Facebook

Dwayne Johnson: "Mi volevano costringere a essere come Johnny Depp e Will Smith. Non accadrà mai!"

Dwayne Johnson parla degli standard imposti da Hollywood, che all'inizio lo volevano uniformato ad altre star come Johnny Depp, George Clooney e Will Smith, ma lui preferisce essere se stesso.

Dwayne Johnson: "Mi volevano costringere a essere come Johnny Depp e Will Smith. Non accadrà mai!"

Dwayne Johnson ha deciso di costruirsi una carriera da attore che gli permetta di esprimere se stesso senza rifarsi a modelli che gli stanno stretti. L'attore ed ex wrestler ha catturato il cuore dei fan con la sua simpatia e il suo humor, ma non vuole essere paragonato a star come Will Smith o Johnny Depp.

In un'intervista con Men's Health, Dwayne Johnson ha spiegato che paragoni con divi del calibro di Will Smith, George Clooney e Johnny Depp non sono possibili. Riflettendo sui suoi 20 anni di carriera a Hollywood, il divo ha spiegato che quando è diventato famoso ha dovuto soddisfare una certa ideologia d'élite poiché è stato paragonato ad alcune delle più grandi celebrità:

Black Adam 11
Black Adam: Dwayne Johnson in una scena del film action

"Non puoi definirti The Rock. Non puoi parlare di wrestling professionistico. Non puoi essere così massiccio. Non puoi allenarti così tanto. Cambia la tua dieta. Perdi peso. Se vuoi essere come Will Smith, Johnny Depp, George Clooney, ecco come devi essere", ha spiegato, aggiungendo che lui preferisce essere se stesso sempre e comunque: "Ho provato per qualche anno. Alla fine mi sono detto 'Fanculo', non posso diventare così. Non sono come loro, non posso cambiare me stesso. non ditemi come devo essere, sarò solo me stesso".

Black Adam: il direttore della fotografia svela la prima versione della scena post-credit

La sua carriera di attore ha avuto origine dalla disciplina impartitagli a suo padre e anche con un programma di 6 pasti, Johnson può gestire la sua performance al meglio:

"La cosa che mi tiene sveglio la notte è proprio come tutto si risolve, le cose che abbiamo pianificato, le cose che posso controllare. Facendo le mosse giuste, pensando alla mia famiglia, ai miei bambini, a tutte le altre cose che stanno succedendo".

Black Adam: un punto di arrivo... o di partenza

Dwayne Johnson ha inoltre spiegato come ci siano voluti quindici anni prima che il suo sogno di diventare un supereroe si avverasse e Black Adam prendesse finalmente vita, con l'idea che lentamente si concretizzava con pazienza e speranza:

"Hai un personaggio come Black Adam, che è, a seconda di come interpreti le sue filosofie, è un supereroe, un antieroe o solo un cattivo ragazzo? Ora, la differenza è che in Superman c'è un codice etico a cui Superman si attiene, motivo per cui è il più grande supereroe. Superman non ucciderà nessuno. Black Adam, d'altra parte, non riuscirai a finire la frase se intendi fare del male a lui o alla sua famiglia".