Il cinema da leggere firmato dalla redazione di Movieplayer.it, il regalo last minute perfetto!

The Mandalorian: Gina Carano rimossa dal poster della serie a causa delle critiche?

Da un poster di The Mandalorian è stata rimossa Cara Dune, il personaggio di Gina Carano, e i fan ipotizzano sia per le polemiche scatenate online.

NOTIZIA di 22/01/2021

The Mandalorian ha tra i suoi protagonisti Gina Carano, che nelle ultime settimane è stata al centro di molte critiche e attacchi online a causa di alcune dichiarazioni controverse, e il suo volto ora è stato rimosso da un poster ufficiale.
L'immagine promozionale è stata realizzata dall'artista Mark Raats e ora mostra Ahsoka Tano al posto di Cara Dune, anche se il motivo del cambiamento sembra sia legato al successo ottenuto dal nuovo personaggio.

Mark Raats aveva condiviso un mese fa un poster della seconda stagione di The Mandalorian che ritraeva Din Djarin (Pedro Pascal), Grogu, Greef Karga (Carl Weathers), Ahsoka (Rosario Dawson), e i loro nemici Moff Gideon (Giancarlo Esposito) e Morgan Elsbeth (Dianna Lee Inosanto). La splendida immagine non aveva suscitato particolari dubbi o perplessità, tuttavia l'artista ha recentemente condiviso, e poi rimosso, un video in cui mostrava come aveva dovuto cancellare il personaggio interpretato da Gina Carano per sostituirlo con Ahsoka Tano. Raats aveva sottolineato in modo chiaro: "Dopo l'incredibile debutto di successo del personaggio di Rosario Dawson, la Lucasfilm mi chiesto di sostituire Cara Dune con Ahsoka Tano".

La spiegazione non ha però convinto tutti i fan dello show ambientato nell'universo di Star Wars prodotto per Disney+ e numerose persone hanno avanzato l'ipotesi che la richiesta fosse causata dalla campagna lanciata online che chiedeva alla Lucasfilm di eliminare dalla serie Cara Dune dopo le dichiarazioni dell'attrice sulle elezioni presidenziali americane, sui vaccini anti-COVID e sulla comunità transgender. Gina Carano, una settimana fa, sembra aver risposto alle critiche online scrivendo: "Non si può zittire, togliere voce o censurare lo spirito. Non chiede a nessuno il permesso di esistere".