Richard Linklater: "Gli Oscar non dovrebbero assecondare il pubblico, ma diventare più hardcore"

Richard Linklater è contrario alle scelte fatte dagli Oscar per conquistare il pubblico giovane e vorrebbe che l'Academy fosse piùà rigorosa.

NOTIZIA di 06/04/2022

Lo sceneggiatore e regista Richard Linklater ha una ricetta specifica per gli Oscar in crisi: smetterla di essere accomodanti nei confronti del grande pubblico.

Il regista Richard Linklater in una foto promozionale di Before Midnight
Il regista Richard Linklater in una foto promozionale di Before Midnight

Il regista di Boyhood ha spiegato che gli Oscar sono a un punto di svolta e dovranno scegliere se ammiccare al voto popolare o onorare davvero la storia del cinema.

"Vorrei che diventassero più hardcore", ha detto Linklater a The Daily Beast. "C'erano due strade da percorrere e invece di provare a raggiungere un pubblico più giovane, deve diventare solo più rigoroso. Non assecondare. Non tagliare le categorie e dire "'Beh, a nessuno importa chi modifica'. Cazzate. All'industria dovrebbe importare!".

Linklater ha continuato: "Hanno eliminato il premio alla carriera. Quando vedevamo Satyajit Ray o Robert Altman far parte della cerimonia, trovarsi di fronte all'anziano regista farsi avanti e ottenere il loro Oscar onorario era un momento bellissimo e di solito la persona moriva l'anno successivo, quindi era quasi una maledizione. Ma per me, quello era uno dei miei momenti preferiti. Ma ora hanno detto 'no, lo daremo solo ai Governors Awards'".

La direzione in cui sembra muoversi l'Academy of Motion Pictures Arts and Sciences fa sì che Linklater sia spinto a ripensare persino alla sua appartenenza:

"Sono un membro da sempre e ne sono orgoglioso, ma non me ne frega un... sai... penso che la maggior parte delle persone abbia una strana ambivalenza e attrazione allo stesso tempo".

Da pochi giorni è disponibile su Netflix Apollo 10 e mezzo, il nuovo lavoro in animazione di Richard Linklater.