Ready Player One

2018, Fantascienza

Ben Mendelsohn e Hannah John-Kamen, i cattivi di Ready Player One: “E.T. ci ha cambiato la vita”

Intervista video a Ben Mendelsohn e Hannah John-Kamen, interpreti di Nolan Sorrento e F'Nale, gli antagonisti in Ready Player One di Steven Spielberg, decisi a impossessarsi di Oasis per trasformarla in un grande centro commerciale virtuale. In sala dal 28 marzo.

Ready Player One: Hannah John-Kamen in una scena del film

Ogni storia ha bisogno di antagonisti all'altezza e per Ready Player One, tratto dall'omonimo romanzo di Ernest Cline, nelle sale italiane dal 28 marzo, Steven Spielberg ha scelto due attori dal grande fascino per i ruoli di Nolan Sorrento e F'Nale, rispettivamente CEO della Innovative Online Industries, alias IOI, società che cerca di impadronirsi di Oasis, realtà virtuale creata da James Halliday (Mark Rylance), per fare il più grande colpo economico della storia, e il suo braccio destro: Ben Mendelsohn e Hannah John-Kamen.

Leggi anche: Ready Player One, non solo nostalgia: Spielberg ci regala il paradiso dei cinefili

L'attore australiano ci sta prendendo gusto con i "cattivi", dopo aver interpretato Krennic in Rogue One: A Star Wars Story (e forse non è un caso: vista la scarsità di riferimenti palesi a Star Wars, l'attore potrebbe essere stato scelto da Spielberg come "easter egg" umano): il suo Sorrento ha il sorriso sornione e l'impostazione da uomo d'affari, mentre F'Nale è maestosa e molto determinata.

Leggi anche: David di Donatello 2018: Spielberg, la DeLorean sul red carpet e la vittoria dei Manetti Bros.

Ready Player One: Ben Mendelsohn in una scena del film

La coppia cerca prima di attirare dalla propria parte e poi di fermare Wade Watts (Tye Sheridan), alias Parzival, ragazzo che, grazie alla sua sola conoscenza della cultura pop anni '80, riesce a trovare la prima chiave della caccia al tesoro inaugurata da Halliday dopo la sua morte: chi riuscirà a trovare, risolvendo enigmi e indovinelli, tre chiavi, una di rame, una di giada e una di cristallo, diventerà l'unico erede del genio dell'informatica e quindi proprietario di Oasis.

Leggi anche: Steven Spielberg, da E.T. e Indiana Jones a Schindler: 10 personaggi indimenticabili dei suoi film

Anche i cattivi hanno un cuore e amano E.T.

Ready Player One: Tye Sheridan in una foto del film

Abbiamo incontrato i due attori a Londra, all'anteprima europea di Ready Player One, dove si sono dimostrati felicissimi di aver potuto realizzare un sogno: lavorare con il regista di E.T. L'Extraterrestre, il film che ha cambiato loro la vita da bambini: "Vederlo da giovane è stato bellissimo: mi ricordo quando è uscito, l'ho visto al cinema" ci ha detto Mendelsohn, mentre John-Kamen: "Anche per me il film che mi ha cambiato la vita è stato E.T.: ce ne sono molti tra cui scegliere, ma E.T. è come un amico immaginario, è l'immaginazione di un bambino. C'è spirito d'avventura e come pubblico ti senti parte di essa: è così invitante. È un'abilità speciale di Steven Spielberg quella di farti sentire lì: mi sentivo così quando, crescendo, guardavo i suoi film e le sue serie".

Leggi anche: E.T. - L'extraterrestre: perché ancora oggi è il migliore amico immaginario che si possa avere

L'importanza di avere delle passioni

Ready Player One: Tye Sheridan in una scena del film

Nel film Wade/Parzival riesce a trovare il primo indizio grazie alla sua passione per il cinema, i videogiochi, i fumetti e le serie tv. Anche per l'attrice inglese avere una passione che riempia la vita è fondamentale: "Devi avere qualcosa che, magari non necessariamente ti ispiri, o ti faccia andare avanti, ma che sia fonte di gioia: una passione è la cosa più felice che ci sia, è qualcosa che tutti dovrebbero provare. È una sensazione bellissima".

Leggi anche: Steven Spielberg: da Indiana Jones a Jurassic Park, le 10 sequenze più spettacolari dei suoi blockbuster

La nostra intervista a Ben Mendelsohn e Hannah John-Kamen

Ben Mendelsohn e Hannah John-Kamen, i cattivi di...
Cinecittà World
Cinecittà World

Mostra i vecchi commenti

Ready Player One, non solo nostalgia: Spielberg ci regala il paradiso dei cinefili
E.T. - L’extraterrestre: Perché ancora oggi è il miglior amico immaginario che si possa avere