Facebook

House of the Dragon: l'interprete di Aegon reagisce al paragone con Joffrey de Il trono di spade

Tom Glynn-Carney, interprete di Aegon Targaryen in House of the Dragon, ha commentato il paragone con il sadico Joffrey de Il trono di spade.

L'interprete di Aegon in House of the Dragon, Tom Glynn-Carney, ha reagito al paragone col personaggio di Joffrey ne Il trono di spade dopo quanto mostrato nel nono episodio della serie fantasy.

Attenzione! Questa news contiene spoiler sul nono episodio di House of the Dragon

House Of The Dragon 1X07 Leo Ashton
House of the Dragon: Leo Ashton in una scena

Il nono episodio di House of the Dragon vede l'incoronazione di Aegon II Targaryen, riprovevole figlio maggiore di Alicent Hightower e del defunto Viserys Targaryen. Il personaggio interpretato da Tom Glynn-Carney è ben lontano dall'avere il contegno del sovrano: Aegon è un tossicodipendente egoista e stupratore con nessun interesse a guidare i Sette Regni.

Proprio per laa sua natura, il personaggio ricorda un altro reale degenere, Joffrey Baratheon de Il trono di spade. Il confronto in realtà è emerso anche dietro le quinte. Poco dopo che Glynn-Carney è stato scelto per il ruolo, l'attore ha parlato delle analogie con Joffrey con gli showrunner Ryan Condal e Miguel Sapochnik.

"Ryan e Miguel hanno detto che se potessimo fare dei paragoni con i personaggi de Il trono di spade, lui sarebbe il più vicino a Joffrey", ha detto Tom Glynn-Carney a Hollywood Reporter. "Tuttavia, non è uno psicopatico vero e proprio. È molto più complesso. Le sue decisioni sono dovute a insicurezze, confusione e rabbia. È solo amaramente confuso e mentalmente malato".

House of the Dragon: lunga vita ai Velaryon

In confronto all'apatia di Aegon, Joffrey era chiaramente assetato di potere e si divertiva a essere omicida e sadico, un vero e proprio cattivo fin dall'inizio.

"Per quanto sia un incubo, Aegon è piuttosto indifeso", specifica Glynn-Carney. "Fa così tanto affidamento sull'alcol che è un pasticcio confuso e intricato di un uomo che non conosce ancora se stesso. È incapace di prendere decisioni che lo aiutino. Per tutta la vita ha fatto affidamento sulle persone intorno a lui per assicurarsi che stesse facendo la cosa giusta. Ma prende decisioni orribili, e ora quelle decisioni verranno prese su larga scala".

"È cresciuto con l'idea di non volere il potere", aggiunge l'attore. "E suo padre non voleva che lo avesse. Quindi c'è anche quel risentimento. È una persona molto egoista perché vuole scappare. Penso che se vivesse nel presente, lascerebbe la sua famiglia , andrebbe in giro per l'Australia e si farebbe crescere e dreadlocks".