Facebook

Batgirl: ecco quanti miliardi ha risparmiato Warner cancellando il film

Warner Bros. Discovery avrebbe risparmiato una cifra imponente cancellando l'uscita di Batgirl e apportando ulteriori tagli interni alla compagnia.

Batgirl: ecco quanti miliardi ha risparmiato Warner cancellando il film

Warner Bros. Discovery ha scelto di cancellare l'uscita di Batgirl a film praticamente pronto per usufruire di alcuni sconti fiscali. Il risultato è un risparmio di due miliardi di dollari per la compagnia dovuto non solo alla mancata uscita di Batgirl, ma anche ad altre misure di riduzione dei costi risultanti dalla fusione delle due società.

Alla fine di agosto, Warner Bros. Discovery ha lascito di stucco l'industria con la scelta di eliminare completamente il film di Batgirl, dopo aver investito 90 milioni di dollari di budget, cancellando l'uscita su HBO Max. Il cinecomic diretto dal registi Adil El Arbi e Bilall Fallah aveva concluso la lavorazione; il caast annoverava Leslie Grace nei panni di Batgirl, J.K. Simmons nei panni di James Gordon, Brendan Fraser nei panni di Firefly e Michael Keaton di nuovo nel ruolo di Batman.

Pur essendo Batgirl il titolo più di alto profilo cancellato dallo studio, la strategia di riduzione dei costi della Warner Bros. Discovery ha visto lo stop anche del film d'animazione Scoob!: Holiday Haunt, che era quasi pronto. Alcuni progetti DC in sviluppo per HBO Max sono stati eliminati, tra cui la serie DC di Greg Berlanti e Kevin Smith Strange Adventures e il film Wonder Twins. La società ha anche iniziato a rimuovere silenziosamente i titoli esistenti da HBO Max, tra cui An American Pickle e Charm City Kings di Seth Rogen. Le mosse fanno tutte parte dell'impegno della Warner Bros. Discovery di tagliare 3 miliardi di dollari di costi e contenere le spese per i contenuti.

DC Studios: James Gunn e Peter Safran nuovi CEO, si occuperanno di film, serie e progetti animati

IndieWire ha commentato la documentazione SEC diffusa pubblicamente da Warner Bros. Discovery in cui vengono ufficializzate le cifre dei tagli e il conseguente risparmio. la compagnia ha cancellato oltre 2 miliardi di contenuti durante il terzo trimestre in uno "sforzo di ristrutturazione che proseguirà fino a fine 2024".

Come si legge: "Mentre sono in corso gli sforzi di ristrutturazione della Società, inclusa l'analisi strategica della programmazione dei contenuti che potrebbe comportare ulteriori svalutazioni oltre la stima sopra fornita, le iniziative di ristrutturazione dovrebbero essere sostanzialmente completate entro la fine del 2024".