We Own This City: Jon Bernthal nel trailer della nuova serie dell'autore di The Wire

We Own This City riunisce il team creativo di The Wire in una nuova serie poliziesca che denuncia la corruzione della polizia di Baltimora, ecco il trailer della serie HBO.

NOTIZIA di 12/04/2022

Vent'anni dopo che The Wire ha rivoluzionato il panorama televisivo, il team dietro l'acclamata serie HBO torna a Baltimora con We Own This City, serie HBO di cui è appena stato lanciato il trailer.

Basato su eventi veri e adattato dall'omonimo libro di saggistica di Justin Fenton, We Own This City è sviluppato dal creatore di The Wire David Simon e dallo sceneggiatore e produttore George Pelecanos. La serie limitata, diretta dal regista di King Richard Reinaldo Marcus Green, debutterà il 25 aprile su HBO. Il cast comprende Jon Bernthal, Jamie Hector, Josh Charles e Wunmi Mosaku.

The Wire in testa alla classifica delle 100 serie più importanti del XXI secolo per BBC Culture

We Own This City racconta l'ascesa e la caduta della Gun Trace Task Force del Dipartimento di Polizia di Baltimora e la corruzione e il collasso morale che hanno colpito la città americana in cui le politiche di proibizione della droga e arresti di massa sono state portate avanti a spese del lavoro effettivo della polizia.

Come mostra il trailer, Jon Bernthal interpreta il Sergente Wayne Jenkins del Dipartimento di Polizia di Baltimora. Figura centrale nel vasto caso di corruzione federale incentrato sulla Gun Trace Task Force, un'unità in borghese che si è data al crimine iniziando a cacciare e derubare cittadini e spacciatori allo stesso modo in decenni di implacabile guerra alla droga finita fuori controllo.

Josh Charles è Daniel Hersl, un poliziotto spavaldo noto tra i residenti di Baltimora per la sua brutalità che è stato oggetto di molteplici denunce da parte dei cittadini. Hersl è stato effettivamente bandito dal Distretto Orientale prima del suo trasferimento al GTTF.

Jamie Hector interpreta Sean M. Suiter, detective della omicidi della città di Baltimora coinvolto nel caso GTTF e chiamato a testimoniare davanti a un grand jury federale. Tragicamente, Suiter scopre di non poter sfuggire al suo passato.