha dichiarato l'ex compagna del cantante: si tratta della sua prima intervista dopo che ha confessato pubblicamente le violenze subite da parte di Manson, a febbraio.

Marilyn Manson Byenexa
Una foto di Marilyn Manson

Smithline ha dichiarato che, nel corso di due anni, oltre ad essere stata aggredita sessualmente innumerevoli volte dalla rock star, Manson l'ha morsa, l'ha frustata, l'ha tagliata con un coltello incidendole una svastica sulla pelle e le ha infilato un pugno in bocca durante un rapporto sessuale. Ha rivelato inoltre che Manson l'aveva costretta a fare un patto di sangue e che la rinchiudeva, quando lei lo faceva "incazzare", in quella che lui chiamava "la stanza delle ragazze cattive", una stanza di vetro, insonorizzata.

Marilyn Manson, Esmé Bianco de Il Trono di Spade accusa: "Ero sua prigioniera"

I due avevano iniziato a frequentarsi durante l'estate del 2010: Smithline ha sostenuto che non fu l'aspetto esteriore eccentrico di Manson ad averla attratta, ma si era invaghita di lui per la "sua infinita intelligenza". "Sembrava brillante e penso ancora che lo sia", ha detto Smithline. "Abbiamo parlato di Nabokov e Tolstoj e di film stranieri e non in un modo pretenzioso da liceali al primo anno di scuola di cinema. Ne abbiamo parlato come persone che apprezzano davvero l'arte e la letteratura".

Manson iniziò a inviarle dozzine di messaggi a tutte le ore del giorno e della notte, mentre la relazione cominciava a diventare "lentamente sempre più invasiva", come l'ha definita la ragazza. Mentre era all'estero, Smithline - che è di discendenza ebraica - ha detto che il rocker le chiedeva di trovare cimeli nazisti da portargli a Los Angeles, come stelle da lancio, coltelli e fruste.

"Ha fatto in modo che fosse uno scherzo tra noi", ha rivelato l'ex del cantante. "Penso che a quel punto ero già abbastanza coinvolta da non rendermi conto della situazione. Ancora non sapevo che le armi sarebbero state usate contro di me".

Le violenze sono iniziate già nel 2010: la prima volta che Manson ha abusato di lei, le ha frustato la schiena nuda mentre si sdraiava a faccia in giù sul suo letto. Con le finestre oscurate, Manson le mentiva sull'ora del giorno e la costringeva a continuare a lavorare fino alle prime ore del mattino, ha rivelato Smithline.

Poi, ha sostenuto la ragazza, l'abuso fisico è diventato sessuale. La prima volta in cui Manson l'ha violentata, lei si è svegliata al mattino urlando, rendendosi conto che aveva le braccia legate. Manson l'aveva penetrata mentre dormiva. "Continuava a dirmi: 'Non puoi stuprare qualcuno di cui sei innamorato'", ha raccontato Smithline.

Durante la loro relazione, Manson le avrebbe voluto tagliare le costole e una volta ha inciso le sue iniziali nella coscia di Smithline, lasciandole una cicatrice.

Evan Rachel Wood svela: "Marilyn Manson mi insultava perché sono ebrea"

Infine Ashley Morgan Smithline ha confessato queste altre usanze del cantante: il patto di sangue e la stanza "delle ragazze cattive". A qualche settimana dall'inizio della loro relazione, Smithline ha detto che dopo averle fatto il lavaggio del cervello, "Manson mi ha tagliato all'altezza dello stomanco e poi ha bevuto il mio sangue. Poi, mi ha fatto bere il suo", ha detto. "Più lasciavo che mi facesse del male, più lo amavo e più gli stavo dimostrando il mio amore".

Per quanto riguarda la stanza "delle ragazze cattive", nel corso di due anni, Smithline dice di essere stata mandata dentro ​​una scatola di vetro collocata nella camera da letto di Manson: anche altre donne che hanno accusato Manson di abusi dicono di essere state rinchiuse in questa orrida stanza, più di 100 volte.

Dita Von Teese Marilyn Manson Yhcbdmw
Mariyn Manson con la ex moglie Dita von Teese

Come molte vittime di violenza domestica, Ashley Morgan Smithline non si è sentita in grado di lasciare il suo aggressore fino a gennaio 2013. Il processo di guarigione di Smithline non è iniziato del tutto fino a settembre 2020, quando ha incontrato Evan Rachel Wood, Esmè Bianco e molte delle altre presunte vittime di Manson. "Stando con le altre ragazze, questi sentimenti di colpa e vergogna sono diminuiti", ha detto Smithline. "Oggi continuo a soffrire di disturbo ossessivo compulsivo, terrori notturni e disturbo da stress post-traumatico. Ma non sono una vittima, sono una fottuta sopravvissuta. Spero che parlare apertamente delle violenze che ho subito, possa aiutare a fermare il mostro più terrificante del mondo".