I 20 migliori film sulla radio

In occasione del World Radio Day, previsto ogni 13 febbraio, ecco la nostra classifica dei migliori film sulla radio, da I Love Radio Rock a Good morning, Vietnam, passando per Radiofreccia e Alza il volume.

CLASSIFICA di 13/02/2020
Philip Seymour Hoffman in un'immagine del film I Love Radio Rock
Philip Seymour Hoffman in un'immagine del film I Love Radio Rock

Sin dalla sua divulgazione, la radio è diventato un mezzo comunicazione quotidiano, che accompagna le vite di tutti. Un mezzo che una volta era l'unico vigente, mentre adesso è diventato il sottofondo delle nostre vite, che ci accompagna durante un tragitto in macchina o che diventa di compagnia mentre si svolgono altre mansioni.

Ma la radio è stata protagonista di molti film più o meno conosciuti, che hanno raccontato le tante sfaccettature di questo mezzo di comunicazione di massa o che è stato preso in prestito per raccontare altre storie. E, allora, in vista del World Radio Day, che si tiene ogni 13 febbraio, ecco una lista dei migliori film sulla radio che hanno fatto la storia del cinema, da I Love Radio Rock a Radiofreccia, da Good morning, Vietnam a Alza il volume.

1. I Love Radio Rock (2009)

Rhys Ifans è tra i protagonisti della commedia I Love Radio Rock
Rhys Ifans è tra i protagonisti della commedia I Love Radio Rock

In una classifica sui migliori film sulla radio, è impossibile non citare I Love Radio Rock. Uscito nel 2009, questo film di Richard Curtis, con Rhys Ifans, Nick Frost e Philip Seymour Hoffman, racconta una surreale storia ispirata all'esperienza di Radio Caroline, la radio pirata che, tra gli anni '60 e '70, trasmetteva da una nave ancorata al di fuori delle acque territoriali del Regno Unito, aggirando così le norme all'epoca vigenti in materia di generi musicali, orari e modalità di espressione. Grazie a questa radio, una serie di dj diffusero la musica che caratterizzò un'intera generazione, e che conquistò l'intera Gran Bretagna.

2. Good morning, Vietnam (1987)

Good Morning Vietnam
Robin Williams in Good Morning, Vietnam

Uscito nel 1987, Good morning, Vietnam segue la storia di Adrian Cronauer (interpretato da Robin Williams), un disc-jockey dell'aviazione, che viene spedito in Vietnam a metà degli anni '60. In questo film di Barry Levinson, Adrian sconvolge la stazione radiofonica della base con la musica rock e anche per il suo umorismo e il suo essere politicamente scorretto. Quella di Adrian è un'allegria contagiosa ma, nonostante la radio diventi famosa, il sergente maggiore Philip Diskerson e il tenente Steven Hauk sembrano essergli ostili. Quest'ultimo, inoltre, rispetto ai suoi compatrioti non rimane diffidente ai vietnamiti, tanto che cercherà di conquistare la giovane Trinh. Tuttavia, dopo essere uscito vivo da un attentato da parte dei vietcong, la vitalità di Adrian comincerà a sparire e si rifiuterà di censurare delle informazioni importanti provenienti dal fronte. Sarà proprio grazie all'intervento di Garlick e all'incontro con un gruppo di soldati americani che Adrian ritroverà sé stesso, anche se ormai la sua vita è inevitabilmente cambiata.

Robin Williams: i 10 migliori film dell'attore

3. Radiostars (2012)

Radiostars
Radiostars: una scena del film

Tra i migliori film sulla radio, impossibile non citare il recente Radiostars, film di Romain Lévy uscito nel 2012. La trama verte sulla vita di Ben, un uomo che da New York torna a Parigi, in preda ad una crisi sia sentimentale, che professionale. Egli si imbatte in Alex, presentatore di Breakfast-club, un programma radiofonico mattutino molto popolare. Ben viene assunto come sceneggiatore a Blast FM, giusto in tempo per salvare la radio da quello che sembrava un inarrestabile crollo degli ascolti.

4. Parla con me (2007)

Don Cheadle in una scena del film Talk to me
Don Cheadle in una scena del film Talk to me

A volte la radio viene data per scontata, la si accende e la si spegne per abitudine, la si usa come sottofondo alle azioni quotidiane, senza pensare alle potenze comunicative di questo mezzo. In Parla con me, film del 2007 di Kasi Lemmons, si racconta la storia di Ralph "Petey" Greene, un uomo che dopo essere uscito di galera trova lavoro come speaker radiofonico. Ambientato negli anni '60, il film vede Ralph che, sostenuto dalla fidanzata Vernell, inizia ad imporsi all'interno dell'emittente radio, diventando uno speaker di punta grazie anche al suo carisma, oltre che un punto di riferimento per i membri della comunità afro-americana che cominciava ad affermare i propri diritti.

5. Airheads - Una band da lanciare (1994)

Airheads
Airheads: una scena del film

Realizzato nel 1994 e diretto da Michael Lehmann, Airheads - Una band da lanciare segue la storia di Chazz, Rex e Pip (interpretati rispettivamente da Brendan Fraser, Steve Buscemi e Adam Sandler), tutti componenti di un gruppo hard rock che viene puntualmente snobbato dai produttori discografici. Ma un giorno si presenta un'opportunità, cioè far ascoltare un proprio brano durante una trasmissione radio. Un'opportunità che, però, prenderà una piega inaspettata quando Chazz, davanti al comportamento snob del dj, perde la pazienza e, impugnando una pistola ad acqua, impone la messa in onda del brano.

6. Radio America (2006)

Meryl Streep in una scena del film Radio America
Meryl Streep in una scena del film Radio America

Ultimo film diretto da Robert Altman nel 2006, Radio America racconta la storia di una piccola stazione radio che trasmette un programma musicale, intitolato A Prairie Home Companion, che macina ascolti dal 1974. Nel corso del tempo, il pubblico si affeziona ai protagonisti dello show, anche se quest'ultimi, pur cercando di mantenere sempre alto il livello delle loro performance, cominciano ad invecchiare. Ciò che è peggio, però, è che il programma rischia di chiudere, così come deciso da un personaggio misterioso.

7. Radio Days (1987)

Radio Days: un nostalgico ritratto di famiglia
Radio Days: un nostalgico ritratto di famiglia

La radio come mezzo non solo di comunicazione, ma anche per collegarsi ai ricordi di una vita. È proprio su questo aspetto che si basa Radio Days: il film di Woody Allen, uscito nel 1987, racconta la storia di Joe, un uomo che ricorda la sua infanzia, principalmente legata a memorie radiofoniche. Una famiglia, quella di Joe, molto numerosa e con la casa sempre in movimento. Ciò comunque non lo distraeva dall'ascoltare con attenzione i personaggi che si alternavano alla radio, dando vita ad un mondo parallelo a quello reale, ad una vita immaginaria.

8. Radiofreccia (1998)

Radiofreccia
Radiofreccia: una scena del film

Può una radio diventare una seconda casa ed essere motivo di gruppo per i giovani? In Radiofreccia, film di Luciano Ligabue del 1998, s'inizia raccontando la storia di Bruno, uno speaker radiofonico, intento ad informare gli ascoltatori che quello è l'ultimo giorno delle trasmissioni di Radiofreccia. Dopo diciotto anni di attività, e prima della chiusura definitiva, Bruno vuole raccontare il perché quella che un tempo si chiamava Radio Raptus, aperta nel 1975, si sia poi chiamata Radiofreccia. Così, lasciandosi andare ai ricordi, Bruno torna indietro negli anni '70 e racconta come sia nata la radio e degli amici che hanno fatto parte di quel mondo, tra cui Freccia.

9. Radio Killer (2001)

Radio Killer
Radio Killer: una scena del film

E se la comunicazione radio potesse rivelarsi letale? Nel 2001, è stato realizzato Radio Killer, film di John Dahl, che racconta la storia del giovane Lewis, un ragazzo che, durante le vacanze estive, decide di mettersi in viaggio e arrivare fino al New Jersey per vedere Venna, la ragazza di cui è sempre stato innamorato. Tuttavia, durante il tragitto, Lewis incontra suo fratello Fuller, appena uscito di prigione, che decide di unirsi a lui. Fuller, però, costringe il fratello ad un gioco apparentemente innocente: mettersi in comunicazione via radio con un camionista sconosciuto. Un gioco che, però, si rivelerà essere molto pericoloso.

10. Un uomo oggi (1970)

Un Uomo Oggi
Un uomo oggi: una scena del film

Diretto da Stuart Rosenberg, nel 1970 è uscito il film Un uomo oggi che racconta la storia di Rheinheardt (interpretato da Paul Newman). Egli è un annunciatore radiofonico che convive con Geraldine, una prostituta. Il giovane ottiene un posto alla stazione radio W.U.S.A., che si presta alla campagna reazionaria promossa dallo sponsor della radio. Tuttavia, nello stabile in cui Geraldine e Rheinheardt abitano, vive anche Rainey, un giovane idealista che lavora ad un'inchiesta sulla previdenza sociale dei diseredati della zona. Andando a fondo della ricerca, Rainey scopre che il suo lavoro è controllato, oltre che sfruttato, dalla W.U.S.A., di cui è oppositore. Così, durante una manifestazione pubblica tenuta dalla radio, il ragazzo spara contro il palco, per poi essere linciato dalla folla. Inoltre, a causa di alcuni malintesi, Geraldine viene arrestata e condotta in carcere, dove si suicida. Due eventi che rendono Rheinheardt cosciente della situazione di cui, suo malgrado, è stato promotore.

11. Alza il volume (1990)

Alza Il Volume
Alza il volume: una scena del film

Tra i migliori film sulla radio, impossibile non citare Alza il volume, film di Allan Moyle del 1990. Il protagonista è Mark (interpretato da Christian Slater), un liceale dell'Arizona che, se di giorno è uno studente eccellente, di notte diventa uno scatenato animatore di una stazione radio pirata. Le sue sono trasmissioni in cui il ragazzo racconta i sogni, i desideri e i problemi che affliggono la sua generazione, tanto che ottiene sempre più successo. Ma tutto può cambiare da un momento all'altro, come quando Mark cerca, senza riuscirci, a sventare un tentativo di suicidio.

12. Fog (1980)

Janet Leigh in una scena di Fog
Janet Leigh in una scena di Fog

Uscito nel 1980, Fog di John Carpenter è uno dei film che utilizza la radio come mezzo di comunicazione per la salvezza. Ambientato durante i festeggiamenti del centenario della cittadina di Artunio Bay, un banco di nebbia, dopo aver avvolto un peschereccio, comincia ad avanzare verso la città. Stevie Wayne, una giovane annunciatrice dell'emittente radiofonida KAYB, cerca di allertare la gente di quella nebbia che non promette niente di buono, rimanendo inascoltata. L'unico che condivide la preoccupazione della giovane è Nick Machen, un autista che ha assistito ad eventi strani. Parallelamente, padre Malone, comincia a scoprire la verità sul quel banco di nebbia, grazie al diario del nonno: cento anni prima, tra il 20 e 21 aprile del 1880, i fondatori della città avevano lasciato naufragare il veliero Elizabeth Dane e i suoi occupanti, sei lebbrosi a cui era stato promesso aiuto, ma che sono stati solo derubati. Così, diventati dei morti viventi, chiedono la loro vendetta servendosi della nebbia.

13. The Agronomist (2003)

The  Agronomist
The Agronomist: una scena del film

La radio come mezzo di rivoluzione. Questo è l'argomento centrale di The Agronomist, film documentario di Jonathan Demme del 2003, che racconta la storia del giornalista Jean Dominique, il fondatore di Radio Haiti-Inter, la prima radio indipendente di Haiti. Jean ha combattuto per i diritti civili di Haiti e per la libertà per tantissimi anni. Ucciso davanti alla sede della sua radio nel 2000, Dominique è rimasto nella memoria di tutti per il suo coraggio e la voglia di lottare.

14. Tandem (1987)

Tandem 1987
Tandem: Jean Rochefort in una scena del film del 1987

Tra i migliori film sulla radio, impossibile non citare Tandem. Film di Patrice Leconte del 1987, con Jean Rochefort e Gérard Jugnot, Tandem racconta la storia di Michel Mortez, ideatore del programma radiofonico La lingua del gatto. In realtà, Michel è una sorta di don Chiscotte, mentre il suo autista RIvetot è come il fido Sancho Panza. Tuttavia, nonostante il successo dello show, un giorno Rivetot scopre che il programma radio verrà chiuso. Ma cosa ne sarà di Mortez?

15. Il discorso del re (2010)

Colin Firth, protagonista del film The King's Speech
Colin Firth, protagonista del film The King's Speech

Prima dell'avvento della televisione, la radio era l'unico mezzo tramite cui era possibile, per un capo di stato, poter parlare al proprio popolo. È su questo perno che ruota la trama de Il discorso del re, film di Tom Hooper del 2010, che segue la storia di Giorgio VI d'Inghilterra, diventato re dopo la morte di suo padre Giorgio V e l'abdicazione del fratello Eduardo VIII. Il re, soprannominato Bertie, soffre di una forma di balbuzie piuttosto grande, che la moglie Elisabetta cerca di curare proponendogli degli incontri con il logopedista Lionel Logue. Egli, però, è un uomo decisamente anticonvenzionale, con metodi di insegnamento piuttosto ortodossi e che di certo con cambiano solo perché il suo paziente è un re. Dopo un inizio tumultuoso, il rapporto tra i due uomini migliora, tanto che Bertie riuscirà a tenere un discorso radio alla nazione senza problemi, annunciando l'ingresso in guerra contro la Germania, e conquistando la fiducia dei suoi sudditi.

16. Benvenuti a Radioland (1994)

Benvenuti A Radioland
Benvenuti a Radioland: una scena del film

Nel 1994 è stato realizzato un film comico, Benvenuti a Radioland. Diretto da Mel Smith e prodotto da George Lucas, il film è ambientato nel 1939 in una notte in cui la WBN, un network radiofonico, inizia a trasmettere in America. La premiere è molto confusa e Penny Henderson, la segretaria, deve fare i conti con uno sponsor insoddisfatto, un capo che non fa che darle ordini e il suo ex marito che cerca di riconquistarla. A ciò si aggiunge una scoperta spaventosa: l'assassinio di uno dei membri del cast.

17. I cento passi (2000)

I cento passi: Luigi Lo Cascio e Claudio Gioè in una scena del film
I cento passi: Luigi Lo Cascio e Claudio Gioè in una scena del film

Può la radio essere usata come mezzo di denuncia? Questo è quello che succede in I cento passi, film di Marco Tullio Giordana, che racconta la storia vera di Peppino Impastato (interpretato da Luigi Lo Cascio), giornalista molto attivo nella lotta contro la mafia. Nato in una famiglia legata ad ambienti mafiosi, Peppino cercherà di allontanarsi dalla malavita e di lottare per estirparla, sfidando Gaetano Badalamenti, boss del paese, di cui denuncia i suoi atti illeciiti. Peppino persegue la sua lotta, aprendo anche Radio Aut, un'emittente radiofonica che diventa il mezzo prediletto dal giornalista per attaccare la mafia. Proprio per il suo impegno, l'uomo diventa il simbolo dell'anti-mafia e si candida alle elezioni comunali del paese, diventando protagonista della campagna elettorale che, però, finirà in maniera tragica.

18. Private Parts (1997)

Private Parts
Private Parts: una scena del film

Nel 1997 è uscito al cinema Private Parts, un film di Betty Thomas che racconta la storia di Howard Stern, un conduttore radiofonico famoso per essere un provocatore. Nel film viene raccontata la vita di Stern (interpretato dal conduttore stesso) a partire dalla sua infanzia sino all'inizio della sua attività nelle radio locali. Una carriera, quella di Stern, che lo porta a diventare speaker di radio sempre più importanti, fino a raggiungere il successo quando approda alla NBC di New York all'inizio degli anni '80. Il suo modo provocatore e sempre sopra le righe non è condiviso da tutti i colleghi, ma gli ascoltatori continuano a crescere ed egli diventa il numero uno della radio, conservando il posto per molti anni.

19. Talk Radio (1988)

Eric Bogosian in una scena del film Talk Radio di Oliver Stone
Eric Bogosian in una scena del film Talk Radio di Oliver Stone

Basato sul libro Talked to Death: The Life and Murder of Alan Berg di Stephen Singular, nel 1988 è uscito al cinema Talk Radio. Il film di Oliver Stone segue la storia di Barry Champlain, un giovane ebreo che conduce la rubrica radiofonica 'Voci della notte'. Durante la trasmissione, gli ascoltatori lo chiamano per risolvere dei problemi personali e Barry cerca di rispondere a tutti in maniera appropriata, schierandosi apertamente con le minoranze, come ebrei, neri ed omosessuali. La sua popolarità lo porterà a lavorare in una stazione radio nazionale, ma al contempo non avrà vita facile, poiché minacciato da chi non condivide i suoi stessi pensieri.

20. Jakob il bugiardo (1999)

Jakob Il Bugiardo
Jakob il bugiardo: una scena del film

Prima dell'avvento della televisione, la radio veniva usata anche per conoscere i bollettini di guerra e per avere tutte le informazioni possibili per poter sopravvivere. In Jakob il bugiardo, film del 1999 di Peter Kassovitz, viene raccontata la storia di Jakob Heim (interpretato da Robin Williams), proprietario di un caffè chiuso da tempo che, durante la seconda guerra mondiale, ascolta per caso un bollettino radio proibito che annuncia alcuni successi da parte dei russi e danno dei nazisti. Il giorno successivo, Jakob racconta le notizie a due amici e ben presto comincia a circolare la voce che Jakob possieda una radio e ciò diventa sinonimo di speranza. Così, per non deludere gli abitanti del ghetto, Jakob inventa avvenimenti e situazioni, facendo passare finti bollettini di guerra come se fossero veri.