D.N.A. (Decisamente Non Adatti), la recensione: L’esperimento comico di Lillo e Greg

La recensione di D.N.A. (Decisamente Non Adatti), nuovo film in cui Lillo e Greg si mettono alla prova anche come registi, in streaming dal 30 Aprile.

RECENSIONE di 30/04/2020
Dna Decisamente Non Adatti 28
D.N.A. (Decisamente Non Adatti): Lillo & Greg in una sequenza

Televisione, radio, cinema, teatro, fumetto: il cammino di Lillo e Greg ha incrociato un po' tutti i mezzi espressivi e non stupisce che con D.N.A. (Decisamente Non Adatti) siano andati un passo più avanti in ambito cinematografico firmando la loro prima regia per un film che sarebbe dovuto uscire in sala il 30 Aprile e ha mantenuto la data prevista spostandosi sulle principali piattaforme streaming (da Primafila Premiere a TimVision, Chili, Infinity, Google Play, Rakuten TV e CG Digital) per la situazione che stiamo vivendo negli ultimi tempi. In questa nostra recensione di D.N.A. (Decisamente Non Adatti) vi racconteremo come e quanto il lavoro della coppia di comici sia efficace e funzionale alla loro idea di cinema e di umorismo.

Amici per la scienza

Dna Decisamente Non Adatti 31
D.N.A. (Decisamente Non Adatti): Lillo e Greg durante una scena del film

In D.N.A. (Decisamente Non Adatti) Lillo e Greg sono Nando ed Ezechiele, due individui che si conoscono sin dalla scuola elementare e che non potrebbero essere più diversi tra loro. In particolare Ezechiele è vittima dei soprusi dell'altro, di un bullismo che l'ha reso l'uomo timido che è oggi, che continua a subire nella vita di tutti i giorni, in ambito universitario dove insegna così come in famiglia. Una situazione destinata a cambiare quando Ezechiele, grazie alle proprie competenze scientifiche relative al DNA, riesce a mettere a punto un processo che permette di scambiare porzioni di codice genetico, modificando attitudini e comportamento dei due, intervenendo in modo drastico sulle loro esistenze.

25 fantascientifiche invenzioni da film e serie che vorremmo fossero realtà

Lillo, Greg e tre volte Anna Foglietta

Dna Decisamente Non Adatti 17
D.N.A. (Decisamente Non Adatti): una foto del film

Lillo e Greg giocano con i loro caratteri e con le dinamiche consolidate della loro comicità, si invertono i ruoli e si prendono in giro a vicenda, riproponendo e rielaborando i canoni della loro comicità. Funziona in modo particolare il lavoro fatto sul linguaggio, modulando toni e approcci in contrasto con il lessico usato da Ezechiele e Nando dopo l'hacking dei rispettivi codici genetici con influenze dell'altro. Non è da meno Anna Foglietta, loro principale compagna d'avventura in D.N.A. (Decisamente Non Adatti), che si presta al gioco dei due autori del film, brillante e irresistibile interprete di tre personaggi della storia dalle caratteristiche ben distinte, ovvero Elena, Renata e Jessicah.

Attenti a quei due! Le coppie comiche del cinema italiano

Un esperimento riuscito?

Dna Decisamente Non Adatti 24
D.N.A. (Decisamente Non Adatti): Lillo Petrolo in una scena

La prima regia di Lillo e Greg, al netto di qualche piccola e perdonabile ingenuità, è un esperimento più riuscito di quello scientifico di Ezechiele che raccontano, che non si limita a mettersi al servizio della loro collaudata comicità, ma cerca, e in parte trova, ispirazione in una certa commedia americana per la cura che dimostra nella messa in scena, nei tempi narrativi e comici, per la voglia di raccontare una storia che sappia ironizzare su alcune caratteristiche del nostro mondo, ma anche accennare a temi importanti: l'accenno al bullismo, l'importanza di trovare e accettare se stessi, la comprensione del prossimo, sono temi che introducono o accompagnano un racconto costruito con onestà e pulizia. Uno sviluppo della storia che si lascia andare a una svolta, che non vi anticipiamo per evitare di rovinarvi la sorpresa, che stupisce vista nell'ottica del momento che stiamo vivendo.

Conclusioni

Per sintetizzare la nostra recensione di D.N.A. (Decisamente Non Adatti) ribadiamo di aver apprezzato il tentativo, per lo più riuscito, di Lillo e Greg di costruire una storia che non fosse solo al servizio delle loro consolidate dinamiche come coppia comica, ma che ambisse a rievocare con cura e passione un certo tipo di commedia americana. Ottima anche l’intesa a schermo con Anna Foglietta, irresistibile interprete di tre personaggi diversi e distinti.

Movieplayer.it

3.5/5

Voto medio

1.3/5

Perché ci piace

  • La confermata alchimia dei due comici.
  • Una regia che non si limita a sostenere le loro consolidate dinamiche, ma mira a una certa commedia americana per cura della messa in scena.
  • Anna Foglietta, irresistibile nei tre diversi ruoli che interpreta.

Cosa non va

  • Qualche piccola ingenuità nella costruzione della storia, assolutamente perdonabile.