Almost Famous, 20 anni dopo, Cameron Crowe parla del film: "Mai stato popolare come oggi"

Almost Famous compie 20 anni e lo scrittore e regista Cameron Crowe racconta come mai il film è diventato è diventato un classico; e non mancano gli aneddoti su David Bowie e altre star della musica.

NOTIZIA di JESSICA CAPUTO 21/08/2020

Nel 2000 usciva Almost Famous, il film scritto e ispirato dalla storia del regista Cameron Crowe, giovane giornalista appassionato di rock negli anni '70. Per l'occasione Crowe ha rievocato le riprese del film, l'entusiasmo, ma anche i tempi in cui lavorava per Rolling Stone e intervistava star come David Bowie.

Patrick Fugit e Kade Hudson in una scena del film Quasi famosi
Patrick Fugit e Kade Hudson in una scena del film Quasi famosi

Nel 1996, dopo il successo di Jerry Maguire (270 milioni di dollari al botteghino e cinque nominations agli Oscar) Cameron Crowe ebbe finalmente la libertà di realizzare il suo film più personale: Almost Famous. "Jerry Maguire mi ha dato credibilità", ricorda Crowe al telefono dalla sua casa di Los Angeles. "E ho pensato, 'Non sarò mai in grado di fare questo film a meno che non sia adesso. Questo film è dolorosamente personale e cercherò di non spendere molti soldi'." Il film è una cronaca delle sue avventure dei primi anni '70 come scrittore adolescente per Rolling Stone.

Nell'autunno del 2020 uscì nelle sale, e nonostante l'apprezzamento della critica e le quattro nominations agli Oscar, non fu un successo al botteghino "Tutti andarono invece a vedere questa nuova uscita de L'Esorcista. Sembrava che il lungo braccio del 1973 fosse tornato per schiaffeggiarci." Vent'anni dopo, però, Quasi famosi si è trasformato non solo in un classico di culto, ma in uno dei film più amati della sua epoca. "Eravamo un 'perdente' che ha raccolto consensi nel corso degli anni. Non è mai stato così popolare come adesso."

Crowe ha persino lavorato a un adattamento di Broadway del film. Ora che Almost Famous compie 20 anni, lo sceneggiatore-regista guarda al passato con un misto di nostalgia e orgoglio, perché lo ha scritto pensando "'Ho la possibilità di farlo, ho la possibilità di fare giornalismo, e io voglio sventolare una bandiera per tutte le persone che mi hanno aiutato e hanno aperto la strada a un amante della musica come loro. "Penso che le persone lo abbiano scoperto e ci abbiano portato il proprio amore per la musica, ed è quello di cui sono più orgoglioso".

Probabilmente all'inizio molti erano scettici, e non capivano davvero il film. Era difficile pensare ad un film sul rock che nascesse da un punto di vista autentico, ed è così che è stato chiamato Peter Framton "Era come un gioco di società, bastava copiare tutti i film che non avevano mai avuto successo. Quindi quando gli ho detto: "Vieni a lavorare con noi in questo film, parla di crescere con il rock nel 1973", ha risposto, "Cosa? Sei diventato uno di loro! Proverai a catturare qualcosa che non potrai mai catturare!"

"È stato un tuono nella mia testa per gran parte del tempo in cui abbiamo girato il film, ma ho sentito che il cuore di tutti era al posto giusto. Non stavamo girando un film sull'abuso di droghe e sugli eccessi da rockstar. Ci sono così tanti altri film che ti danno questo o cercano di dartelo. Ho anche pensato che il film dei Mötley Crüe [The Dirt del 2019] fosse buono per questa ragione. Pensavo che Machine Gun Kelly avesse davvero catturato una vera anarchia rock. Ma Almost Famous non era quello. Almost Famous era innamorarsi della musica in giovane età, quando non eri sicuro di chi fossero i tuoi amici nel mondo, ma questi dischi erano tuoi amici. E poi esci nel mondo e incontri persone che amano quegli stessi dischi, che diventano tuoi amici. È un'esplosione di sensazione di appartenenza. E quello era il timone di Almost Famous.

Kate Hudson Almost Famous
Quasi famosi: Kate Hudson nel ruolo di Penny Lane

Almost Famous è uscito in un periodo di film per adolescenti e film d'azione ad alto budget, e per il regista si trattava senz'altro di una scelta controcorrente. "Non è stata una sorpresa quando il film non è andato così bene al cinema. E poi quando abbiamo perso Brad Pitt [che era stato scelto originariamente per il ruolo di Russell Hammond], non c'era nessuna pressione per trovare un'altra star. Spielberg mi disse: "La sceneggiatura è la star. Quindi sì, sembrava un'anomalia. Sembrava che sarebbe successo solo una volta, ed è per questo che stavo cercando così duramente di ottenere ogni performance il più vicino possibile a quella che era la versione nella mia testa, perché non pensavo che avrei mai avuto la possibilità di girare e realizzare un altro film del genere. Ed è vero.'

Almost Famous
Quasi famosi: Billy Crudup e Patrick Fugit in una scena

E quando l'intervistatore gli ha chiesto se pensava che le interviste della sua giovinezza si sarebbero trasformate in questo grande film, Cameron Crowe ha risposto "Mai. Perché il mio sogno allora era quello di ottenere una storia su Rolling Stone, e dopo che sarei stato in grado di scrivere una storia di copertina. E tutto quello che è successo dopo è stato il momento in cui si è avverato il sogno, ma anche di più. Non ho mai pensato "Un giorno questo diventerà un film autobiografico, che rifletterà proprio questo momento."

Il regista ha lavorato su un libro di memorie che lo ha aiutato a ripercorrere quei primi giorni a San Diego "Ho trovato questa agenda del 1973. È piena! C'è scritto: "Intervista telefonica a Jimmy Page. John Prine, Bonnie Raitt ". Ogni giorno, mi sentivo come un bambino in un negozio di caramelle perché potevo intervistare queste persone di cui amavo la musica. Se avevo fortuna, ogni giorno potevo rappresentare quel fan che ero anche io. A volte mi davano anche roba schifosa. Alcuni degli editori di Rolling Stone, per quanto gentili a riguardo, spesso mi prendevano da parte e dicevano: "Dovresti scrivere di qualcuno che non ti piace. Mettiti alla prova. Vai a scrivere di qualcuno di cui non ti interessa la musica e fai pratica con un ritratto del genere. " E ho sempre detto: "Ma perché perdere tempo con qualcuno a cui non tieni? A qualcuno da qualche parte interessa. Scrivi per quelle persone."

Ma Crowe non ha solo elogiato il suoi miti, gli ha fatto anche domande difficili "Se sfidi qualcuno come Joni Mitchell, con domande taglienti, è meglio per lei. Ama struggersi in una risposta del genere. Ci sono sempre state un sacco di persone che coprivano la musica, e che la mettevano in dubbio, allora più di oggi. Molte persone hanno distrutto i Led Zeppelin. Quindi hanno aperto una rivista rock, inclusa Rolling Stone, e c'è stato chi non ha capito. Perciò quando vedevano qualcuno con un taccuino spesso pieno di un miliardo di domande pensavano "Ok, abbiamo una possibilità perché conoscano la nostra musica!"

Un bellissimo ritratto di David Bowie
Un bellissimo ritratto di David Bowie

Tuttavia dal film restano fuori molte follie anni '70 "Non ho guidato fino a 18 anni. Ero un po' nervoso all'idea di guidare e avevo avuto un incidente quando ero piccolo, quindi non volevo ancora guidare. Quindi, quando seguivo David Bowie per la rivista e per Playboy, lui mi accompagnava in giro. Rimaneva sveglio tutta la notte a registrare Station to Station e poi, a bordo di una VW gialla, mi accompagnava nel traffico mattutino a casa del fotografo Neal Preston, dove alloggiavo. Mi guardavo intorno e c'era David Bowie con i capelli rossi in una piccola Volkswagen gialla, accanto agli avvocati diretti al lavoro. E nessuno sapeva che era Bowie. Mi guardavo sempre intorno e pensavo, "Guardate! Guardate! È lui! È davvero lui! "So che non è un eccesso rock, ma è qualcosa che non ti aspetteresti mai. Cose del genere sono successe spesso. Stavo riascoltando alcuni dei nastri dell'intervista a Bowie. Nel corso di questa intervista scrive una canzone per mostrare a Rolling Stone come si scrive una canzone. E c'è una canzone su questo nastro che nessuno ha mai sentito prima e che ha scritto per mostrarmi come ha fatto il suo mestiere. Non darò mai quei momenti per scontati.

Ma come ha fatto il regista, al tempo giovanissimo, a convincere la madre a farlo uscire di casa per farsi scarrozzare da rock star? "Si fidava di Neal Preston e sapeva che Neal si prendeva cura di me. Sapeva che Neal fumava erba. Ciò la turbava, ma sapeva che se Neal fosse stato nei paraggi, era come un fratello maggiore che si sarebbe preso cura di me. E lo ha fatto. È il motivo per cui ho una carriera in questo momento, perché è andato alle Hawaii e ha riavuto i miei nastri Allman Brothers. E senza quell'incidente, non ci sarebbe stato Almost Famous. Non ci sarebbe stata una carriera di scrittore, in realtà. Beh, probabilmente ci sarebbe stata, ma non al Rolling Stone. Ben Fong-Torres mi avrebbe licenziato, per aver perso i nastri a favore di Greg Allman, che li ha presi e poi è sparito con loro. La storia dei nastri Allman Brothers è presente nel musical, ma non nel film.

Quali sono le principali differenze tra il regista e William Miller, il suo alter ego nel film? "Penso che per compensare la differenza di età a scuola, a volte ero un clown di classe. Oppure provavo a dire cose oltraggiose per deviare o qualcosa del genere. C'è un outtake nel film, dove stanno importunando la versione piccola di William Miller perché non ha i peli pubici. Dicono: "Dove sono i tuoi peli publici?" L'hanno fatto a me. E ricordo che mi circondavano tutti in palestra e negli spogliatoi. Ho pensato: "Li avevo. Li ho rasati! " E tutti hanno iniziato a ridere, tranne l'unico ragazzo che stava cercando di terrorizzarmi. Dubito di essere stato poetico come Patrick [Fugit, che interpretava Miller] in termini di comprensione del mondo e di sentirne la meraviglia. Mi sentivo come se Patrick recitasse. È solo qualcuno che cerca di adattarsi e trovare un posto nel mondo in cui inserirsi". Il nome originale di William Miller era Scott Stevenson.. "È fottutamente divertente. Scott Stevenson suona come un ragazzo che non parlerebbe con William Miller a scuola. Non credo di essere mai stato Scott Stevenson, ma mi sento come se fossi William Miller. Guarda come una decisione sbagliata può costarti tutto. Raramente hai la fortuna di un nome come Jeff Bebe".

Patrick Fugit è stata una delle ultimi attori del cast ad essere scelto, com'è stato per il regista scegliere il suo personaggio "È stato davvero imbarazzante. Voglio dire, Joseph Gordon-Levitt era probabilmente un po' vecchio per la parte all'epoca, ma è davvero bravo. Puoi convincere persone molto consapevoli a interpretare un personaggio basato su di te, perché ti stanno studiando mentre parli con loro. Quindi è come uno specchio inaffidabile quello che stai guardando. È davvero un po' imbarazzante per tutti". Ma l'età in quel caso era importante perché "Cominciano a portare cose che hai dimenticato, perché non hai più quell'età. Patrick aveva quell'età. Il più prezioso dei suoi doni è stato il fatto che si è innamorato di Kate Hudson mentre girava il film. E questo era il punto: volevo davvero una ragazza. Volevo davvero che qualcuno mi notasse. Guardare Patrick suonare mi ha fatto ricordare tutto il desiderio. Ed è allora che sei vicino alla videocamera e dici: "Oh, mio Dio! Grazie al cielo abbiamo un ragazzo che non è mai stato in un film prima, che si innamora in tempo reale ".

Un altro dietro le quinte? "Ho anche pensato che il mio outtake preferito fosse l'intervista a tarda notte di Kyle Gass, dove si addormenta con gli Stillwater in studio. Quello è stato il giorno in cui la DreamWorks ha capito che stavo girando quel film da un mese e mezzo e nessuno era venuto a controllarci" e li hanno trovati tutti uno studio pieno di fumo d'erba finto mentre Kyle Gass dormiva e la band diceva parole come "feci".

Il film presenta diverse canzoni dei Led Zeppelin, e Crowe volò a Londra a proiettarlo per Jimmy Page e Robert Plant "Sapevamo che stavamo per lanciare i dadi. C'erano quattro canzoni dei Led Zeppelin. [Il produttore della colonna sonora] Danny Bramson si è assicurato che la comunicazione fosse buona. Alla fine di quella giornata, sono venuti a vedere il nostro film nel seminterrato di un hotel. Eravamo solo Joe Hutshing l'editore, Danny e io. Siamo nell'ultima fila e Jimmy e Robert sono a tre file dalla prima fila, seduti insieme. Guardando da dietro, vedevi le loro teste incorniciate dal film, che era già iconico in sé. Si sporgevano e si dicevano cose a vicenda, e vedevi semplicemente questo contorno delle loro teste parlare in privato, e ci guardavamo come, "Oh, siamo fottuti. Stanno cercando di capire come possono andarsene. " Poi è arrivata la scena "Io sono un dio d'oro" e Plant si è limitato a ridere. È la risata più grande e ci guardiamo come, "Oh, mio ​​Dio! Andiamo ancora bene. Andiamo ancora bene!"

Kate Hudson in Quasi Famosi
Kate Hudson in Quasi Famosi

Alla fine il regista ha spiegato quale sia sempre stata la mission del film "Come giornalista, non mi sono mai sentito come se avessi un programma. Mi sentivo come se fossi guidato dall'amore per la musica e dal modo in cui la musica mi faceva sentire. Sto restituendo qualcosa con quel film e quella storia. È tutto un grande "Grazie". È un messaggio puro per gli amanti della musica. E al giornalismo, perché Jann Wenner mi ha lasciato andare con i Led Zeppelin. Così come mia madre e mio padre. Queste persone si fidavano di me. Ho provato a farlo per gli altri nello spirito di quello, solo nella vita. E il film ne è una versione."