I racconti della cripta: TNT cancella il reboot di Shyamalan

TNT decide di cancellare la produzione del reboot de I Racconti della Cripta che doveva inizialmente essere gestita da M. Night Shyamalan!

Dopo diversi mesi di preoccupanti rumors, il reboot di I racconti della cripta che doveva essere curato dal regista di Split, M. Night Shyamalan per il canale TNT è stato ufficialmente cancellato.

Il cavaliere del male: la locandina del film
Il presidente della rete Kevin Reilly ha rilasciato un comunicato dichiarando: "Siamo rimasti incastrati in una complessa rete legale. Ottenere i diritti per questi show vintage non è mai facile, richiede tempo. In questo caso troppo e ho deciso di spostare la mia attenzione altrove! Adesso stiamo lavorando con Ridley Scott che ci ha proposto con entusiasmo dei prodotti molto interessanti".

La rete aveva infatti puntato moltissimo su Tales From the Crypt (questo il titolo originale de I Racconti della Cripta) e la sua cancellazione ha portato a mettere in discussione l'intero blocco di produzioni horror che erano state inzialmente annunciate.
Al loro posto la rete ha deciso di realizzare alcuni show Sci-Fi proposti proprio da Ridley Scott.

Tales from the Crypt è basato sull'omonima serie a fumetti creata da William Gaines per l'EC Comics. Lo show televisivo andò in onda dal 1989 al 1996 su HBO e lo storico scheletrico presentatore Crypt Keeper, da noi conosciuto come Zio Tibia, diventò una vera icona per tutti gli appassionati del genere. La nuova serie avrebbe reinventato il programma presentando anche una versione inedita dello Zio Tibia, ma ciò ha richiesto un enorme sforzo sul piano legale conducendo alla cancellazione del progetto.

Continua a seguirci su Facebook, Twitter, Instagram, Youtube, Google+ e Telegram per aggiornamenti, notizie, e curiosità su film e serie TV!

I racconti della cripta: TNT cancella il reboot...
Cinecittà World
Cinecittà World

Mostra i vecchi commenti

Dylan Dog: Dario Argento scriverà una storia per il fumetto!
Split, una psicologa contro Shyamalan: "è una vergogna"