Facebook

Avatar: La Via dell'Acqua, perché dura oltre tre ore? La risposta di James Cameron

Il regista premio Oscar James Cameron ha svelato il motivo della durata fiume del sequel di Avatar, Avatar: La Via dell'Acqua, in uscita nelle sale a dicembre.

Avatar: La Via dell'Acqua, perché dura oltre tre ore? La risposta di James Cameron

Arriverà nelle sale il 14 dicembre l'attesissimo Avatar: La Via dell'Acqua, sequel del film di James Cameron uscito nel 2009. Il nuovo capitolo durerà ben 3 ore e 10 minuti, crediti compresi, superando il primo Avatar, che si muoveva intorno alle 2 ore e 41 minuti. La scelta di una durata così lunga è stata motivata da James Cameron in una maniera ben precisa.

"Lo scopo è quello di raccontare una storia estremamente avvincente su base emotiva. Direi che nel nuovo film l'enfasi è più sui personaggi, più sulla storia, più sulle relazioni, più sulle emozioni. Nel primo film non abbiamo dedicato tanto tempo alle relazioni e alle emozioni quanto nel secondo, ed è un film più lungo, perché ci sono più personaggi di cui occuparci. C'è più storia da raccontare" ha dichiarato il regista ai microfoni del magazine Total Film.

Avatar La Via Dell Acqua 1 Fen0Acg
Avatar: la via dell'acqua, un'inquadratura

Diretto da James Cameron e prodotto con Jon Landau, Avatar: La via dell'acqua vede nel cast Zoe Saldana, Sam Worthington, Sigourney Weaver, Stephen Lang, Cliff Curtis, Joel David Moore, CCH Pounder, Edie Falco, Jemaine Clement e Kate Winslet.

Avatar: La via dell'acqua, James Cameron: "Se fa flop, sono pronto a cancellare Avatar 4 e 5"

Ambientato più di dieci anni dopo gli eventi del primo film, Avatar: La via dell'acqua racconta la storia della famiglia Sully (Jake, Neytiri e i loro figli), del pericolo che incombe su di lorro, di dove sono disposti ad arrivare per tenersi al sicuro a vicenda, delle battaglie che combattono per rimanere in vita e delle tragedie che affrontano.

Di recente Cameron aveva anche rivelato di come i dirigenti della 20th Century Fox volevano ridurre la durata generale del suo film, rimuovendo una sequenza chiave e ottenendo da lui un rifiuto netto. Non è la prima volta, in ogni caso, che un film di Cameron superi le tre ore: lo stesso accadde con Titanic, uscito nel 1997, diventato uno dei film più celebri nella storia del cinema.