Il ragazzo invisibile - Seconda generazione

2017, Fantastico

Salvatores ritrova il suo Ragazzo Invisibile: "I nostri supereroi sono liberi di usare male i loro poteri"

Intervista video a Gabriele Salvatores, che torna in sala con Il ragazzo invisibile - Seconda generazione: tra superpoteri usati male e madri terribili, il regista si racconta con umiltà: un dono che gli ha lasciato l'Oscar. Dal 4 gennaio al cinema.

Il ragazzo invisibile - Seconda generazione: Ludovico Girardello in un momento del film

Impeccabile con la classica tenuta da intellettuale, lupetto nero abbinato alla montatura degli occhiali, Gabriele Salvatores in realtà sotto la maglia di lana sottile nasconde un tatuaggio dal significato contorto, come il tratto in cui è disegnato, che ha a che fare con la creatività e le filosofie orientali: ci spiega il suo significato facendo ampi gesti con le mani, ai quali porta anelli dalle grandi pietre.

Leggi anche: Il ragazzo invisibile - Seconda generazione: il lato oscuro del potere

Due anime in una: proprio come la protagonista femminile di Il ragazzo invisibile - Seconda generazione, Yelena (Kseniya Rappoport), madre e leader degli "speciali", persone dotate di superpoteri braccate come mostri, che decidono di prendersi la loro rivincita sui "normali". Combattuto tra la madre adottiva, Giovanna (Valeria Golino), che lo ha cresciuto con amore, e quella naturale, che lo vuole forte e pronto a combattere, Michele (Ludovico Girardello), ragazzo dotato del potere dell'invisibilità, deve capire che persona, e che supereroe, vuole essere.

Il ragazzo invisibile - Seconda generazione: Galatéa Bellugi in un momento del film

A quattro anni di distanza dal primo capitolo, il regista premio Oscar torna a esplorare il mondo dei supereroi, che, ci tiene a dirlo, non devono per forza essere senza macchia, ma possono anche decidere di usare male i propri poteri, se il loro percorso personale li ha portati fin lì. Abbiamo incontrato Salvatores a Roma, all'anteprima di Il Ragazzo invisibile - Seconda generazione, in sala dal 4 gennaio.

Leggi anche: Il ragazzo invisibile 2: Gabriele Salvatores ci svela gli effetti speciali "molto visibili"

"Sei sicuro che tua madre ti vuole bene?"

Il ragazzo invisibile - Seconda generazione: Galatéa Bellugi e Gabriele Salvatores sul set del film

Secondo Salvatores la frase lancio del film avrebbe potuto essere: "Sei sicuro che tua madre ti vuole bene?": contrariamente a quanto succede di solito nei fumetti, in cui i supereroi diventano tali perché hanno subito un grave trauma familiare, qui sono proprio i genitori a creare scompiglio. "Non sempre essere la madre naturale vuol dire essere un buon genitore" ci ha detto il regista, spiegando meglio: "I figli sono di chi li cresce, nel film c'è un bel dibattito su questo: abbiamo una madre adottiva e una naturale e il confronto tra queste due figure femminili mi piace molto. È come nelle mitologie orientali: Parvati, che è la moglie buona, una madre dolce, ha un'altra faccia, Kali, la distruttrice che beve il sangue di quelli a cui ha tagliato le teste. È un aspetto del femminile: noi maschietti siamo più infantili".

Leggi anche: Il ragazzo invisibile 2, Gabriele Salvatores: "L'Oscar? Il mio superpotere. Quando lo possiedi devi usarlo"

L'Oscar come superpotere

Il ragazzo invisibile - Seconda generazione: Galatéa Bellugi e Ksenia Rappoport sul set del film

Da grandi statuette derivano grandi responsabilità: l'Oscar per Salvatores è stato come il morso del ragno radioattivo per Peter Parker: "Essendo cresciuto negli anni '70 avevo delle idee molto belle, ma anche molto sbagliate, e quando ho vinto l'Oscar ero convinto che Hollywood fosse l'impero del male, era quasi come se Darth Vader mi stesse consegnando il premio. L'ho vissuto così, ma sbagliavo, e questo mi ha aiutato, anche perché continuo a pensare che Lanterne rosse, che era in concorso insieme a Mediterraneo, sia più bello. Non so se sia stato meritato appieno ma, visto che un ragno mi ha punto conferendomi un superpotere, mi sono posto il problema di come usarlo: ho cercato di sperimentare delle cose che non sapevo fare, di imparare a fare cinema facendo cose diverse e di provare a fare un tipo di cinema che in Italia in genere non si fa, anche per dimostrare che in realtà si può fare".

Leggi anche: Il ragazzo invisibile - Seconda generazione: "Atmosfere più dark e molti più effetti speciali"

La nostra intervista a Gabriele Salvatores

Salvatores ritrova il suo Ragazzo Invisibile: "I...
Cinecittà World
Cinecittà World

Mostra i vecchi commenti

Il ragazzo invisibile – Seconda generazione: Il lato oscuro del potere
Il ragazzo invisibile 2, Gabriele Salvatores: "L'Oscar? Il mio superpotere. Quando lo possiedi devi usarlo"