Oscar 2020: Florence Pugh, tutto sulla “piccola donna” che punta alla statuetta

Florence Pugh punta al suo primo Oscar 2020 grazie a Piccole donne, dove interpreta Amy March: è stata candidata come Miglior attrice non protagonista.

NOTIZIA di 14/01/2020
Piccole Donne 10
Piccole Donne: Florence Pugh in una scena del film

Florence Pugh, talentuosa attrice inglese in ascesa, punta a un premio Oscar 2020 (il suo primo) grazie a Piccole Donne, dove interpretando Amy March è stata nominata come Miglior attrice non protagonista.

Un traguardo di non poco conto per un'interprete lanciatissima che ha solo 23 anni: classe 1996, la Pugh si è fatta notare soprattutto nel 2019, grazie al film di Greta Gerwig che le è valso diversi riconoscimenti da parte di associazioni di critici come rivelazione dell'anno, ma anche nell'acclamato horror Midsommar - Il villaggio dei dannati. Il tutto in attesa del 2020, quando la vedremo entrare nel mondo blockbuster del Marvel Cinematic Universe tramite Black Widow, nei panni di Yelena Belova, "sorella minore" di Natasha Romanoff.

Piccole donne, recensione: una rilettura personale, fresca e rispettosa di un grande classico

Florence Pugh si è fatta notare già all'esordio, appena diciottenne, nel film di genere The Falling, e ha poi conquistato la critica internazionale nel 2016 con Lady Macbeth, la storia di una giovane intrappolata in un matrimonio senza amore con un uomo che ha il doppio dei suoi anni. Nello stesso periodo è apparsa nella serie poliziesca Marcella, disponibile in Italia su Netflix, così come il film in costume Outlaw King dove interpreta la moglie del ribelle scozzese Robert the Bruce. Poi, nel 2019, la doppia consacrazione con Midsommar - Il villaggio dei dannati, horror di ambientazione scandinava dove lei ha un ruolo "regale", e Piccole Donne, adattamento letterario dove la giovane attrice tiene testa alle sorelle maggiori Saoirse Ronan ed Emma Watson.

Per la sua performance nei panni di Amy March è stata premiata, finora, dai critici di Chicago, Detroit, Florida, San Diego, Austin e Georgia e ha ricevuto anche il Dorian Award, assegnato dai giornalisti LGBTQ. Oltre agli Oscar 2020, è anche in lizza per il BAFTA come miglior attrice non protagonista, e per i premi assegnati dai critici londinesi, dove è nominata sia come non protagonista per il film di Greta Gerwig che come attrice britannica o irlandese dell'anno.