Salvatore Esposito su Gomorra 3: “L’obiettivo di Genny ora è non diventare come suo padre”

Nella terza stagione di Gomorra Genny Savastano è ora sul trono della sua famiglia, che deve difendere con i denti da chi gli è più vicino: mai come adesso ha tutto da perdere. Ne abbiamo parlato con Salvatore Esposito, che ancora una volta cambia pelle. Dal 17 novembre su Sky Atlantic HD e il 14 e 15 novembre in anteprima al cinema.

images/2017/11/13/best_serial_full_gomorra-ecco-le-prime-foto-ufficiali-dal-set-della-stagione-3_1496063947.jpg

"Accidere è 'na strunzata!" diceva un non molto convinto Genny (Salvatore Esposito) a Don Pietro Savastano (Fortunato Cerlino), suo padre, nella prima stagione di Gomorra - La Serie. Tre anni e 24 episodi dopo, non c'è stato un grilletto premuto che non abbia avuto conseguenze enormi, in un domino di sangue e dannazione che ha portato i suoi protagonisti a cambiare pelle, a incarnare varie sfumature del male, fino alla discesa definitiva negli Inferi avvenuta alla fine della seconda stagione.

Leggi anche: Gomorra 3, Roberto Saviano: "Raccontiamo le Scampia d'Europa"

Per crescere bisogna uccidere i padri e Genny ha preso il fatto molto seriamente: per mano di Ciro (Marco D'Amore), si è liberato di una presenza ingombrante, di quel padre padrone che non ha mai creduto fino in fondo nelle sue capacità, sordo alla richiesta del figlio di governare sul trono criminale di Napoli insieme. L'allievo ha superato il maestro e ora siede solo al comando della famiglia Savastano, con tanto di erede legittimo: il piccolo Pietro, impunemente chiamato così proprio in onore del padre ucciso. Un'altra figura paterna però incombe all'orizzonte: Giuseppe Avitabile (Gianfranco Gallo), genitore di Azzurra (Ivana Lotito), sua moglie.

Leggi anche: Gomorra tra colpi di scena (e di pistola): le sequenze più belle della serie

Gomorra 3: Marco D'Amore sul set

A un anno e mezzo dallo sconvolgente finale della seconda stagione, Gomorra torna in tv, su Sky Atlantic HD, il 17 novembre, con 12 nuovi episodi, di cui due, il primo e il terzo, usciti in anteprima al cinema il 14 e il 15 novembre in 300 sale italiane. In questo nuovo ciclo, Genny muta ancora una volta, lasciandosi completamente alle spalle il ragazzino ingenuo degli inizi. Abbiamo incontrato a Roma, alla presentazione di Gomorra, Salvatore Esposito, che ci ha svelato quale Genny ci ha regalato in questa terza stagione.

Leggi anche: Italia criminale: da Gomorra a Suburra, ritratto di un Paese sull'orlo del baratro

Le mani di Genny

Gomorra - la serie, Salvatore Esposito è Genny Savastano

Se prima erano gli altri a toccare in faccia Genny, schernendolo o mettendo in discussione la sua autorità, ora è lui a dare buffetti in faccia ai suoi interlocutori, con una nuova sicurezza negli occhi e nelle mani: un gesto che descrive un mondo: "È la naturale evoluzione di un personaggio che è diventato il capo e deve in qualche modo capire di chi può fidarsi" ci ha detto Esposito, continuando: "Il contatto fisico è una cosa che in questa stagione ha cercato per capire, a pelle, chi può essere dalla sua parte oppure no". In quanto neo papà Genny è ora quello che ha più da perdere di tutti, al contrario dei suoi avversari, che hanno detto addio a figli e persone care: "In qualità di reggente della famiglia Savastano ora Genny deve confrontarsi con nuove realtà e vecchi nemici: il suo obiettivo primario è però non essere Pietro Savastano, soprattutto nel rapporto con il figlio".

La nostra intervista a Salvatore Esposito

Salvatore Esposito su Gomorra 3: “L’obiettivo di...
Cinecittà World
Cinecittà World

Mostra i vecchi commenti

Salvatore Esposito, da Gomorra a Veleno: "Il male ha sfumature diverse"
Gomorra, video intervista a Fortunato Cerlino e Salvatore Esposito il "team Savastano"