Elizabeth Olsen non voleva fare l'attrice: 'Ho capito cosa fosse il nepotismo a 10 anni"

L'enorme fama delle gemelle Olsen aveva convinto la loro sorella minore, Elizabeth Olsen, a lasciar perdere la recitazione per non vivere nel riflesso del loro successo.

NOTIZIA di 22/04/2021

Elizabeth Olsen ha confessato di aver pensato di lasciar perdere la recitazione per via dell'enorme fama delle sorelle maggiori, le gemelle Ashley e Mary Kate Olsen.

Avengers: Infinity War, un primo piano di Elizabeth Olsen
Avengers: Infinity War, un primo piano di Elizabeth Olsen

Le gemelle Olsen sono diventate famose a soli sei mesi interpretando il ruolo condiviso di Michelle Tanner nella serie Gli amici di papà, quindi Elizabeth è cresciuta sul set e all'ombra delle sue sorelle. In una nuova intervista con Glamour U.K., l'attrice ha confessato che in un primo tempo era riluttante a perseguire la strada della recitazione:

"Avevo 10 anni e volevo provare a fare un'audizione ... ho capito molto rapidamente che non era per me perché mi mancavano lo sport, le mie lezioni di danza e tutte le attività extracurriculari a scuola. Ma durante quel periodo, ho pensato 'Non voglio essere associata a Mary-Kate e Ashley per qualche motivo'".

The Avengers: Age of Ultron - Elisabeth Olsen alla  premiere
The Avengers: Age of Ultron - Elisabeth Olsen alla premiere

La star di WandaVision aggiunge candidamente: "Immagino di aver capito cosa fosse il nepotismo intrinsecamente a 10 anni. Non so se conoscevo la parola, ma c'era una sorta di associazione di guadagnare qualcosa grazie ad altri che penso mi abbia infastidito anche in tenera età. Aveva a che fare con le mie insicurezze, ma avevo solo 10. Quindi non so quanto ho elaborato, ma ho pensato, 'Sarò Elizabeth Chase [il suo secondo nome] quando diventerò un'attrice.'"

Così Elizabeth Olsen si è affacciata al mondo della recitazione molti anni dopo diventando una star dell'MCU dopo un promettente esordio nel mondo del cinema indie.

"Pensavo che sarei andata a lavorare a Wall Street", ricorda l'attrice, che si è formata alla Tisch School of the Arts della New York University. "Non sapevo cosa volevo, ero solo brava in matematica. E sono brava in scienze, quindi pensavo che avrei dovuto fare qualcosa del genere. Ma alla fine, adoro recitare."

Wandavision, Elizabeth Olsen: "Mia madre mi ha chiamato col nome del personaggio sbagliato per 4 anni"

Sebbene Elizabeth fosse riluttante a seguire le orme delle sue sorelle, ha ascoltato i consigli di Mary-Kate e Ashley, che si sono ritirate dalla recitazione quasi due decenni fa:

"La parola 'no' nello specifico era qualcosa che ha fortificato le mie sorelle. Per le donne, è una parola che dà potere. La gente dice 'Dì solo no alla droga', ma davvero, puoi dire di no quando diavolo vuoi! È davvero una cosa potente. Mi sono sempre sentita come se potessi dire 'No' in qualsiasi situazione lavorativa - se qualcuno mi faceva sentire a disagio - e sento che è proprio quello di cui abbiamo bisogno. Non dobbiamo seguire un modello se non ci sembra giusto. Dobbiamo ascoltare il nostro istinto. C'è stato un tempo in cui le donne erano in competizione tra loro, ora viviamo un momento in cui le donne si sostengono a vicenda."