Doctor Who, Joe Hill: "Hanno rifiutato le mie idee per la serie perché sono americano"

Lo scrittore Joe Hill, il figlio di Stephen King, ha rivelato la scortese risposta ricevuta dallo staff di Doctor Who.

NOTIZIA di 05/02/2020

Doctor Who è al centro di una nuova polemica dopo che Joe Hill, il figlio di Stephen King, ha svelato che è stata rifiutata una sua collaborazione con la serie cult britannica perché è americano.

Durante il podcast The Horror Show di Brian Keene, lo scrittore ha spiegato: "Sono un enorme fan di Doctor Who. Guardare la serie... guardare gli episodi di David Tennant con i miei figli è stata una parte davvero felice della loro infanzia e del mio essere un padre".
Joe Hill ha quindi proseguito sottolineando: "Avevo alcune idee per Doctor Who e volevo realmente scrivere per lo show. E il mio agente ha ottenuto la possibilità di fare un pitch. Ho trascorso un mese e mezzo per lavorare su tre proposte e ho lavorato così duramente, come forse mai prima".
Lo scrittore ha proseguito il suo racconto: "Per caso mi sono ritrovato a trascorrere un weekend con Neil Gaiman. Eravamo nello stesso posto negli stessi giorni e abbiamo trascorso molto tempo insieme, lui ha modificato i miei pitch. Li ha letti tutti e ha detto 'Sì, fai questo. Non fare quello. Questa è una buona idea. Odio questa'. E sapete cosa? Non avrei mai potuto chiedere un miglior editor!".
La situazione non è però andata come previsto: "Ho mandato le mie idee e sono passate alcune settimane e poi ho ricevuto un'e-mail in cui si diceva 'Non abbiamo mai lasciato a un americano il compito di scrivere Doctor Who e se lo facessimo non inizieremmo con te'".