Cannes 2019: proteste e fughe dalla sala per le scene di sesso esplicite nel film di Abdellatif Kechiche

Scandalo a Cannes 2019, abbandoni della sala e proteste per il sesso esplicito in Mektoub, My Love: Intermezzo di Abdellatif Kechiche.

NOTIZIA di 24/05/2019

Cannes 2019 sta per concludersi, ma la Croisette ci riserva un nuovo scandalo con il film di Abdellatif Kechiche, accolto da proteste e abbandoni della sala per via delle scene di sesso esplicito. Il regista di origine tunisina ha presentato a Cannes il secondo capitolo della sua trilogia, Mektoub, My Love: Intermezzo, ma la risposta della critica e del pubblico è stata ampiamente negativa.

Mektoub My Love Intermezzo
Mektoub, My Love: Intermezzo, una scena del film

Mektoub, My Love: Intermezzo segue Mektoub, My Love: Canto Uno, presentato alla Mostra di Venezia nel 2017 (qui trovate la nostra recensione di Mektoub, My Love: Canto Uno). Entrambi i film, basati sul romanzo di François Bégaudeau La Blessure, la vraie, raccontano la storia d'amore di Ophélie (Ophélie Bau) e Amin (Shaïn Boumédine) al centro di una complicata rete di relazioni e tradimenti.

Una scena in questione ha disturbato parte del pubblico, scena posta a due terzi del film (lungo quasi 4 ore) che mostra l'incontro sessuale consenziente tra Ophélie e un uomo in un bagno. La scena di sesso orale (che pare non simulata) dura più a lungo dell'equivalente sequenza di La vita di Adele che già aveva fatto discutere.

15 film con le scene hot più belle del 2018

Le reazioni registrate sui social media sono particolarmente negative, dopo essere usciti alcuni spettatori hanno postato la foto della sala con molti posti vuoti. . IndieWire ha scritto: "Mentre il sesso esplicito di Canto Uno è meno frequente e ostile di quello in La vita di Adele, la natura voyeristica della macchina da presa è più pronunciata, lo sguardo maschile è stata l'unica lente usata da Kechiche."