Aladdin: le controfigure sono state "abbronzate" per le riprese del film?

Il progetto della Disney diretto da Guy Ritchie è al centro delle polemiche dopo la testimonianza di un attore.

Le riprese della versione live-action di Aladdin, che è diretta dal regista Guy Ritchie, sono al centro delle polemiche dopo un articolo pubblicato dal Sunday Times.
Il quotidiano riporta infatti le parole dell'attore Kaushal Odedra che ha riferito come a settembre abbia assistito a quanto accaduto sul set del progetto, dove ha visto circa 20 attori dalla pelle bianca che erano in fila per essere "abbronzati" prima dei ciak. Odedra ha spiegato: "Ho chiesto a un membro del cast di origine saudita cosa pensava di queste comparse che venivano "abbronzate" in modo artificiale ed evidente e ha detto che gli dispiaceva ma il settore funziona così ed era inutile lamentarsi perché non cambierà mai nulla".

Ritchie non ha voluto commentare le accuse, mentre la Disney ha più volte lodato lo spazio dato alla diversità sul set: "Sono stati impiegati più di 400, su 500, performer di origine indiana, medio orientale, africana, mediterranea e asiatica".

Fanno parte del cast Mena Massoud nel ruolo protagonisa e Naomi Scott nei panni di Jasmine. Marwan Kenzari invece sarà il malvagio Jafar, mentre Will Smith presterà la voce all'iconico Genio che nel film d'animazione Disney era doppiato da Robin Williams.

Aladdin: le controfigure sono state "abbronzate"...
Cinecittà World
Cinecittà World

Mostra i vecchi commenti

Aladdin compie 25 anni: gli autori rivelano aneddoti su Williams e sul "freddo" pubblico giapponese
King Arthur: Il potere della spada, Guy Ritchie non esclude dei sequel