Facebook

Batwoman, i colleghi contro Ruby Rose: Dougray Scott e Camrus Johnson negano le accuse

Le co-star di Ruby Rose Dougray Scott e Camrus Johnson in Batwoman non ci stanno, e rifiutano le accuse dell'attrice nei loro confronti e in quelli della produzione della serie The CW.

Nuovi sviluppi nella questione Batwoman: dopo le scioccanti dichiarazioni di Ruby Rose su quanto sarebbe accaduto sul set della serie The CW, i colleghi Dougray Scott e Camrus Johnson rispondono negando le accuse dell'ex-interprete di Kate Kane.

Un paio di giorni fa il web è stato teatro di una nuova diatriba, questa volta avviata su Instagram dall'ex-protagonista di Batwoman, Ruby Rose.
"Quando è troppo è troppo. Adesso racconterò a tutto il mondo la verità su ciò che è accaduto sul quel set" esordiva infatti l'attrice nelle sue storie Instagram prima di dedicare diversi post al resoconto di ciò che sostiene essere avvenuto durante le riprese della prima stagione di Batwoman, lamentando un set e delle condizioni di lavoro praticamente da incubo.

Tra i colpevoli per la formazione di un tale ambiente, Rose additava principalmente l'ex Presidente di WBTV Peter Roth, i produttori, in primis la showrunner della serie Caroline Dries, e alcune sue co-star.
Tra queste ultime, accuse di abusi verbali e comportamenti per niente professionali sono state lanciate contro Dougray Scott, che ha però negato ogni parola: "Nego nel modo più totale e assoluto le affermazioni nocive e diffamatorie di Ruby Rose nei miei confronti; sono completamente frutto della sua immaginazione e nulla di quanto ha dichiarato è mai accaduto" ha commentato l'interprete di Jacob Kane, ribadendo poi quanto già detto da Warner Bros. Television nel comunicato ufficiale in risposta alle dichiarazioni di Rose.

"Nonostante il revisionismo storico che Ruby Rose sta diffondendo online al momento riguardo ai produttori, il cast, la crew, l'emittente e lo studio, la verità è che Warner Bros. Television ha deciso di non perseguire l'opzione di richiamarla per una seconda stagione di Batwoman a causa dei molteplici reclami inerenti al suo comportamento sul set, estensivamente revisionati e gestiti privatamente nel rispetto di tutte le parti coinvolte" si leggeva infatti nelle dichiarazioni ufficiali dello studio in merito alla questione.

Un atteggiamento simile a quello di Scott è poi stato adottato anche da Camrus Johnson, interprete di Luke Fox/Batwing nello show, che ha anche lui bollato come menzogne le parole dell'attrice, dopo essere stato chiamato direttamente in causa per dei commenti nei confronti di Rose ("Un giorno ho fatto ritardo perché sono dovuta andare in in ospedale" scriveva l'attrice "Per poi venire a sapere che dopo essere uscita dall'ospedale l'ospedale Camrus disse 'Si, beh forse se le persone si presentassero in orario riusciremmo a fare le cose in tempo'. Un ragazzino... Un ragazzino che lavora un giorno a settimana ha avuto la faccia tosta...").

"Batfam, sapete che non potevo rimanere in silenzio a lungo" ha twittato l'attore "Sì ragazzi, [Ruby Rose] è stata licenziata. Ed è PARECCHIO difficile essere licenziati quando si è la protagonista di una serie. Pensate cosa dovete combinare perché ciò possa succedere".

"E visto quanto detto in precedenza, ovvero che 'se ne è andata di sua volontà', immagino che alcuni di voi siano parecchio confusi, e ancor di più dopo le tante bugie che sono state diffuse oggi. Sappiate solo che ci sono tante brave persone che lavorano a questo show e nulla di tutto ciò cambierà questo fatto" ha poi concluso.

Chi starà dicendo la verità?