Caso Weinstein, Matt Damon: "Non tutte le molestie sono ugualmente gravi"

L'attore aveva già parlato del caso Weinstein ai tempi della promozione di Suburbicon, con George Clooney.

In un momento a Hollywood dove stanno uscendo numerose accuse di molestie sessuali in ogni ambito dello spettacolo, dai registi agli attori, Matt Damon ha deciso di dire la sua riguardo l'intensità dell'indignazione verso i fatti raccontati. Secondo l'attore ci sono tipologie diverse di reato, che non si possono mettere sullo stesso piano, per motivi secondo lui piuttosto logici:

"Penso che ci siano diverse sfumature da calcolare. C'è differenza tra dare una pacca sul culo a qualcuno e violentare un minorenne. Entrambi i comportamenti vanno condannati, ovviamente, ma non sono la stessa cosa. Tutti questi atteggiamenti vanno affrontati, per le molestie sui bambini c'è la prigione, poi dopo si può parlare di riabilitazione, ma stiamo parlando di un comportamento criminale e va trattato come tale. L'altro tipo di molestia invece è più una cosa vergognosa, imbarazzante. Ad esempio, quando vediamo la foto di Al Franken che tocca il seno a un soldato in divisa, capiamo che è uno scherzo orribile, non è divertente, è sbagliato e non si deve fare. Ma quando sentiamo le storie su Harvey Weinstein, non ci sono foto. Non ci sono testimoni. Sapeva che stava facendo qualcosa di criminale. Quindi non sono molestie che appartengono alla stessa categoria."

Qualche tempo fa, Damon era finito al centro delle polemiche perché aveva dichiarato di sapere da tempo delle molestie subite da Gwyneth Paltrow e di aver evitato di commentare la vicenda:

"Sapevo la sua storia da Ben Affleck, perché ha avuto una storia con lei dopo Brad Pitt... Non ne ho mai parlato con Gwyneth. Ben me l'ha detto. Sapevo che avevano raggiunto un accordo o si erano chiariti... Bastava trascorrere con Weinstein cinque minuti per sapere che era un bullo e in grado di intimidire... Quando si dice 'Tutti sapevano', sì lo sapevo. Sapevo che era uno stronzo. Ne era orgoglioso. Sapevo che aveva molte donne. Non avrei voluto sposarlo. Questo livello di comportamento criminale da predatore sessuale, però, era qualcosa che non avrei mai pensato stesse accadendo".

Continua a seguirci su Facebook, Twitter, Instagram, Youtube, Google+ e Telegram per aggiornamenti, notizie, e curiosità su film e serie TV!

Caso Weinstein, Matt Damon: "Non tutte le...
Cinecittà World
Cinecittà World

Mostra i vecchi commenti

Peter Jackson: "Mira Sorvino e Ashley Judd non recitarono nel Signore degli Anelli per colpa di Weinstein"
Salma Hayek: "Harvey Weinstein è stato un mostro durante le riprese di Frida"