Terry Gilliam: Sarah Polley svela i pericoli sul set de Il Barone di Munchausen "Non riuscivo a respirare"

Sarah Polley, traumatizzata dall'esperienza vissuta sul set de Le avventure del Barone di Munchausen, riconosce la genialità di Terry Gilliam, ma ammette che lavorare con lui può essere un inferno.

NOTIZIA di 13/06/2022

Sarah Polley ha costruito un'ammirevole carriera come attrice, regista e sceneggiatrice nominata all'Oscar. L'attrice ricorda il primo vero battesimo di fuoco, avvenuto a soli otto anni sul set de Le avventure del barone di Munchausen[/FILM] di Terry Gilliam, esperienza che definisce come traumatica peer via delle condizioni di lavoro sul set.

The Man Who Killed Don Quixote, Terry Gilliam a Cannes 2018
The Man Who Killed Don Quixote, Terry Gilliam a Cannes 2018

Nel suo nuovo libro, Run Towards the Danger", Sarah Polley accusa Terry Gilliam di creare un ambiente pericoloso sul set, in particolare per un bambino. In un estratto pubblicato sul Guardian, entra nel dettaglio descrivendo degli alti e bassi dell'esperienza.

Polley ricorda che era entusiasta di avere l'opportunità di lavorare con una leggenda come Gilliam, e inizialmente era innamorata di lui dopo averlo incontrato. Ma una volta che hanno iniziato a lavorare al film, i difetti dell'istrionico regista hanno cominciato a emergere:

Sarah Polley sul set del film Away from Her - Lontano da lei
Sarah Polley sul set del film Away from Her - Lontano da lei

"Quando siamo entrati in produzione, le cose hanno iniziato rapidamente a crollare. Terry era erratico, un sognatore, uno che non viveva nel mondo della 'logica e della ragione', proprio come il barone stesso. Sentivo la troupe lamentarsi del fatto che i piani, realizzati da mesi, sarebbero stati improvvisamente sostituiti all'ultimo minuto da impulsi selvaggi e ambiziosi che avrebbero esercitato un'enorme pressione sulla troupe, sul budget e sul programma".

Ma quegli inconvenienti non erano niente in confronto a quello che sarebbe successo dopo. Sarah Polley è convinta che Gilliam abbia realizzato alcune scene con scarso riguardo per la sua sicurezza, mettendola spesso in pericolo sul set:

"Mentre stavamo per girare una sequenza che coinvolgeva esplosivi, Terry mi ha condotto lungo un percorso che dovevo attraversare: il set di una città bombardata. Mi è stato detto che sarebbero esplose delle cariche mentre correvo, ma non ero preoccupata. Sarebbe tutto perfettamente sicuro, mi è stato detto. Mi hanno dato due batuffoli di cotone da infilare nelle orecchie nel caso in cui il suono fosse troppo forte per me. Dopo che Terry ha urlato "Azione!", ho iniziato la mia corsa come da istruzioni. Detriti piovevano sul terreno intorno a me, accompagnati da esplosioni assordanti che mi hanno fatto sentire come se fossi esplosa io stessa. Un tronco sotto il quale dovevo correre era parzialmente in fiamme. Le gigantesche esplosioni continuavano facendo tremare tutto intorno a me. Sono corsa, terrorizzata, dritta verso a telecamera, inciampando sui binari del carrello".

Sarah Polley confessa che la parte più sconvolgente dell'esperienza è stata rendersi conto che Gilliam aveva pianificato che la ripresa andasse esattamente come è andata.

"Non sembrava possibile che questo potesse essere il piano, che le cose non fossero andate terribilmente male", ha scritto. "Ma non l'avevano fatto. Questo era il piano. E avevo appena rovinato la ripresa. Ero mortificata. Ci è voluto molto tempo per ripristinare la ripresa e mentre Terry non ha mostrato alcuna frustrazione per il ritardo, non sembrava nemmeno notare quanto fossi spaventata."

L'esercito delle dodici scimmie: Terry Gilliam pensava che Bruce Willis avesse un broncio "rettale"

Anni dopo, quando l'attrice ha affrontato Gilliam sull'accaduto, il regista si è scusato per averla spaventata, ma ha negato che fosse mai stata in pericolo reale. Ma col passare del tempo, sia il suo co-protagonista Eric Idle che Richard Conway, che ha creato gli effetti speciali del film, hanno concordato pubblicamente con la valutazione di Polley dell'esperienza. Man mano che il tempo passa, l'attrice confessa di incolpare Gilliam sempre di più per ciò che ha vissuto sul suo set, sebbene riconosca ancora il suo talento creativo:

"Anche se era magico e brillante e ha creato immagini e storie che vivranno per molto, molto tempo, è difficile calcolare se valessero il prezzo dell'inferno che così tanti hanno attraversato nel corso degli anni per aiutarlo a realizzarli".