Benedetta follia

2018, Commedia

Carlo Verdone e la sua Benedetta Follia: “Levatemi tutto, ma non il piacere di fare la spesa”

Intervista video a Carlo Verdone e Ilenia Pastorelli, protagonisti di Benedetta follia, film diretto e interpretato dall'autore romano, scritto insieme a Nicola Guaglianone e Menotti, la squadra di Lo chiamavano Jeeg Robot. Al cinema dall'11 gennaio.

Benedetta follia: Ilenia Pastorelli e Carlo Verdone in una scena del film

Guglielmo, proprietario del negozio di abiti religiosi Pantalei, ereditato dal padre, ha avuto una vita mite e tranquilla: un matrimonio, i figli, il lavoro. Quando la moglie, Lidia (Lucrezia Lante della Rovere) lo lascia all'improvviso per un'altra donna, la sua commessa, l'uomo va in crisi e deve cercare una nuova persona che lo aiuti.

Leggi anche: Benedetta follia: Effetto amarcord per Verdone

All'annuncio risponde Luna (Ilenia Pastorelli): esuberante, chiassosa, bellissima e pronta a dargli consigli su come ributtarsi in pista, tanto da convincerlo a fare un profilo su un sito di incontri. Scombussolato dalla spontaneità della ragazza, Guglielmo riscopre la vita e incontra una nuova fiamma, Ornella (Maria Pia Calzone), che lo colpisce per la dolcezza del sorriso.

Leggi anche: Borotalco 35 anni dopo, Verdone: "Vorrei essere ricordato come il regista che amava le sue attrici"

Benedetta follia: Ilenia Pastorelli e Carlo Verdone in un momento del film

A due anni di distanza da L'abbiamo fatta grossa, Carlo Verdone torna con un nuovo film, Benedetta follia, in sala dall'undici gennaio, in cui non ha avuto paura di mettersi alla prova e rischiare, aprendo le porte di una carriera quarantennale ai giovani: per il ruolo della co-protagonista femminile ha infatti scelto Ilenia Pastorelli, al secondo film dopo il debutto in Lo chiamavano Jeeg Robot, per cui ha vinto il David di Donatello alla migliore attrice protagonista, permettendole di realizzare un sogno, ovvero lavorare con l'autore dei film che l'hanno accompagnata per tutta la vita. Pastorelli non è l'unico elemento della "squadra Jeeg" ad aver contribuito al film: come sceneggiatori sono stati infatti chiamati Nicola Guaglianone e Menotti.

Leggi anche: I grandi della commedia italiana: 15 attori, 15 film e 15 scene cult

Benedetta follia: Ilenia Pastorelli e Carlo Verdone in un'immagine tratta dal film

Facendosi convincere a rischiare e reinventarsi, Verdone ha realizzato uno dei film più divertenti della sua carriera recente, e una scena destinata a diventare cult: quella del trip acido, in cui balla e vola sopra Roma come fosse il Grande Lebowski del film dei fratelli Coen. Abbiamo incontrato il regista e attore insieme alla sua protagonista a Roma, all'anteprima del film.

Il potere dei film e della spesa

Benedetta follia: Ilenia Pastorelli e Carlo Verdone in un'immagine del film

A proposito della sequenza di ballo, coreografata da Luca Tommassini, che ha lavorato con artisti come Madonna e Kylie Minogue, Pastorelli ci ha detto: "Carlo balla 'na bomba! È un uomo maturo ma è uno che se butta: non dal terzo piano, ma che fa di tutto. Ha un'energia incredibile, perché si diverte tantissimo". "Non sa quello che ho dovuto prendere però dopo quella scena!" ha confessato Verdone, proseguendo: "Una serie di antidolorifici. Fino a quando avrò la passione per il mio lavoro riuscirò ancora a fare dei buoni film: quando comincerà ad andare giù, prima che il pubblico mi volti le spalle, sarò io il primo ad alzare il cartellino e ad andarmene".

Leggi anche: Lo chiamavano Jeeg Robot: il bisogno d'amore dei supereroi secondo Mainetti, Marielli, Patorelli e Santamaria

Benedetta follia: Carlo Verdone in un momento del film

Oltre alla grande passione per il cinema, un altro punto in comune tra Verdone e Pastorelli è la genuinità: che si manifesta tutti i giorni, nei piccoli gesti, come fare la spesa. "Mica mi faccio fare la spesa dai filippini! Io non li ho!" ha ammesso l'attrice, seguita dal regista: "Amo fare la spesa: a me se me togli la voglia di fare la spesa sono finito. Non incontrerei più quello dell'alimentari, non incontrerei più il macellaio con cui parlo della Roma, non incontrerei più il panettiere con cui parlo di altre cose... perderei il contatto con la realtà che lavora, con quelli che lavorano veramente e hanno qualcosa da dire: una protesta, un pensiero, una riflessione... non quelli che escono per camminare. Perderei il termometro della realtà".

La nostra intervista a Carlo Verdone e Ilenia Pastorelli

Carlo Verdone e la sua Benedetta Follia:...
Cinecittà World
Cinecittà World

Mostra i vecchi commenti

Benedetta follia: Effetto amarcord per Verdone
Borotalco 35 anni dopo, Verdone: Vorrei essere ricordato come il regista che amava le sue attrici"