Rampage - Furia animale

2018, Azione

Rampage, The Rock: "Le persone sono come gli animali: se gli piaci ti leccano, altrimenti mordono"

Intervista a Dwayne Johnson, che grazie a Rampage porta sul grande schermo il videogioco omonimo anni '80, ritrovandosi ad affrontare tre bestie giganti, tra cui George, gorilla albino con cui ha un rapporto speciale. Dal 12 aprile nelle sale italiane.

Rampage: Dwayne Johnson in una foto del film

Il cabinato anni '80 di Rampage, videogioco creato da Midway Games, è rimasto nel cuore di chi è cresciuto in quell'epoca perché era uno dei primi ad avere tre postazioni di gioco: si poteva scegliere se essere il gorilla George, il coccodrillo Lizzie e il lupo mannaro Ralph.

Leggi anche: La recensione di Rampage - Furia Animale: l'all star game dei mostri

A più di trent'anni dal suo esordio, il gioco ora è un film, Rampage - Furia animale, nelle sale italiane dal 12 aprile, diretto da Brad Peyton, che ha voluto per la terza volta come protagonista (dopo Viaggio nell'isola misteriosa e San Andreas) Dwayne Johnson. The Rock, al suo secondo film del 2018 in pochi mesi dopo Jumanji - Benvenuti nella giungla, questa volta ha voluto arricchire la storia scarna (nel videogioco i tre mostri si limitano a distruggere grattacieli) interpretando un primatologo dello zoo di San Diego, Davis Okoye, che ha un rapporto speciale con un gorilla albino di nome George, con cui comunica tramite il linguaggio dei segni.

Leggi anche: Rampage, Dwayne Johnson: "I mostri sono pazzeschi perché li ha creati la Weta di Peter Jackson"

Rampage - Furia animale: Dwayne Johnson in una scena del film

A causa di un esperimento genetico finito male, George comincia a crescere a dismisura e diventa incontrollabile. E non è solo: anche un lupo e un coccodrillo si ritrovano presto ad altezza palazzi. Davis cerca quindi di salvare la situazione e il suo amico.

Leggi anche: Rampage: The Rock ci tiene a sottolineare che non corre come Tom Cruise

Le qualità di un leader e l'onestà degli animali

Rampage - Furia animale: Dwayne Johnson e Jeffrey Dean Morgan in una scena del film

Abbiamo incontrato Johnson a Londra, all'anteprima europea del film, dove gli abbiamo chiesto se, come il suo personaggio, preferisce la compagnia degli animali perché più trasparenti rispetto alle persone: "Concordo in parte col mio personaggio" ci ha detto l'attore, sorriso smagliante e maglione aderente a sottolineare la sua possanza fisica, proseguendo: "gli animali sono molto sinceri e onesti tutto il tempo. Con le persone a volte è diverso: possono mostrarti lati differenti di se stesse e a volte sono oneste quasi quanto gli animali. C'è una battuta fantastica nel film, che dice: "Se agli animali piaci ti leccano, se non è così ti mangiano. Ci credo."

Leggi anche: Jumanji: chi vincerebbe una gara di ballo tra The Rock, Kevin Hart e Nick Jonas?

Rampage - Furia animale: Dwayne Johnson e Naomie Harris in una scena del film

Nel film Okoye dice spesso la frase: "Dobbiamo trovare un altro modo". Abbiamo chiesto all'attore se sia una qualità essenziale di un buon leader quella di cercare di trovare sempre strade diverse e migliori e ascoltare le persone. "Sì, è un punto interessante su cui riflettere" ha ammesso, spiegando meglio: "_credo sia una qualità che appartiene ai grandi leader. Bisogna ascoltare sempre: le persone, i cittadini, il paese. Se un leader, a prescindere dall'obiettivo, riesce a essere sempre chiaro sul modo con cui vuole raggiungerlo, allora dimostra la sua grandezza. All'estremo opposto c'è chi è testardo, non è aperto e tende a emarginare le persone. Non voglio che i miei leader siano così._"

Leggi anche: Cinema e videogiochi: l'attrazione (e imitazone) è reciproca

La nostra intervista a Dwayne Johnson

Rampage, The Rock: "Le persone sono come gli...
Cinecittà World
Cinecittà World

Mostra i vecchi commenti

Rampage - Furia animale: l’All Star Game dei mostri
Rampage, Dwayne Johnson: “I mostri sono pazzeschi perché li ha creati la Weta di Peter Jackson”