Emma Stone ed Emma Thompson su Crudelia: “Finalmente cattive!”

L'intervista a Emma Stone ed Emma Thompson, protagoniste di Crudelia, live action dedicato a Crudelia DeMon. Al cinema e su Disney Plus.

INTERVISTA di 27/05/2021
Crudelia Emma Stone 28
Crudelia: Emma Stone in un'immagine del film

Crudelia De Mon è sempre stata una delle villain Disney con il maggior senso dello stile. È proprio da qui che il regista Craig Gillespie e lo sceneggiatore Tony NcNamara sono partiti per costruire questa nuova versione del personaggio: dalla moda. Crudelia, nelle sale italiane dal 26 maggio e dal 28 maggio su Disney Plus, è una sfilata lunga due ore, in cui Cruella De Vil (questo il nome originale del personaggio) è una Vivienne Westwood votata al crimine.

Crudelia Emma Stone 22
Crudelia: Emma Stone con l'abito dal lungo strascico rosso e nero

A interpretare Crudelia è il premio Oscar Emma Stone: occhi grandi e sorriso brillante, è perfetta nel dare alla protagonista un'infinità di sfumature, dalla disperazione dell'inizio alla pura ambizione del finale. E, state tranquilli, i cani sono al sicuro. Almeno per ora. Il film di Craig Gillespie, già autore di Lars e una ragazza tutta sua e I, Tonya, è una origin story e allo stesso tempo un film sul disagio.

Esistenziale, generazionale, familiare: Crudelia, che all'inizio è Estella, si muove sempre tra picchi di follia e abissi di depressione. A farle da contraltare la perfidia incarnata, La Baronessa, interpretata da un altro premio Oscar, Emma Thompson, a capo di una casa di moda che la ragazza ammira moltissimo. Siamo nella Londra degli anni '70 e tutto è in fermento: la musica, la politica, i vestiti. Ne abbiamo parlato proprio con le attrici, incontrate virtualmente alla première del film.

Crudelia: il live action più dark della Disney

Crudelia
Locandina di Crudelia

Siete rimaste sorprese da quanto sia dark questo film Disney?

Emma Stone: Sì, hanno davvero permesso a Craig Gillespie e Tony NcNamara di scrivere e fare ciò che volevano. Certamente è dark per un film Disney, magari non in modo intenso come lo sarebbe un horror. Era da tanto che la Disney non si spingeva così in là.

Crudelia, la recensione: Emma Stone è come Vivienne Westwood nella Londra del punk

La Baronessa è un nuovo personaggio: è favolosa, ma è anche un incubo. Come l'hai costruita?

Emma Thompson: Mi sono divertita molto: mi sono chiesta per diversi anni se sarei stata in grado di interpretare una villain. Ho passato anni a interpretare quelle che mia madre chiamerebbe "brave donne col vestito". Adesso invece ho potuto interpretare una donna veramente malvagia, sempre col vestito, ma questi vestiti sono incredibili. In realtà credo che siano stati loro a indossare me. È stato bellissimo: ogni volta che ci incontravamo sul set io ed Emma ci guardavamo come se fossimo opere d'arte e in un certo senso lo eravamo. Creare La Baronessa è stato un lavoro collettivo: io ho solo indossato i vestiti e detto le battute. Andare al bagno era complicato perché mi hanno strizzato come un tubetto di dentifricio con un corsetto e anche le scarpe sono state una sfida: di solito non indosso niente di più alto delle infradito. Avevo anche le parrucche e spesso tre dalmata al guinzaglio: ho cominciato a muovermi di lato. Una cosa che mi ha veramente disturbato di lei è che non mangia: non mi fido di chi non mangia.

10 film anni novanta da rivedere su Disney+

Crudelia Emma Thompson 22
Crudelia: Emma Thompson in una scena del film

Ti sei ispirata a qualcuno in particolare?

Emma Thompson: Fare finta di essere cattiva è stato orribilmente facile. Sono stata cresciuta da una donna meravigliosa, mia mamma, e da mio padre, un uomo gentile. Ero circondata da brave persone, quindi non ho grande esperienza di persone davvero meschine e narcisiste. Ce ne sono però parecchie nello showbusiness: non farò nomi, ma sappiamo chi sono. La Baronessa è un mix di vari tipi di persone: è venale, avida, vuole che nessun altro abbia successo tranne lei, cerca di distruggere la competizione, invece di pensare che la competizione potrebbe farla migliorare. Si presenta come una personalità molto forte, ma in realtà nel profondo è molto debole e ha già dentro di sé i semi della propria distruzione. Non riesce a riconoscere il talento in nessun'altra persona e quando scopre qualcuno che non soltanto è brava come lei, ma ancora di più, ed è più giovane e bella non riesce ad accettarlo. Come me: non è stato facile stare al fianco di Emma Stone, che è più giovane, brava e bella di me. Ma ho ingoiato la mia amarezza e ci ho fatto pace. Bevendo Negroni, uno dopo l'altro, ogni notte.

Crudelia e la moda: un amore folle

Qual è il costume che ti ha fatto davvero sentire di essere Crudelia De Mon?

Emma Stone: Il mio outfit preferito, assolutamente folle, è quello che indosso sul camion della spazzatura. Aveva un strascico di 12 metri, che non era attaccato al vestito, altrimenti non avrei potuto muovermi, lo hanno aggiunto all'ultimo momento, prima di girare quella scena. Nella vita reale non potresti mai indossare qualcosa del genere. C'è anche la gonna, quando copro la macchina: un momento epico, salgo sulla macchina e la ricopro facendo ruotare la gonna. È stato fantastico: in quel momento ho capito che eravamo davvero in un film.

10 migliori corti da vedere su Disney+

Crudelia Emma Stone 26
Crudelia: Emma Stone in una sequenza

Emma Thompson: Ci tengo a sottolineare che è tutto vero, non è stato fatto in CGI: Emma è davvero salita sulla macchina e ha ricoperto la macchina con la gonna. Lo ha fatto credo un milione di volte. Quando il camion della spazzatura parte, il movimento da coda di serpente dello strascico è reale. Era tutto vero e lo apprezzo davvero molto, non è un film pieno di CGI.

Emma Stone: La maggior parte della CGI è stata usata per i cani. Anche i cani sono reali, erano sempre sul set, hanno fatto la maggior parte delle loro scene, ma quando era impossibile hanno usato gli effetti speciali.

Emma Stone, che occhi grandi che hai: una carriera da favola e da Oscar

Cruella
Crudelia: Emma Stone nella prima foto del film

Emma Thompson: Dei grandi professionisti: molto dolci, una volta finita la scena tornavano in posizione, segnata con delle croci e si prendevano una ricompensa. Hanno usato la CGI per renderli cattivi perché in realtà erano dolcissimi.

Emma Stone: Il cane di Crudelia Buddy, che in realtà si chiama Bobby, credo che sia il cane più dolce che abbia mai visto. E ho avuto moltissimi cani. Bluebell, ovvero Wink, è una vera star: l'ho detestata dal primo giorno sul set.

Emma Thompson: Ho fatto di tutto per farla cacciare dal set: ho inventato storie, ma hanno capito che era un vile tentativo di liberarmi di lei perché mi ha oscurato.

Emma Stone è Crudelia ed Estella

Crudelia Emma Stone 27
Crudelia: Emma Stone in un primo piano

Tra Estella e Crudelia chi preferisci? E chi ha rappresentato la sfida maggiore

Emma Stone: A un certo punto c'è una specie di rigetto: Estella è dolce, ma non è caratterizzata a tutto tondo. Quindi direi che c'è qualcosa di davvero attraente in Cruedelia: non ha paura di essere se stessa, si accetta completamente. Quindi sono più interessata al mondo di Crudelia. Detto questo dice certe cose che io non direi, ma, se devo essere onesta, preferisco lei. È divertentissimo interpretarla: se hai una faccia di gomma come la mia, che cerco sempre di contenere, quando mi permettono di esagerare è meraviglioso.

Pensi che Crudelia abbia delle debolezze?

Emma Stone: È umana, quindi ovviamente ha delle debolezze. Il film parla proprio di questo: le sue debolezze diventano i suoi punti di forza. La sua capacità di reagire, la sua volubilità, si tramutano nel suo genio creativo. Non è però un personaggio che vuole dare il buon esempio: tranne per il fatto che è molto rispettosa della sua creatività e che impara ad accettare la sua natura.

Emma Thompson è La Baronessa

La Baronessa è molto dura e ha una relazione complicata con Estella: come hai lavorato su questo rapporto?

Emma Thompson: È vero, è molto dura pensa che sia l'unico modo possibile di relazionarsi. È questo che la rende interessante: il Lato Oscuro di un personaggio femminile mi interessa molto, perché non capita così spesso. Si pensa ancora che le donne debbano essere buone. Le cattive madri sono imperdonabili, nessuno riesce a trovare parole per descriverle. La Baronessa ha un solo punto di vista sulle cose, dice che la pensa così perché, a differenza di moltissime donne, non ha dovuto mettere da parte la propria genialità e avuto la possibilità di creare qualcosa, a differenza di tante altre donne che hanno potuto occuparsi solo della famiglia. In effetti non ha tutti i torti. Anche se non seguirei la sua stessa strada, la sua dedizione nei confronti della propria creatività è ammirevole.

Crudelia Emma Thompson 19
Crudelia: Emma Thompson in una sequenza del film

Emma Stone: Nella vita reale nessuno cammina per strada pensando di essere malvagio, pensa di avere ragione. Non avrei mai interpretato un personaggio che è semplicemente "la cattiva". Interpreto un essere umano. L'accento è stata una sfida. Ogni volta che un personaggio ha una scena molto emotiva, che serve a portare avanti la storia, è sempre qualcosa che mi mette sotto pressione perché hai soltanto quel giorno per farla. È questa la differenza con il teatro: non importa come ti senti quel giorno, anche se sei stanca è la tua unica possibilità per fare quella scena. Non ho rituali particolari però: ho capito che più sono concentrata, più l'ansia sparisce. È il motivo per cui ho voluto fare l'attrice: sono una persona molto ansiosa e ho scoperto che i momenti in cui mi sento più concentrata è quando improvviso, recito in una commedia, o faccio teatro. Perché non hai tempo di pensare a tutte le cose che ti preoccupano: devi essere presente in quel momento. Più sono concentrata più i miei nervi sono calmi. Credo che questo sia il grande regalo che mi ha fatto la recitazione: non liberarmi dell'ansia, ma usarla per andare avanti.

Chi vincerebbe in una lotta tra Crudelia e La Baronessa?

Emma Thompson: Se ne avesse la possibilità, La Baronessa, perché è più pesante, ha le mani più grosse. Ma non potrebbe mai succedere perché Crudelia è velocissima con quelle gambe, è come Luke Skywalker che sfreccia tra le zampe degli AT-AT in L'Impero colpisce ancora, uno dei miei film preferiti.

Da La carica dei 101 a Crudelia

Amavi La carica dei 101 da piccola? Come è stato essere chiamata per interpretare Crudelia?

Emma Stone: Sì amavo il cartone, mi piaceva moltissimo la parte in cui i cani assomigliano come i loro proprietari. Lo trovavo davvero divertente e mi ricordo che ho cercato di scoprire se era vero ed effettivamente in molti casi era così. È successo sei anni fa, molto tempo prima di girare il film. Disney ha a disposizione moltissimi personaggi e stavano pensando su chi potersi concentrare. Ci sono voluti quattro anni per arrivare a questo film: diversi sceneggiatori, diverse idee. A un certo punto ho anche pensato che non avremmo mai fatto un film su Crudelia, perché un personaggio complesso, bisognava pensare a un mondo interessante per raccontare una buona storia che non sembrasse forzata. Inserirla negli anni '70 la rende completamente nuova: una volta che Craig e Tony sono saliti a bordo è diventato davvero interessante.

Crudelia Emma Stone 34
Crudelia: Emma Stone durante una scena del film

Com'è stato rivivere gli anni '70?

Emma Thompson: È stato come tornare adolescente, perché sono nata nel 1959. È stato surreale vedere Londra trasformata per rievocare quell'epoca: ho davvero indossato alcuni dei vestiti che hanno le comparse. Portavamo tutti zoccoli, gonne lunghe, stivali. I bus londinesi oggi sono diversi, ma sul set c'era uno identico a quello che mi portava in città, il 159. Quando Emma salta sul bus è stato come tornare ragazzina: quando volevo andare in città a comprarmi un top. C'era un sacco di marrone all'epoca, diverse sfumature di beige.