Checco Zalone: le sue migliori canzoni, in attesa di Tolo Tolo

In attesa del nuovo, attesissimo, Tolo Tolo, ripercorriamo la carriera di Checco Zalone attraverso le sue canzoni più riuscite e più famose, e i film di cui fanno parte.

CLASSIFICA di 29/12/2019
Checco Zalone Tolo Tolo 21
Tolo Tolo: una scena del film con Checco Zalone e Souleymane Silla

Eravamo io, Checco Zalone, Gennario Nunziante e la collega dell'Ansa, più qualche altro giornalista. Possiamo dire che Checco Zalone, come star del cinema, lo abbiamo visto nascere. Ora che il comico barese, al secolo Luca Medici, è atteso come Salvatore del cinema italiano - a livello di incassi, si intende - il 1 gennaio con il suo nuovo film, Tolo Tolo, ci ricordiamo quando lo abbiamo incontrato la prima volta, in un pomeriggio d'estate in una villa romana, che era il set del suo primo film, Cado dalle nubi. Ci aveva cantato in anteprima, voce e chitarra, I uomini sessuali: abbiamo capito subito che sarebbe diventato un successo, anche se nessuno ne poteva immaginare le dimensioni.

Lo avevamo intervistato insieme alla collega dell'Ansa: "Ho l'Ansa da prestazione" ci aveva detto. E lì abbiamo capito quanto ci piaceva Checco, cioè Luca, perché anche fuori scena la battuta gli viene spontanea. Checco Zalone ("che cozzalone" in barese vuol dire "che tamarro") è nato su Telenorba ed è esploso a Zelig, come parodia del cantante neomelodico napoletano, un personaggio borderline, sempre al limite della legalità. Al cinema Checco è diventato una sorta di Borat all'italiana, un Candido ingenuo, ignorante (nel senso che ignora) e a nudo di tutto. Lo schema dei suoi film è stato questo: mettere a nudo e ribaltare i luoghi comuni attraverso il suo candore e la sua ignoranza. In questo articolo abbiamo deciso di riscoprirlo attraverso le sue migliori canzoni, parlando anche dei film di cui fanno parte.

Tolo Tolo 3
Tolo Tolo: Checco Zalone, Manda Tourè e Souleymane Silla in una scena del film

1. Siamo una squadra fortissimi

Checco Zalone Tolo Tolo 10
Tolo Tolo: Checco Zalone sul set

Facciamo un passo indietro e andiamo a rivedere la prima, famosa canzone di Checco Zalone, quando ancora non era una star del cinema. Siamo una squadra fortissimi, inno semiserio per la nazionale che si apprestava a partecipare ai mondiali di calcio del 2006 in Germania, rigorosamente sgrammaticata com'è nelle corde del suo personaggio, ha fatto storia ed è stata di buon auspicio: quei mondiali li abbiamo vinti, ed è stata l'ultima volta. "Stoppi la palla al volo, come ti hai imparato tanto tempo fa/quando giocavi invece di andare a scuola/quanti sgridi ti prendevi da papà/perché sognavi un giorno che avresti stato/nell'Italia convocato adesso/tutti sono con te/ma ci devi dimostrare che.../Siamo una squadra fortissimi/fatta di gente fantastici". Qualche anno dopo, sul set di Cado dalle nubi, gli abbiamo chiesto se avrebbe fatto un inno anche per i mondiali del 2010. "Non la faccio, perché Lippi non convoca Cassano..." ci aveva risposto. E sappiamo tutti com'è andata a finire.

2. I uomini sessuali (Cado dalle nubi)

Una sequenza della commedia Cado dalle nubi con Checco Zalone
Una sequenza della commedia Cado dalle nubi con Checco Zalone

Cado dalle nubi segue le disavventure di Checco, a Milano, dopo che ha lasciato la Puglia per cercare fortuna come cantante. La sua ignoranza è uno scudo e un'arma per mettere a nudo pregiudizi e ipocrisie. I uomini sessuali è l'esilarante canzone che Checco canta a una serata gay, credendo che l'omosessualità sia una malattia... "Quanta che vi attacca/Solo perché non vi piace la patacca/Gli uomini sessuali sono gente tali e quali come cattiveria in questa società/Nel confronto di chi tiene un'altra sessuità/Quanta gente che vi ingiuria/Quanta gente noi/Noi normali/Sanno ridere sanno piangere sanno battere le mani/Proprio come alle persone sani/Gli uomini sessuali non c'avranno gli assorbenti/Ma però c'hanno le ali/Per volare via con la fantasia da questa loro atroce malattia".

Tolo Tolo, il video di Checco Zalone L'Immigrato scatena le polemiche

3. Evviva u punti (Cado dalle nubi)

Una scena della commedia Cado dalle nubi - 3
Una scena della commedia Cado dalle nubi - 3

Ma in Cado dalle nubi accade anche altro. Un impresario, offeso dalla canzone I uomini sessuali, porta Checco alla Sagra del peperoncino verde: in realtà è la convention del Partito del Nord, una simil-Lega. Checco canta la canzone Evviva u punti, la storia di un calabrese che vuole il ponte perché ha un sacco di donne in Sicilia. "Tengo na femmina a Missina, c'u ponti m'a fazzu prima/Tengo na femmina a Cattanisetta, c'u ponti m'a fazzu chiù n'fretta/Tengo na femmina a Canicattì, c'u ponti m'a fazzu ogni dì/Tengo na femmina a Racalbuto, ca su fazzu u maritu curnutu/Tengo na femmina a Milazzu c'u ponti ci do....e ca m'a mancata a rima... ah no!...me l'avvrazzu".

4. Angela (Cado dalle nubi)

Checco Zalone (Luca Medici) in una scena di Cado dalle nubi
Checco Zalone (Luca Medici) in una scena di Cado dalle nubi

Angela è la canzone che apre Cado dalle nubi. È dedicata alla fidanzata di Checco: lui le dice che avrà cura di lei, ma non a chiacchiere come Franco Battiato. Curerà proprio le sue malattie. Dopo questa canzone Angela molla Checco. Gli dice che è povero, e lui risponde che tutti i cantanti devono essere poveri all'inizio, perché sennò non hanno cose da raccontare nelle interviste. "Amore, io avrò cura di te/Ma non come a quella a Franco Battiato, la cura a chiacchere/No, Angela, io pagherò, pagherò i migliori dottori per curare/Le malattie che ti colpiranno, perché le malattie arrivano/Ragazzi, non dobbiamo nascondercelo/Ma saremo in due a curarle le tue malattie/E guadanche saranno loro ad averla vinta su di te/Tu non dovrai mai temerle, mai, mai, oh mia bella/La spingo io la carrozzella, Angela".

Tolo Tolo: sarà un nuovo record per Checco Zalone?

5. Se mi aggiungerai (Che bella giornata)

Checco Zalone con Nahiha Akkari nella commedia Che bella giornata
Checco Zalone con Nahiha Akkari nella commedia Che bella giornata

Un terrone che sconfigge il terrore. Così Checco Zalone, aveva sintetizzato la storia di Che bella giornata, la sua seconda prova al cinema. Checco, pugliese trapiantato a Milano, viene assunto come addetto alla sicurezza al Duomo di Milano, dove viene avvicinato da Farah (Nabiha Akkari), una ragazza musulmana che vuole vendicare la madre facendo saltare la Madonnina. Anche questo film continua il gioco di ribaltare i luoghi comuni sul Sud e sull'Italia in generale. Ma lo scontro di civiltà qui è quello tra Islam e Occidente. Se mi aggiungerai arriva nel momento in cui Checco, una volta conosciuta Farah, prova a ritrovarla sui social network. "Se inventavo io Facebook, una regola l'avrei messa/niente foto sul profilo se sei cessa/guarda tu più sono racchie/e più fanno le baldracche/ma ti dico che/io ho un presentimento/ad una come te/gli piace il mio elemento".

6. L'amore non ha religione (Che bella giornata)

Checco Zalone con Nahiha Akkari e Luigi Luciano nella commedia Che bella giornata
Checco Zalone con Nahiha Akkari e Luigi Luciano nella commedia Che bella giornata

Sempre da Che bella giornata, secondo film di Zalone, ecco questa canzone, L'amore non ha religione, in cui Checco canta di un amore che va oltre ogni religione e ogni divisione. Ovviamente, in modo sgrammaticato come da sua prassi. A divertire è soprattutto l'attacco, che gioca con l'origine di Farah, che è magrebina... "È arrivata una magia, proprio nella vita mia/Ha gli occhi neri, il muso-ulmano e ama me/Io pugliese di madre tarantina/Lei francese di madre-bina sta con me, che male c'è?".

7. Superpapà (Sole a catinelle)

Sole a catinelle: Checco Zalone in una scena con Robert Dancs e Aurore Erguy
Sole a catinelle: Checco Zalone in una scena con Robert Dancs e Aurore Erguy

Sole a catinelle, il terzo film di Checco Zalone è la storia di un papà separato, e con pochi soldi, che ha promesso al figlio Nicolò un viaggio insieme se avesse riportato una pagella perfetta. Viste le finanze, si parte verso il Molise, per vendere qualche aspirapolvere a qualche parente. E per arrivare, a sorpresa, a Portofino. Nicolò infatti fa amicizia con un altro bimbo, Lorenzo, e la madre, Zoe, chiede a Checco e Nicolò di restare un po' con loro.

E li fa entrare nel loro mondo di lusso. Stavolta Checco mette alla berlina il mondo dei ricchi. Superpapà è il tema portante del film, una parodia delle vecchie sigle dei cartoni animati dei robot. "C'è un super eroe/che batte tutti quanti gli altri sai/non ha le ali non ha missili/non ha nemmeno un razzo/si può dire un eroe del/nostro tempo oramai/nemico delle banche e degli usurai/della mostruosa crisi maledetta/che all'angolo lo aspetta".

Tolo Tolo, Checco Zalone: "Razzista? Ma se il primo migrante ero io!"

8. Immigrato (Tolo Tolo)

Tolo Tolo 2
Tolo Tolo: una scena del film con Checco Zalone

È la canzone portante del nuovo, attesissimo, film, Tolo Tolo, in uscita il 1 gennaio. Il film è la storia di Checco che, dopo aver ricevuto delle minacce da un boss della malavita, si è trasferito in Kenya, a Malindi, dove vive sotto scorta. Ma scoppia una guerra, e Checco dovrà ritornare in Italia: diventerà lui stesso un migrante. La comicità scorretta di Checco Zalone, il suo gioco a ribaltare pregiudizi e luoghi comuni promette di essere esplosivo nel momento in cui va a toccare uno dei temi più caldi e divisivi di questo tempo, le migrazioni. È abbastanza assurdo che Immigrato, la sua nuova canzone, in tipico stile Celentano, sia stata accusata di razzismo, come vi abbiamo raccontato qui. "All'uscita del supermercato/Ti ho incontrato/Al distributore di benzina/Monetina/Al semaforo sul parabrezza/C'è una mano nera con la pezza/E ritrovo quel tuo sguardo malandrino che mi dici C'ha due euro per panino!"/Immigrato/Quanti spiccioli ti avrò già dato/Immigrato/Mi prosciughi tutto il fatturato".