Zodiac: un ingegnere francese avrebbe risolto gli ultimi due messaggi sull'identità del killer

Un ingegnere francese sarebbe riuscito a risolvere i due messaggi mai decifrati del Killer dello Zodiaco, la cui storia è stata raccontata nel film Zodiac, di David Fincher.

NOTIZIA di 23/06/2021

L'ingegnere francese Fayçal Ziraoui ha dichiarato di aver decifrato gli unici due messaggi irrisolti del Killer dello Zodiaco, l'assassino al centro del film Zodiac di David Fincher, ispirato ad una storia vera.

Nel 2007 arrivava nelle sale Zodiac, il film con Jake Gyllenhaal, Mark Ruffalo e Robert Downey Jr. che racconta le indagini riguardanti il Killer dello Zodiaco, attivo in California a partire dalla fine degli anni Sessanta. Il serial killer aveva l'abitudine di inviare delle lettere alla stampa che contenevano crittogrammi e messaggi cifrati, due dei quali non sono mai stati risolti. Ebbene, a distanza di anni, Zodiac è ancora senza identità ma c'è qualcuno che dice di aver risolto gli ultimi due messaggi cifrati del killer.

Una scena del film Zodiac
Una scena del film Zodiac

Si tratta di Fayçal Ziraoui, ingegnere francese che, dopo essersi imbattuto nell'articolo di una rivista in cui si diceva che nessuno aveva mai risolto due cifrari attribuiti al Killer dello Zodiaco, ha deciso di provarci in prima persona. Ziraoui ha quindi raccontato di essere riuscito a decifrare i codici dopo due settimane e che uno di questi rivelerebbe l'identità dell'assassino. Ci è riuscito utilizzando una chiave di crittografia che è venuta alla luce solo a dicembre, unite a tecniche creative di decifrazione del codice.

Con entusiasmo, ha quindi iniziato a pubblicare messaggi e video online sui maggiori forum dedicati al Killer dello Zodiaco, dove migliaia di investigatori dilettanti seguono e discutono i dettagli di uno dei più famosi misteri nella storia degli Stati Uniti. Uno dei suoi post è stato cancellato da un moderatore su un sito, mentre su altri le sue teorie sono state denunciate da persone che mettevano in dubbio la sua credibilità e le sue scoperte.

Col senno di poi, Ziraoui si è reso conto di essere stato un po' privo di tatto, irrompendo sfacciatamente in una comunità affiatata con quelle che lui presentava come soluzioni definitive. "È entrato ed è come se avesse detto loro 'fine del gioco'", ha dichiarato Youssef Ziraoui, fratello di Fayçal, aggiungendo: "Ma queste persone non vogliono che il gioco finisca". Molti appassionati di Zodiac considerano i codici rimanenti, Z32 e Z13, irrisolvibili perché sono troppo brevi per determinare la chiave di crittografia. Un numero imprecisato di soluzioni potrebbe funzionare, dicono, rendendo la verifica quasi impossibile.
L'FBI e il dipartimento di polizia di San Francisco, a cui Fayçal Ziraoui ha inviato le sue scoperte, hanno rifiutato di commentare.

Fayçal Ziraoui ha ammesso che, mentre tentava di decifrare i messaggi, il lavoro consumava i suoi pensieri, svegliandolo di notte e facendolo sprofondare in un costante stato di ansia mentre apprendeva dettagli raccapriccianti sugli omicidi di Zodiac. "Ne ero ossessionato, 24 ore al giorno, è tutto ciò a cui riuscivo a pensare", ha detto Ziraoui che, dopo due settimane di intensa decifrazione del codice, ha decifrato la frase "LABOR DAY FIND 45.069 NORT 58.719 WEST". Il messaggio si riferiva a coordinate basate sul campo magnetico terrestre e non alle coordinate geografiche più note.

Robert Downey Jr. al telefono in una scena del film Zodiac
Robert Downey Jr. al telefono in una scena del film Zodiac

Le coordinate rimandato ad un luogo vicino ad una scuola a South Lake Tahoe, una città della California citata in una cartolina che si ritiene sia stata inviata da Zodiac nel 1971. Un entusiasta Ziraoui ha detto che subito dopo si è concentrato su Z13, che presumibilmente ha rivelato il nome dell'assassino, utilizzando la stessa chiave di crittografia. Dopo circa un'ora, Ziraoui ha detto di aver decifrato "KAYR", che assomigliava al cognome di Lawrence Kaye, criminale che effettivamente viveva a South Lake Tahoe e che era rientrato tra i sospettati del caso. Kaye, che usava anche lo pseudonimo di Kane, è morto nel 2010.

L'errore di battitura è simile a quelli trovati in altri codici del killer, probabilmente commessi da Zodiac durante la codifica del messaggio. Il risultato così vicino al nome di Kaye, unito alla posizione di South Lake Tahoe, ha quindi spinto Ziraoui a credere che non si trattasse solo di una coincidenza. Kaye era stato oggetto di un rapporto firmato da Harvey Hines, un detective della polizia ora deceduto, che era convinto che l'assassino fosse proprio lui ma che non riuscì mai a convincere i suoi superiori.

David Oranchak, il leader del team che in precedenza ha decifrato un codice di 340 caratteri, ha dichiarato di essere scettico per quanto riguarda la soluzione di Ziraoui, osservando che esistono già "centinaia di proposte per soluzioni Z13 e Z32" e che "è praticamente impossibile determinare se qualcuna di queste sia corretta" a causa della brevità delle cifre. David Naccache, crittografo e professore all'École Normale Supérieure di Parigi, ed Emmanuel Thomé, specialista in crittografia presso l'Istituto nazionale francese per la ricerca in scienza e tecnologia digitali, hanno invece affermato che i metodi di decifratura di Ziraoui sono validi e dovrebbero essere presi in considerazione dagli investigatori della polizia.

Guardando indietro, Ziraoui ha detto di essersi reso conto di essere "arrivato un po' come un toro in una cristalleria", sfidando apertamente teorie vecchie di decenni sul caso. Oranchak ha affermato che la comunità di Zodiac "forma cricche attorno ai sospetti preferiti", influenzando il modo in cui valutano le affermazioni di soluzione dei codici. "Di solito sono amichevoli con le persone che presentano le loro idee, ma una volta che questi iniziano a comportarsi come se fossero sicuri al 100% di aver decifrato i codici o il caso, la comunità diventa piuttosto ostile", ha aggiunto. "Mio fratello mi diceva, 'Fratello, quello che hai appena fatto qui è praticamente la parte più facile. In realtà, la cosa più difficile è convincere le persone", ha dichiarato Ziraoui con un sorriso.