Tombstone Collection: scopriamo la nuova collana tutta horror, sangue e paura fra cult, remake e sorprese

Eagle Pictures ha lanciato una collana con capolavori del brivido firmati da registi come Wes Craven, James Wan, Rob Zombie e tanti altri, arricchita da esclusive Carte dei tarocchi da collezione. Andiamo a esaminare i dieci titoli nella versione blu-ray.

Una nuova collana da paura, nel vero senso del termine, con capitoli iniziali di saghe horror, remake e cult vari. Ci ha pensato Eagle Pictures che da poco ha rilasciato la Tombstone Collection, una nuova collana tutta horror che racchiude capolavori del brivido firmati da registi come Wes Craven, James Wan, Rob Zombie e molti altri, disponibili con una nuova speciale livrea, oltre che in DVD, anche in alta definizione Blu-ray. Ma non solo: ogni film contiene all'interno della confezione anche un'esclusiva carta dei Tarocchi da collezione ispirata proprio ai film della collana e agli Arcani Maggiori, realizzata dagli allievi della Scuola Internazionale di Comics. Si tratta pertanto di nuove edizioni homevideo di veri e propri cult, recenti ma anche del passato, realizzati da alcuni dei più celebrati maestri del genere. In un'epoca dominata dal digitale, si tornerà ad assaporare la ruvida sensazione della pellicola, quanto mai adatta al genere.

I blu-ray della collana Tombstone Collection

La collana abbraccia 35 anni di cinema horror, da Le colline hanno gli occhi del 1977 di Wes Craven, a film di ultima generazione del 2011 come You're Next di Adam Wingard e il curioso Quella casa nel bosco di Drew Goddard. Nel mezzo il primo episodio della saga di Saw, ovvero Saw - L'enigmista diretto da James Wan, riproposto senza censure o tagli, l'Amityville Horror del 2005 firmato da Andrew Douglas. E poi ancora un adattamento di un celebre videogioco come Silent Hill diretto da Christophe Gans, il remake di Non aprite quella porta del 2003 realizzato da Marcus Nispel, quindi Wrong Turn di Rob Schmidt e una doppia razione di Rob Zombie, con La casa dei 1000 corpi e il suo sequel La casa del diavolo. Edizioni a volte caratterizzate da massicce dosi di contenuti speciali, magari un po' datate e dal sapore retrò, ma molto esaurienti. Insomma, ce n'è davvero per tutti i gusti, basta che siano horror. Una collana che abbiamo avuto la fortuna di poter visionare nelle edizioni blu-ray alta definizione e che andiamo a analizzare nei dettagli.

Le card della Tombstone Collection

Saw - L'enigmista: lo strepitoso inizio della saga in una Uncut Edition

La locandina di Saw - L'enigmista
Totale 7.5
Video 7
Audio 8
Extra 8

IL FILM. Il primo, il più famoso, il più spiazzante, il più horror, quello del 2004 che poi avrebbe dato vita a una lunga saga: Saw - L'enigmista, con il suo finale sconvolgente, è qui disponibile nella uncut edition senza tagli nè censure. Nel film di James Wan due uomini si risevgliano incatenati a un muro di una stanza piena di sangue, con un cadavere nel mezzo. Non ricordano nulla e non sanno come siano finiti lì, mentre un folle li spia e li costringe a un gioco di morte.

IL BLU-RAY. Il video in HD si presenta discreto, con un quadro abbastanza pulito anche se c'è da registrare qualche piccola spuntinatura. Le immagini sono sporche al punto giusto come da fotografia, con un dettaglio morbido e solo a tratti incisivo. Il croma è desaturato nella stanza, più caldo e con colori brillanti fuori, con il nero che tende un po' ad affogare i particolari. Ottimo l'audio in Dolby True HD 5.1, incisivo ed efficace nei momenti top con effetti che rimbalzano tra i diffusori con buona fluidità per una resa molto suggestiva. I rear sono attivi e precisi, i bassi energici, la spazialità generale è apprezzabile, da rilevare solo un timbro un po' secco nel doppiaggio italiano. Positivo anche il reparto extra: troviamo il commento di James Wan, una galleria d'arte dello stesso regista (4'), un dietro le quinte (36') esauriente con interviste e retroscena sulla produzione, Il puzzle: l'enigma (14' e mezzo) che una finta trasmissione tv, Il film in un minuto (1') con pupazzi a raccontare la trama, L'enigmista (9') tutto dedicato al carnefice, e infine lo storyboard di una sequenza alternativa (2' e mezzo).

Saw - L'enigmista (Tombstone Collection) su Amazon

Saw - l'enigmista, una scena del film

Se il videogioco si trasforma in un film: Silent Hill

La locandina di Silent Hill
Totale 8
Video 8
Audio 8.5
Extra 8

IL FILM. Tratto da un famosissimo videogioco, Silent Hill diretto da Christophe Gans vede protagonista una donna che contro il volere del marito vuole portare la sua figlia malata da un miracoloso guaritore. E mentre sua figlia scompare, lei finirà per rimanere bloccata nella terrificante cittadina di Silent Hill, che in apparenza sembra abbandonata, ma in realtà è abitata da mostri, fantasmi e spiriti maligni.

IL BLU-RAY. Il video è davvero ottimo per la capacità di gestire la nebbia di Silent Hill con efficacia e senza sbavature. Il dettaglio è a tratti soft ma bisogna considerare i tanti effetti speciali, mentre il croma è vivo e brillante con neri profondi. Il tutto dà vita a un quadro solido e appagante. Super anche l'audio presente in Dolby True Hd 5.1 per entrambe le lingue: tracce davvero esplosive grazie alla costante attività dell'asse posteriore che trasmette tensione e provoca sobbalzi sfruttando bene la direzionalità degli effetti. Inoltre il sub è messo alla frusta da bassi molto energici che colpiscono allo stomaco. Anche gli extra non deludono: oltre al trailer e a una serie di interviste per un totale di 10 minuti, troviamo uno strepitoso Speciale Silent Hill di ben 59 minuti con tanto lavoro sul set durante le riprese, retroscena, curiosità e interviste.

Silent Hill (Tombstone Collection) su Amazon

Laurie Holden e Radha Mitchell in una scena di SILENT HILL

L'horror che spiazza ed è anche commedia: Quella casa nel bosco

Quella casa nel bosco: locandina italiana
Totale 8
Video 8
Audio 9
Extra 6

IL FILM. Una comedy-horror sorprendente e con trovate decisamente originali per il genere. Lo ha confezionato nel 2011 Drew Goddard, che in Quella casa nel bosco presenta una storia spiazzante, dove niente è come sembra. Da un lato il classico gruppetto di ragazzi che va in gita in una casa isolata e viene attaccato da esseri spaventosi, dall'altro un misterioso gruppo di tecnici in una sala operativa che sembra controllare ogni loro mossa attraverso telecamere nascoste. Chi sono? Ma soprattutto chi si cela dietro di loro e pretende tutto questo sangue?

IL BLU-RAY. Il video è solido e brillante, con un dettaglio un po' morbido, soprattutto quando arrivano gli effetti speciali, ma comunque valido. Il quadro è compatto e tiene bene anche nel convulso finale, mentre il croma è variegato e ricco di sfumature. Davvero esplosivo l'audio in DTS HD 5.1: già il crollo di un tunnel fa immaginare il potenziale, poi nel pirotecnico finale con la manifestazione dei vari mostri, il coinvolgimento è totale con bassi muscolari ed energici, un mix potente e dettagliato e un asse posteriore preciso e incisivo nella separazione degli effetti. Sufficienti gli extra. Oltre al trailer, troviamo un'intervista al regista Drew Goddard (4' e mezzo), un'altra allo sceneggiatore Joss Whedon (7') e poi a vari elementi del cast (4').

Quella casa nel bosco (Tombstone Collection) su Amazon

Anna Hutchison in una suggestiva immagine dell'horror The Cabin in the Woods

Il remake di un cult e una casa ancora stregata: Amityville Horror

La locandina di The Amityville Horror
Totale 6.5
Video 7.5
Audio 8
Extra 2

IL FILM. Remake del cult degli anni '70 e basato su un'inquietante storia vera, Amityville Horror del 2005 diretto da Andrew Douglas, vede protagonista un uomo (Ryan Reynolds) che non ha paura di trasferirsi con moglie e bambini in una casa dove in passato un pazzo ha massacrato tutta la sua famiglia. La casa è bella, il prezzo incredibilmente basso e l'occasione imperdibile, ma il destino è in agguato e potrebbe ripetersi anche nei confronti dei nuovi abitanti.

IL BLU-RAY. Il video in HD è convincente e presenta un quadro non solo sempre compatto, ma anche pulito e incisivo e caratterizzato da una piacevole grana sottile e naturale. Il contrasto forte tiene bene anche nelle scene più scure, grazie a un nero profondo e un dettaglio di buona qualità, che solo in circostanza critiche ha qualche flessione. L'audio in DTS HD 5.1 per entrambe le tracce è efficace e suggestivo grazie a un asse posteriore attivissimo, preciso e potente nell'appoggiare la scena, con la colonna sonora e i tanti effetti sonori che contribuiscono agli spaventi. Il tutto valorizzato da dialoghi perfetti e soprattutto dei bassi muscolari ed energici. Peccato per la totale assenza di extra.

Amityville Horror (Tombstone Collection) su Amazon

Melissa George e Ryan Reynolds in una scena drammatica di The Amityville Horror

Il primo capitolo di una lunga saga: Wrong Turn

La locandina di Wrong Turn
Totale 6.5
Video 6
Audio 7
Extra 7

IL FILM. Datato 2003 e primo film di una lunga serie che ha dato vita a una saga, Wrong Turn diretto da Rob Schmidt vede protagonisti un gruppo di ragazzi che dopo un incidente stradale resta intrappolato in un'inquietante foresta del West Virginia. Il problema è che il gruppetto non è solo e qualcuno li sta spiando e tenendo d'occhio, forse una famiglia di terribili e mostruosi serial killer, dediti al cannibalismo ed altre atrocità. Riusciranno mai i ragazzi a uscire da quel bosco?

IL BLU-RAY. Il video non appare del tutto convincente, forse a causa di un master non eccelso. Fatto sta che le immagini sono quasi sempre pastose e in questo contesto il dettaglio fa fatica ad emergere e rimane sempre molto morbido con una sensazione di perenne opacità, anche se non ci sono altre sbavature e il croma ha un buon vigore. L'audio è decisamente più convincente grazie a un DTS HD 5.1 nel quale l'asse posteriore supporta bene la scena e contribuisce a creare un clima di tensione, grazie anche alla muscolarità dei bassi. Efficace anche la direzionalità. Negli extra oltre al trailer, troviamo lo Speciale Wrong Turn (15' e mezzo), in pratica un making of, poi interviste a cast, regista e produttore (totale 7' e mezzo) e quindi un backstage (8') con momenti delle riprese sul set.

Wrong Turn (Tombstone Collection) su Amazon

Eliza Dushku con Desmond Harrington in Wrong Turn

Il remake di un massacro texano: Non aprite quella porta

La locandina di Non aprite quella porta
Totale 7.5
Video 6.5
Audio 7
Extra 8.5

IL FILM. Realizzato nel 2003, Non aprite quella porta è il remake realizzato da Marcus Nispel di un grande classico dell'orrore, e richiama ancora il massacro texano dell'iconico Leatherface. Tutto parte dal consueto gruppo di teenager, che dà un passaggio a una ragazza che però si spara in testa. È l'inizio di un vortice di terrore e sangue, con i ragazzi che finiscono nelle grinfie di una sinistra famiglia il cui braccio armato è un bestione sfigurato che ama tanto la motosega per uccidere.

IL BLU-RAY. Il video è tutto sommato soddisfacente, con un quadro pulito a parte qualche piccolo graffio, mentre il dettaglio è buono sui primi piani, solo discreto sui fondali. Il croma è piuttosto sobrio e un po' desaturato, con una grana a tratti molto evidente ma che in gran parte è naturale. L'audio in Dolby True HD italiano e in semplice dolby digital inglese, entrambi in 5.1, privilegia l'asse anteriore ma rivela anche una discreta attività dei rear, con buoni risultati sul piano della spazialità e della direzionalità, perfino qualche panning, anche se non al livello delle produzioni recenti. Da applausi gli extra, a partire da tre commenti audio regolarmente sottotitolati. Quindi troviamo Chainsaw Redux: Making a massacre, ben 75 minuti di resoconto dettagliato della produzione ricco di curiosità. A seguire Ed Gein, il maniaco di Plainfield, su un vero serial killer (24'), mentre Severed Parts (17') è un featurette sulle parti tagliate. E ancora Provini (7') tra i quali anche quello di Jessica Biel, una marea di trailer e spot tv, scene tagliate con inizi e fine alternativi (totale di 10') e un video musicale.

Non aprite quella porta (Tombstone Collection) su Amazon

Jessica Biel, Jonathan Tucker, Erica Leerhsen, Mike Vogel e Eric Balfour in una scena del remake di Non aprite quella porta

Rob Zombie capitolo 1: La casa dei 1000 corpi

La locandina di La casa dei 1000 corpi
Totale 6.5
Video 7
Audio 6
Extra 6.5

IL FILM. Un cult che arriva per la prima volta in blu-ray, quello di Rob Zombie del 2003, che ne La casa dei 1000 corpi fa sprofondare in un incubo due giovani coppie in vacanza nella sperduta provincia americana a caccia di miti locali. Il gruppetto viene indirizzato da uno strano personaggio che gestisce il museo gli orrori verso la leggenda del dottor Satana. Guidati da un'autostoppista ambigua, finiranno nelle grinfie di una famiglia di psicopatici dedita a riti demoniaci e cannibalismo.

IL BLU-RAY. Il video presenta un croma esplosivo in alcune scene, più contenuto in altre, soprattutto quelle più scure che risultano più pastose. Comunque il dettaglio è sempre più che buono, la grana leggera e naturale a parte le immagini volutamente sporche e rumorose, quindi nel complesso un qaudro compatto anche se con qualche sbavatura. L'audio è presente in DTS HD per italiano e originale, ma la resa non è entusiasmante e sbilanciata sull'anteriore: i dialoghi suonano un po' inscatolati mentre gli effetti ambientali sono un po' sottotono a causa della pigrizia dei rear che si mettono in moto però per la colonna sonora. Gli extra contengono lo speciale Nella Casa (4'), un'intervista a Rod Zombie (7'), una featurette sul casting (7' emezzo) e il trailer.

La casa dei 1000 corpi (Tombstone Collection) su Amazon

La casa dei mille corpi: una scena del film

Rob Zombie capitolo 2: La casa del diavolo

La locandina italiana di La casa del diavolo
Totale 7.5
Video 6.5
Audio 6.5
Extra 9

IL FILM. Anche La casa del diavolo, sequel de La casa dei 1000 corpi, porta la firma di Rob Zombie e vede ancora protagonista la folle famiglia Firefly, che per difendersi da un'irruzione della polizia che ha circondato il luogo dei massacri, ingaggia un sanguinoso scontro a fuoco. Due membri della famiglia fuggono e si ricongiungono con il folle Capitan Spaulding: i tre, inseguiti dallo sceriffo e da due cacciatori di taglie, lasceranno una scia di morte e distruzione.

IL BLU-RAY. Il video presenta un dettaglio discreto, solo a tratti buono, mentre la grana è altalenante e in qualche frangente è molto pronunciata. Quadro comunque in sostanza pulito, a parte qualche graffietto, mentre il croma vanta sempre colori forti. L'audio presente una po' di spazialità in più del film precedente con un asse posteriore più attivo, anche se non ancora molto coinvolgente. Buoni comunque i bassi e anche i dialoghi suonano più naturali. Stratosferici gli extra, dove ovviamente spicca 30 giorni all'inferno, ovvero il mese di lavorazione del film raccontato nei dettagli con interviste e retroscena, che dura la bellezza di 2 ore e 24 minuti. Poi ancora brevi featurette come Intervista sanguinosa (2'), un Tributo a Matthew Mcgrory (2'), un video musicale di Buck Owens (2'), la pubblicità di Mary la scimmia umana (1') e quella natalizia di Spaulding (1'), quindi Il video amatoriale di Otis (1'), ben undici scene eliminate (12' in tutto), un po' di errori sul set e il Morris Green Show di 13 minuti.

La casa del diavolo (Tombstone Collection) su Amazon

Sheri Moon, Sid Haig e Bill Moseley in una scena del film La casa del diavolo

Chi è che uccide tutti in quella casa?: You're Next

You're Next: il poster italiano
Totale 7
Video 7.5
Audio 8.5
Extra 2

IL FILM. You're Next è uno degli horror più recenti della collana, datato 2011, nel quale il regista Adam Wingard ambienta la vicenda in una casa isolata, durante un ritrovo di parenti per festeggiare un anniversario di matrimonio e soprattutto per riconciliare alcuni partecipanti. Ma mentre le vecchie rivalità prendono il sopravvento, la casa è presa d'assalto da qualcuno armato di balestre che da fuori comincia a far fuori i commensali e a spargere sangue. Nessuno sa chi sia e il perché lo faccia.

IL BLU-RAY. Il video valorizza l'alta definizione e il quadro è di buona qualità, sempre solido e compatto, con un dettaglio morbido ma preciso e un croma rispettoso della fotografia calda. Il nero affoga un po' i particolari nelle scene più buie, ma nulla di allarmante. L'audio presente in DTS HD 5.1 sia in italiano che in originale è molto coinvolgente, con un asse posteriore molto attivo nei momenti di maggior tensione, grazie ad azzeccati effetti ambientali e una buona direzionalità dei rumori. I dialoghi sono caldi e precisi, e anche quando le urla prendono il sopravvento non si sentono distorsioni. La brutta sorpresa è che purtroppo non è presente nessun extra.

You're Next (Tombstone Collection) su Amazon

You're next: Sharni Vinson in una scena si prepara al massacro

Il caro vecchio cult di Wes Craven: Le colline hanno gli occhi

La locandina di Le colline hanno gli occhi
Totale 6
Video 6
Audio 6
Extra 5.5

IL FILM. Cult del 1977 e secondo lungometraggio del maestro Wes Craven, Le colline hanno gli occhi mette in scena uno spaventoso e selvaggio clan familiare, che prenderà di mira una famigliola in vacanza che ha avuto la brutta idea, durante un viaggio verso la California, di avventurarsi in un deserto collinoso per visitare una miniera d'argento abbandonata, senza sentire i consigli di un vecchio benzinaio che aveva avvertito loro di stare alla larga dalla zona.

IL BLU-RAY. Il video risente molto del peso degli anni: il quadro in sostanza è pulito con qualche graffio e spuntinatura, ma l'immagine è scialba, granulosa e soprattuto priva di dettaglio, con un quadro morbido e debole. In ogni caso la sufficienza è assicurata grazie a un croma comunque brillante e a qualche momento nel quale il dettaglio è più efficace. L'audio italiano è rimasterizzato in DTS HD 5.1 ma la codifica lossless non può più di tanto e risulta comunque chiuso sull'anteriore con dialoghi secchi e staccati dal contesto. Discreta l'ambienza, comunque risulta sicuramente più efficace la traccia inglese nonostante la codifica 2.0. Negli extra il trailer e il finale originale di 6 minuti.

Le colline hanno gli occhi (Tombstone Collection) su Amazon

Una scena di LE COLLINE HANNO GLI OCCHI
Tombstone Collection: scopriamo la nuova collana...
Cinecittà World
Cinecittà World

Mostra i vecchi commenti

Cinema e videogiochi: l'attrazione (e imitazione) è reciproca
Gli insoliti finali: i colpi di scena più sconvolgenti degli ultimi 20 anni