First Man - Il primo uomo

2018, Drammatico

Il primo uomo: la polemica della bandiera divide le famiglie di Armstrong e Aldrin

I figli di Neil Armstrong difendono la scelta di Chazelle ma Buzz Aldrin è contrariato per la mancanza della sequenza della bandiera sulla Luna ne Il primo uomo.

Davide Sica
First Man: Ryan Gosling in una foto del film

Non accennano a placarsi le polemiche sulla mancata presenza della scena ne Il primo uomo di Damien Chazelle in cui Neil Armstrong pianta la bandiera statunitense sul suolo lunare. Dopo la presa di posizione di Ryan Gosling, che ha sottolineato come l'impresa sia una conquista di tutti e non solo dell'America, sono arrivate le dichiarazioni divergenti, ufficiali e velate, delle famiglie dei due protagonisti della spedizione Apollo 11, Neil Armstrong e Buzz Aldrin.

I figli di Neil Armstrong, Rick e Mark, hanno visto il film di Damien Chazelle e hanno rilasciato una dichiarazione insieme all'autore della biografia ufficiale dalla quale è tratto il film, James R. Hansen.

"Sebbene Neil non si vedesse in quel modo, era un eroe americano. Era anche un ingegnere e un pilota, un padre e un amico, un uomo che soffriva privatamente attraverso grandi tragedie con incredibile grazia. Questo è il motivo per cui, anche se ci sono numerosi scatti della bandiera americana sulla Luna, i registi hanno scelto di concentrarsi su Neil guardando indietro verso la Terra, la sua passeggiata fino a Little West Crater, la sua unica esperienza personale in questo viaggio che ha visto così tanti incredibili momenti, alti e bassi devastanti".

Leggi anche: Recensione de Il Primo Uomo: il grande passo di Chazelle nel cratere del dolore

"Questo film è incentrato su ciò che non sapete di Neil Armstrong. Il primo uomo è un film concentrato su cose che non avete visto o che potreste non ricordare del viaggio di Neil verso la Luna. I cineasti hanno trascorso anni a fare ricerche approfondite per arrivare all'uomo dietro il mito, per arrivare alla storia dietro la storia. Si tratta di un film che mostra una visione unica della famiglia Armstrong e degli eroi americani caduti come Elliot See e Ed White. È un film molto personale sul viaggio di nostro padre, visto attraverso i suoi occhi. In sostanza, non riteniamo che questo film sia minimamente anti-americano. Piuttosto il contrario. Ma non credeteci sulla parola. Incoraggiamo tutti a vedere questo film straordinario"

20 luglio 1969 - Buzz Aldrin approda sulla Luna

Velatamente critica la reazione di Buzz Aldrin, il secondo uomo ad aver messo piede sulla Luna, interpretato nel film da Corey Stoll. Aldrin, 88 anni, ha pubblicato su Twitter le foto del momento in cui Armstrong, morto all'età di 82 anni nel 2012, pianta la bandiera a stelle e strisce sul suolo lunare, con l'hashtag "Orgoglioso di essere un americano". Nei post precedenti Aldrin aveva condiviso le foto di sé stesso mentre indossa una maglietta con la scritta "Buzz Aldrin, Future Martian", con un astronauta che pianta la bandiera americana su Marte. Ha ritwittato inoltre una sua foto che lo ritrae accanto ad una foto ingrandita della missione Apollo 11 che include anche l'immagine della bandiera sulla Luna.

Il primo uomo: la polemica della bandiera divide...
Cinecittà World
Cinecittà World

Mostra i vecchi commenti

Il primo uomo, Ryan Gosling: "Armstrong eroe americano? No, successo dell'umanità"
15 film da vedere assolutamente per l'Eclissi di Luna