Kate Winslet difende la sua scelta di lavorare con Roman Polanski e Woody Allen

L'attrice, in un'intervista al New York Times, ha dichiarato di aver apprezzato tantissimo il lavoro con i due controversi registi, nonostante le loro vicende private.

Tra Carnage e il prossimo Wonder Wheel, Kate Winslet ha lavorato con due registi tanto amati quanto controversi. Roman Polanski non entra negli Stati Uniti da decenni a causa di un'accusa per stupro, mentre Woody Allen è stato accusato di violenza sessuale da parte della figlia adottiva. La Winslet, vincitrice dell'Oscar per The Reader - A voce alta, ha commentato la vicenda al New York Times:

Wonder Wheel: Kate Winslet, Juno Temple e Justin Timberlake nella prima immagine

"Senz'altro ci ho pensato. Ma allo stesso tempo, non conoscevo Woody e non so nulla della sua famiglia. Come attore, devi semplicemente fare un passo indietro e dire 'Non so nulla e non so se sia vero o falso'. Tutto sommato, ho messo da parte e ho lavorato con la persona. Woody Allen è un regista incredibile. E anche Roman Polanski. Ho avuto un'esperienza straordinaria con loro, è la verità."

Nel cast del film, anche Justin Timberlake, che interpreta un aitante bagnino, Juno Temple, James Belushi e Tony Sirico. Ambientato a New York negli anni '50, il film segue la storia di Ginny, la moglie di un tecnico delle giostre di Coney Island, che si infatua di un giovane bagnino di nome Mickey. Le cose si faranno molto più complesse quando compare in scena la figliastra di Ginny...

Continua a seguirci su Facebook, Twitter, Instagram, Youtube, Google+ e Telegram per aggiornamenti, notizie, e curiosità su film e serie TV!

Kate Winslet difende la sua scelta di lavorare...
Cinecittà World
Cinecittà World

Mostra i vecchi commenti

Roman Polanski, il giudice si rifiuta di archiviare il caso di stupro!
Woody Allen: "Le accuse di abusi sessuali mi hanno reso fragile"