Il ragazzo invisibile - Seconda generazione

2017, Fantastico

Il ragazzo invisibile – Seconda generazione: “Atmosfere più dark e molti più effetti speciali”

Presentati in anteprima alla Festa del Cinema di Roma alcuni minuti del secondo capitolo de "Il ragazzo invisibile", la saga di supereroi made in Italy diretta da Gabriele Salvatores.

Più dark e cupo, e con molti più effetti speciali del capitolo precedente. Si presenta così il secondo episodio della saga firmata da Gabriele Salvatores, Il ragazzo invisibile - Seconda generazione, almeno a guardare i pochi minuti mostrati in anteprima alla Festa del Cinema di Roma in collaborazione con Alice nella Città.

Il ragazzo invisibile - Seconda generazione: Gabriele Salvatores, Ksenia Rappoport, Ludovico Girardello e Galatéa Bellugi sul set del film

Sono passati tre anni e il protagonista Michele Silenzi (Ludovico Girardello), supereroe in calzamaglia che ha il potere di rendersi invisibile, è ormai un adolescente, alle prese con la gestione dei superpoteri e di una nuova vita, cominciata dopo aver scoperto l'identità della propria vera madre, una 'Speciale': "È stata un'esperienza diversa rispetto al primo film. Molto figa - commenta entusiasta Giratelli -, intendo molto più grande. Sono cresciuto insieme a questo personaggio e lui con me. Il primo capitolo è stato un'introduzione, il secondo sarà la storia vera e propria. Le atmosfere saranno più dark, buie e tetre e per questo motivo mi piace molto di più del precedente". E svela: "Michele continuerà a essere innamorato di Stella".

Leggi anche: La nostra recensione de Il ragazzo invisibile

Rivelazioni

Il ragazzo invisibile - Seconda generazione: Gabriele Salvatores e Ksenia Rappoport sul set del film

Il ragazzo invisibile si concludeva rivelando la presenza di una sorella gemella di Michele, Natasha, le scene proiettate ripartono da lì e raccontano il suo arrivo: Natasha si presenta sin da subito come una ragazza misteriosa, enigmatica e scontrosa, il suo potere è quello di far bruciare le cose. Ad interpretarla è Galatéa Bellugi, nata in Francia da papà italiano e mamma danese. "Natasha è una persona complicata e cambia spesso umore. - dice - Per me è stato molto speciale entrare in un film che dovevo continuare a costruire".
Le immagini proiettate si chiudono con una scena in discoteca dove Michele sale sul palco per rivelare che è stato lui a salvare gli amici rapiti e non Brando, che invece se ne è preso tutto il merito. Ma Natasha lo interromperà bruscamente, boicottando ogni tentativo di raccontare la verità; solo il giorno dopo Michele scoprirà che è sua sorella.

Leggi anche: Il ragazzo invisibile 2: Gabriele Salvatores ci svela gli effetti speciali "molto visibili

Gli effetti speciali

Il ragazzo invisibile - Seconda generazione: un'immagine dal set

Molto più spazio inoltre agli effetti speciali, come spiega Victor Perez, responsabile degli effetti speciali visivi e con un curriculum che lo ha visto impegnato sui set de Il cavaliere oscuro - Il ritorno o Harry Potter e i doni della morte - parte 1: "Ci sono 650 inquadrature con effetti speciali, praticamente quasi un terzo del film. Questa volta abbiamo provato anche a realizzare tecniche mai usate in un film con un budget 'indipendente', al di sotto cioè dei 120 milioni di dollari. - racconta Perez - Abbiamo cercato di rendere tutto più dark e ricreato uno dei set interamente al Pc per permettere a Gabriele Salvatores di capire come sarebbe stata l'ultima scena, che è davvero straordinaria e per la quale è stata utilizzata oltre la metà del budget".

Il ragazzo invisibile – Seconda generazione:...
Cinecittà World
Cinecittà World

Mostra i vecchi commenti

Roma 2017
News Film & Serie Foto Video
Il ragazzo invisibile 2: Gabriele Salvatores ci svela gli effetti speciali "molto visibili"
Recensione Il ragazzo invisibile (2014)