Il Trono di Spade, Kit Harington: "Dopo Jon Snow, non interpreterò più eroi"

Dopo Il trono di spade, Kit Harington non ne può più di interpretare eroi silenziosi ed emotivamente repressi e ha deciso di cercare un nuovo tipo di ruoli.

NOTIZIA di 22/09/2020

Conclusa l'esperienza de Il trono di spade, l'inglese Kit Harington ha intenzione di cambiare rotta evitando di interpretare eroi alla Jon Snow. la carriera di Harington, avviata sui palcoscenici londinesi, ha avuto un'impennata con la partecipazione alla serie di culto HBO, ma adesso lui avrebbe intenzione di ripiegare su un altro tipo di personaggi.

Game of Thrones: Kit Harington nell'episodio The Ghost of Harrenhal
Game of Thrones: Kit Harington nell'episodio The Ghost of Harrenhal

Dopo la fine de Il Trono di Spade, Kit Harington è apparso nella serie poliziesca procedurale Criminal. Siamo, inoltre, in attesa di vedere l'attore nel ruolo di Black Knight nell'atteso cinecomic Marvel Eternals, che lo vedrà ancora impugnare spada e mantello, ma le somiglianze con Jon Snow sarebbero, in realtà, solo apparenti.

"Avendo interpretato un uomo silenzioso, eroico, coraggioso, ho capito di voler fare altro. Il mondo non ha bisogno di vedere l'ennesimo eroe macho e silente" ha dichiarato Harington all'Indipendent, spiegando di esser stato cresciuto da una madre di larghe vedute che, fin da piccolo, gli ha insegnato a esplorare anche le caratteristiche dell'altro sesso facendolo giocare con giocattoli considerati femminili:

"Ho chiesto Mighty Max e lei mi ha comprato una Polly Pocket. Ho chiesto un Action Man e ho avuto una bambola, era tutto molto gender fluid, sono cresciuto così."

Il Trono di Spade: Kit Harington svela qual è stato l'episodio più difficile da girare

L'attore prosegue: "Sono stanco di interpretare uomini silenziosi, emotivamente repressi. Credo che gli uomini abbiano un problema, un blocco, questo blocco proviene dalla Seconda Guerra Mondiale, è stato tramandato dai nonni ai padri e dai padri ai figli. Non parliamo di come ci sentiamo perché la riteniamo una debolezza, perché secondo noi non è virile."