Hostiles - Ostili

2017, Avventura

Scott Cooper su Hostiles: "Noi americani dobbiamo cominciare a guarire e diventare più tolleranti"

Il regista Scott Cooper e l'attore Wes Studi ci parlano di Hostiles - Ostili, western con protagonisti Christian Bale e Rosamund Pike ambientato nel passato ma che parla al nostro presente. In sala dal 22 marzo.

Hostiles: Christian Bale nella prima foto del western

Frontiera, 1892: il capitano dell'esercito Joseph J. Blocker (Christian Bale) accompagna Yellow Hawke (Wes Studi), capo Cheyenne malato, dalla sua famiglia. Nel percorso conosce Rosalie Quaid (Rosamund Pike), reduce da un'esperienza traumatica. Con Hostiles, nelle sale italiane dal 22 marzo, presentato in anteprima come film d'apertura alla 12esima Festa del Cinema di Roma, Scott Cooper abbandona le strade di città per inquadrare i paesaggi selvaggi della prateria americana.

Leggi anche: Hostiles: la frontiera del dolore

Attraverso il genere western, il regista parla dell'America di oggi, che sembra non aver ancora superato il problema dell'integrazione: "Gli inglesi hanno Shakespeare, i francesi Molière, noi abbiamo il western" ci ha detto Cooper a Roma, spiegando meglio: "Provare a fare un western è quasi un battesimo del fuoco se sei un regista: non è semplice. Volevo fare un film con temi rilevanti, che fosse contemporaneo. Oggi in America c'è un divario culturale e razziale importante e spero che il mio film possa dare il via a un dialogo su come noi americani possiamo cominciare a guarire. Siamo molto radicali".

Leggi anche: Le metamorfosi di Christian Bale: 10 ruoli indimenticabili

Hostiles: Rosamund Pike in una scena del film

Nel film sono presenti anche le figlie di Cooper, che interpretano quelle del personaggio della Pike. Per il regista era fondamentale tramandare il valore della tolleranza alle nuove generazioni: "Abbiamo bisogno di tolleranza, dobbiamo essere tutti più tolleranti: tra noi, tra culture ed etnie diverse, perché se non lo facciamo siamo destinati a un cammino disastroso. È importante capire le ragioni degli altri il più possibile, e se, in qualche modo, questo film può dare il via a un dialogo sulla ripresa allora ho fatto il mio lavoro". D'accordo anche Wes Studi: "Dobbiamo sforzarci di trovare la tolleranza mostrando cosa non è tollerante e gli effetti negativi che comporta. Deve diventare uno stile di vita. Non vogliamo tornare a tempi cupi".

Leggi anche: Radioactive: Amazon produrrà il biopic su Marie Curie con Rosamund Pike

La nostra intervista a Scott Cooper e Wes Studi

Scott Cooper su Hostiles: "Noi americani dobbiamo...
Cinecittà World
Cinecittà World

Mostra i vecchi commenti

Hostiles: la frontiera del dolore
Le metamorfosi di Christian Bale: 10 ruoli indimenticabili