Meghan Markle soffocata dalla Regina come George Floyd: la vignetta di Charlie Hebdo

Meghan Markle viene soffocata dalla Regina Elisabetta II sulla cover della rivista satirica Charlie Hebdo, che richiama esplicitamente l'omicidio di George Floyd.

NOTIZIA di 14/03/2021

Charlie Hebdo ha raffigurato la Regina Elisabetta II con il ginocchio sul collo di Meghan Markle: la vignetta ha indignato l'opinione pubblica inglese e il movimento Black Lives Matter che hanno accusato la rivista satirica di razzismo.

La vignetta di Charlie Hebdo prende spunto da una delle parti più controverse dell'intervista di Meghan Markle a Oprah Winfrey per CBS. La duchessa di Sussex aveva parlato di episodi di razzismo a Buckingham Palace sostenendo "I reali temevano il colore della pelle di Archie", facendo riferimento al primogenito di Harry e Meghan.

Nella vignetta pubblicata dalla rivista satirica francese si vede la Regina con un ginocchio premuto sul collo di Meghan Markle e il titolo della caricatura recita: "Perché Meghan ha lasciato Buckingham Palace" e Meghan, che dice: "Perché non riuscivo più a respirare". Il riferimento è all'omicidio di George Floyd nella città di Minneapolis il 25 maggio 2020. L'uomo di origini afroamericane morì soffocato mentre un poliziotto gli teneva il ginocchio sul collo.

Suits: un'immagine promozionale di Meghan Markle della quarta stagione
Suits: un'immagine promozionale di Meghan Markle della quarta stagione

In Inghilterra la pubblicazione della vignetta ha suscitato un'ondata d'indignazione, "Questa non è satira. È il razzismo francese travestito da satira di sinistra", si legge su alcuni tabloid inglesi. Charlie Hebdo ha fatto arrabbiare anche i rappresentanti del movimento Black Lives Matter che all'epoca dell'omicidio di Floyd si riversarono in strada per protestare contro la brutalità della polizia contro le persone di colore.

Questa volta la protesta si è riversata sui social, in particolare su Twitter dove un utente ha scritto "Un uomo di colore ucciso da un poliziotto con il ginocchio premuto sul collo per nove minuti non è un'idiozia, è reale e usarlo come riferimento per una questione molto meno importante (sebbene abbia anche a che fare con il razzismo istituzionale) è di cattivo gusto, nella migliore delle ipotesi, ma nella peggiore è un ingiustificabile insulto razzista". "La satira francese sta prendendo in giro le ultime parole di un uomo di colore prima di morire" ha sostenuto un altro utente e ancora "Come realizzare una copertina che non piace a nessuno. Spaventoso errore di valutazione da entrambe le parti".

Dopo le accuse di Meghan Markle la regina Elisabetta ha definito le accuse preoccupanti e ha risposto con un comunicato: "Le questioni sollevate, in particolare quelli riguardante la razza, sono preoccupanti. Nonostante la ricostruzione di quanto accaduto possa variare, verranno considerate davvero seriamente e affrontate dalla famiglia privatamente. Harry, Meghan e Archie saranno sempre dei membri della famiglia molto amati".