Il braccio violento della legge, il rimorso di William Friedkin per l'inseguimento in auto: "Vite in pericolo"

William Friedkin, regista de Il braccio violento della legge, ha espresso il suo rammarico per aver messo in pericolo la vita delle persone durante la scena dell'inseguimento illegale in auto.

NOTIZIA di 06/10/2021

Il braccio violento della legge compie cinquant'anni e il suo regista William Friedkin si rammarica pubblicamente del modo in cui ha girato alcune scene del film, in particolare il celebre inseguimento d'auto illegale, mettendo a rischio delle vite.

Gene Hackman in una scena di IL BRACCIO VIOLENTO DELLA LEGGE
Gene Hackman in una scena di IL BRACCIO VIOLENTO DELLA LEGGE

Il braccio violento della legge segue il detective Jimmy "Popeye" Doyle (Gene Hackman) mentre indaga su un giro di contrabbando di droga a New York City collegato a un famigerato contrabbandiere di eroina francese. La pellicola, che ha vinto cinque premi Oscar, tra cui quello per il miglior film, è considerata uno dei migliori film mai realizzati ed è stata aggiunta al National Film Registry degli Stati Uniti.

Gene Hackman e Roy Scheider in una scena di IL BRACCIO VIOLENTO DELLA LEGGE
Gene Hackman e Roy Scheider in una scena di IL BRACCIO VIOLENTO DELLA LEGGE

Una delle sequenze più iconiche del film è l'inseguimento mozzafiato in auto per le strade di Brooklyn. Ampiamente considerato uno dei migliori inseguimenti automobilistici nella storia del cinema, la sequenza mostra Doyle che requisisce il veicolo di un civile e insegue un sicario in fuga su un treno sopraelevato. L'inseguimento ad alta velocità è stato girato senza permessi su strade non controllate, il che significa che pedoni e altri conducenti si trovavano sulla strada mentre la Pontiac di Doyle raggiungeva la velocità di 140 chilometri l'ora. Una scena visivamente strabiliante, ma incredibilmente pericolosa.

Gene Hackman, una rara intervista a 91 anni: "Ho visto Il braccio violento della legge una sola volta"

Roy Scheider e Gene Hackman in una scena di IL BRACCIO VIOLENTO DELLA LEGGE
Roy Scheider e Gene Hackman in una scena di IL BRACCIO VIOLENTO DELLA LEGGE

In una recente intervista con il New York Post, William Friedkin ha confessato che se dovesse girare lo stesso inseguimento oggi non metterebbe a rischio le persone allo stesso modo. Durante l'inseguimento del 1971, il regista ha fatto anche da operatore e ha fatto accovacciare un poliziotto di New York City sul sedile posteriore nel caso in cui l'auto fosse stata fermata. A corto di soldi e tempo, Friedkin ha adottato molte scorciatoie pericolose per girare Il braccio violento della legge, ma adesso si è pentito, come ammette lui stesso:

"Per quanto il film abbia avuto successo, oggi non lo farei nello stesso modo. Ho messo in pericolo la vita delle persone. È stato solo per grazia di Dio che nessuno è stato ferito o è morto a causa di ciò".

A quanto pare, però, all'epoca il dipartimento di polizia di New York, o almeno alcuni membri del suo staff, siano stati più che felici di aiutare Friedkin a girare il suo film. Oltre a Jurgensen, il poliziotto che si è nascosto nel retro dell'auto di Doyle, molti altri agenti hanno aiutato il regista a filmare una pericolosa scena di un ingorgo stradale. Per creare la scena, diversi poliziotti fuori servizio hanno guidato le loro auto sul ponte di Brooklyn parcheggiando nel mezzo e facendo retromarcia in entrambe le direzioni. Friedkin ricorda che un elicottero della polizia è venuto a indagare ma, dopo che Jurgensen ha mostrato il suo distintivo, l'elicottero li ha lasciati a lui:

"Erano furiosi. Oggi non farei niente del genere".