Piccole donne, recensione: una rilettura personale, fresca e rispettosa di un grande classico

La recensione di Piccole donne: il film di Greta Gerwig con Saoirse Ronan, Emma Watson e Timothée Chalamet tratto dal romanzo di Louisa May Alcott è un adattamento brillante ed esemplare.

RECENSIONE di 09/01/2020
Little Women Photos Ss10
Little Women: una foto delle protagoniste

Non spetta certo al cinema, nè tantomeno a questa nostra recensione di Piccole donne, ricordare o celebrare l'importanza del classico della letteratura firmato da Louisa May Alcott nel 1868. Eppure è particolarmente bello notare come questo nuovo film riesca non solo a dare nuova forza a personaggi tanto amati, ma anche a mostrarceli in una luce diversa, ancora più attuale e vicina a noi spettatori/lettori di oggi.

Proprio per questo motivo, il nuovo Piccole donne è esattamente tutto quello che avremmo potuto desiderare da un nuovo adattamento cinematografico: brillante, personale, femminista. In un periodo in cui l'originalità sembra quasi essere morta e in cui gli studios riciclano sempre le stesse storie, anche il film di Greta Gerwig sembrava essere l'ennesima riproposizione senza senso. Se invece il risultato è tale da rappresentare quasi un (moderno) ideale hollywoodiano, è proprio perché convergono con estrema naturalezza tematiche attuali, necessità produttivi (un cast quasi totalmente al femminile) e anche il necessario rispetto per i classici. Al contrario di tanti adattamenti recenti, questo Piccole donne è sì una versione su schermo molto fedele del romanzo, ma anche un film autoriale a tutti gli effetti.

Greta Gerwig: i 5 migliori ruoli della nuova superstar del cinema indie

Una trama fedele al romanzo, ma riadattata con grande intelligenza

Little Women 1
Little Women: le giovani protagoniste del film

La storia delle quattro sorelle March - Meg, Jo, Beth e Amy - la conosciamo tutti: ai tempi della Guerra civile americana, le ragazze vivono con la madre in una cittadina del Massachusetts in attesa che il padre, un cappellano, torni dal fronte; tutte e quattro le sorelle, molto affiatate seppur con caratteri molto diversi, proveranno ad inseguire i loro sogni, ma saranno costrette a fare i conti con la società e la cultura patriarcale dell'epoca.

Little Women Photos Ss02
Little Women: Saoirse Ronan e Timothée Chalamet in una foto del film

Greta Gerwig non cambia nulla della trama di base, non stravolge alcun avvenimento e nemmeno si permette di modificare le caratteristiche essenziali delle sue meravigliose e amatissime protagoniste. Eppure effettua un unico piccolo, geniale cambiamento che in qualche modo rinvigorisce la storia e ne mette in evidenza ancor di più i temi principali. La sceneggiatura della Gerwig è così divisa in due storyline parallele e distanti nel tempo: quella che apre il film, ovvero il "presente" ambientato nel 1868, in cui Jo è un'insegnante privata a New York con il pallino per la scrittura e quella legata al passato, sette anni prima, con tutte e quattro le giovani ancora a casa, insieme.

Little Women Photos Ss09
Little Women: Greta Gerwig e Meryl Streep sul set

Questo procedere su due linee temporeali diverse dona al film un dinamismo ed una vivacità sorprendente per un'opera che ha già ricevuto molteplici adattamenti sul grande e piccolo schermo, e in più ha il grande merito di rendere ancora più centrale il personaggio di Jo, che a sua volta rappresenta sia la scrittrice Louisa May Alcott che la regista/sceneggiatrice Greta Gerwig. In questo modo i temi più cari ad entrambe le autrici - quello della crescita e della famiglia, ma anche e soprattutto quello metanarrativo dell'emancipazione attraverso la scrittura - trovano lo spazio che meritano in modo naturale e mai forzato, perché finiscono così per rappresentare al meglio lo spirito formativo dell'opera.

Greta Gerwig, da Lady Bird a Frances Ha: ritratto generazionale fra ironia e tenerezza

Piccole donne, grande cast...

Se la (nuova) sceneggiatura colpisce nel segno, lo stesso non può che valere anche per la riuscitissima messa in scena. Fotografia e scenografie ci immergono fin da subito in un'atmosfera calda e familiare e le straordinarie interpretazioni di un cast d'eccezione non fanno altro che completare l'opera alla perfezione. In particolare Saoirse Ronan e Florence Pugh confermano ancora una volta il loro talento purissimo (forse pari solo alla difficoltà di pronuncia dei loro nomi) e la loro continua crescita, film dopo film: pur non arrivando nemmeno a cinquant'anni in due, le due attrici dimostrano una maturità e una perfetta conoscenza dei loro personaggi che non può che stupire e colpire ad ogni scena. La loro presenza scenica è stupefacente così come la naturalezza che restituiscono ai loro personaggi in entrambe le versioni, sia nel presente che ne passato. Si tratta per entrambe di una doppia prova esaltante e niente affatto semplice, e non è certo un caso che le loro Jo e Amy siano sempre al centro di tutte le scene più belle e significative del film.

Piccole Donne 4
Piccole Donne: Saoirse Ronan e Louis Garrel in una scena del film

Meno esplosive, soprattutto a causa del ruolo a loro destinato, le altre due sorelle interpretate da Emma Watson e Eliza Scanlen, così come la "madre" Laura Dern al centro di un paio di bellissime scene e poco altro. Molto meglio invece due comprimari di eccezione come la stella nascente Timothée Chalamet nel ruolo di Laurie o la sempre meravigliosa Meryl Streep che interpreta la bisbetica Zia March. Completano il cast, sebbene in ruoli minori, altri volti noti quali Tracy Letts, Bob Odenkirk, Louis Garrell e Chris Cooper.

I 20 migliori film tratti da libri

Little Women Photos Ss11
Little Women: Eliza Scanlen in una foto del film

... e una nuova regista dal futuro sempre più brillante

Little Women Photos Ss06
Little Women: Saoirse Ronan nel ruolo di Jo

Ma per quanto ci si possa innamorare di queste piccole donne, per quanto la coppia di attrici Ronan/Pugh possa essere perfetta e possa davvero rappresentare uno dei futuri più luminosi dei prossimi decenni cinematografici, la stella più brillante di questo Piccole donne è indiscutibilmente Greta Gerwig: a 37 anni è un'attrice indie apprezzatissima, vera e propria musa per il compagno Noah Baumbach, e ora, dopo il successo di Ladybird e questa seconda opera di gran lunga superiore, anche affermata sceneggiatrice e regista a livello internazionale. Si parla tanto di dare maggiore spazio alle donne anche dietro alla macchina da presa, e la storia della Gerwig, anzi le opere della Gerwig, rappresentano l'esempio più tangibile e riuscito di tutto il cosidetto movimento del #MeToo.

Piccole Donne 23
Piccole Donne: una scena del film con Saoirse Ronan

Paradossalmente è proprio con questo nuovo film che la regista californiana dimostra tutto il suo talento: perchè se nelle opere precedenti era sempre riuscita a parlare di se con opere originali e autobiografiche, riprendendo il romanzo della Alcott, un romanzo amatissimo e molto noto a tutti, dimostra di essere in grado di fare un ulteriore passo avanti e di inserire se stessa, la propria visione del mondo e del cinema, in qualcosa di già esistente. Senza per questo snaturarlo o stravolgerlo. È quello che solo i grandi autori e registi riescono a fare, soprattutto con questa (solo apparente) facilità.

Little Women Photos Ss05
Little Women: Timothée Chalamet e Florence Pugh in una foto del film

L'eccezionalità di questo nuovo Piccole donne sta tutta nell'essere un adattamento moderno e di grande intelligenza, in cui un'autrice (seppur giovanissima e proveniente da un'altra epoca) riesce a rispecchiarsi in toto, raccontando così anche la propria storia, oltre che quella di Meg, Jo, Beth e Amy. È come se a queste quattro iconiche figure, da oggi in poi si unisse anche quella di una nuova sorella d'adozione: Greta Gerwig, piccola donna (ma grande regista) che ha appena iniziato a realizzare il proprio romanzo/film di formazione. E se queste sono le premesse, è molto probabile che sarà un nuovo classico.

Conclusioni

Se questa recensione di Piccole donne vi è sembrata una vera e propria ode al talento di Greta Gerwig è perché, fidatevi, il salto di qualità è davvero impressionante: per quanto Ladybird fosse piacevole e interessante, è con questo questo adattamento praticamente perfetto che abbiamo la conferma di trovarci davanti ad una grande regista, un'artista dal futuro davvero brillante. Così come siamo certi, vedendole recitare, che due attrici come Saorse Ronan e Florence Pugh rappresentino in pieno i volti del futuro del cinema anglo-americano.

Movieplayer.it

4.5/5

Voto medio

3.0/5

Perché ci piace

  • Messa in scena perfetta: le atmosfere del romanzo e dei grandi classici del passato sono riprodotte in modo egregio grazie a fotografia, scenografia e musiche di altissimo livello.
  • La sceneggiatura della Gerwig è un capolavoro di adattamento: fedele all'originale eppure con grandi intuizioni che ne esaltano i temi principali e permettono alla regista di parlare anche di se stessa e del mondo di oggi.
  • Cast perfetto, dal primo all'ultimo volto: in particolare Saorsie Ronan e Florence Pugh sono magnetiche e sembrano quasi fare a gara di bravura.

Cosa non va

  • Se odiate visceralmente Piccole donne (ma perché poi?), difficile che questo film, per quanto bello, possa farvi cambiare idea.