Puerto escondido 1992

N/D
3.9/5
La locandina di Puerto escondido

Puerto escondido è un film di genere Commedia del 1992 diretto da Gabriele Salvatores con Diego Abatantuono e Valeria Golino. Durata: 114 min. Paese di produzione: Italia.

Trama

La trama di Puerto escondido (1992). Mario, impiegato di banca, assiste ad un omicidio commesso da un commissario di banca e scappa a Puerto Escondido, dove incontra altri due italiani che vivono di espedienti e, rimasto senza denaro, si unisce a loro. Ma,la sorpresa é tanta quando scopre che anche il commissario si é trasferito in Messico deciso a cambiar vita.

Cast

Diego Abatantuono Diego Abatantuono Mario Tozzi
Valeria Golino Valeria Golino Anita
Claudio Bisio Claudio Bisio Alex
Renato Carpentieri Commissario Viola
Antonio Catania Antonio Catania Di Gennaro

Vai al cast completo di Puerto escondido

Curiosità e frasi celebri

Tutte le curiosità su Puerto escondido e le frasi celebri: ecco le cose curiose che potrebbero esser sfuggite allo spettatore.

Date di uscita e riprese - Puerto escondido è arrivato per la prima volta nelle sale italiane il 17 Dicembre 1992.
Le riprese del film si sono svolte in Italia e Messico.

Ecco alcune delle location in cui è stato girato il film:

Milano, Italia
Monte Alban, Oaxaca, Messico
Puerto Escondido, Oaxaca, Messico

Specifiche tecniche - Girato in: 35 mm. Proiettato in: 35 mm. Colore: a colori. Formato audio: Dolby. Lingua originale: italiano.

Accoglienza

Attualmente Puerto escondido ha ricevuto la seguente accoglienza dal pubblico:

Premi e nomination

I premi vinti da Puerto escondido e le nomination:

Nastri d'Argento della SNGCI (1993)
2 nomination, 2 premi vinti

Altri 2 premi

Critica

Puerto escondido è stato accolto dalla critica nel seguente modo: su Imdb il pubblico lo ha votato con 6.6 su 10

Immagini e foto

Vai alla galleria completa

News e articoli

  • Salvatores: evoluzione di un viaggiatore

    Salvatores: evoluzione di un viaggiatore

    Sebbene la commedia italiana sia, com'è noto, essenzialmente volgare e scollacciata, c'è un piccolo movimento che rema contro , facendo il possibile per uscire dal nero tunnel di banalità che il nostro cinema è restio a lasciare. Tra gli esponenti di questo movimento è Gabriele Salvatores.