Eddie Murphy ha smesso di recitare dopo che i film di m*** gli avevano fatto vincere un Razzie

Nel 2010, Eddie Murphy ha ricevuto il Razzie come Peggior Attore del Decennio per colpa di una serie di brutti film inanellata dopo i successi degli anni '80 e '90, ecco perché ha deciso di prendersi una pausa.

NOTIZIA di 11/03/2021

La carriera di Eddie Murphy ha preso una brutta piega dopo i grandi successi degli anni '80-'90, quando una serie di film di m lo hanno portato a vincere il *Razzie come peggior attore convincendolo a prendersi una lunga pausa dalla recitazione.

Eddie Murphy in una scena di Dreamgirls
Eddie Murphy in una scena di Dreamgirls

Eddie Murphy, di nuovo sulla cresta dell'onda dopo il successo di Dolemite Is My Name e Il principe cerca figlio, ha ricordato quella fase negativa della sua carriera nel corso del podcast di Marc Maron "WTF" rivelando:

"Stavo facendo film di merda. Mi dicevo 'Questa merda non è divertente'. Quei figli di p*** mi hanno perfino dato il Razzies come peggior attore. Così ho pensato 'Forse è il momento di prendermi una pausa.'"

Eddie Murphy vanta un record poco invidiabile, essendo stato nominato nove volte ai Razzie Award e avendo vinto il premio tre volte con film quali Norbit, The Adventures of Pluto Nash e Piacere Dave. Alla cerimonia dei Razzie Award del 2010, Murphy ha ricevuto un Razzie speciale come Peggior Attore del Decennio. Tra il 2013 e il 2018, l'attore ha recitato solo nel dramma indie Mr. Church. Il ritorno alla grande è iniziato nel 2006 con la nomination all'Oscar per Dreamgirls.

Il principe cerca moglie, Eddie Murphy: "Siamo stati costretti a inserire un attore bianco nel cast"

"L'idea era prendermi una pausa solo per un anno, all'improvviso sono passati sei anni mentre me ne stavo seduto sul divano" prosegue il comico. "Avrei potuto restare lì senza alzarmi, ma non voglio essere ricordato per qualche film di merda. Il piano era quello di fare Dolemite, Saturday Night Live, Il principe cerca figlio e poi tornare a fare stand-up per vedere come mi sentivo dopo. Almeno così sapranno che sono ancora divertente".