Rocketman, il marito di Elton John ha convinto il regista a mantenere la scena in stile orgia

Rocketman, il film biografico dedicato alla vita di Elton John, contiene una scena con una coreografia in stile orgia e il regista l'ha mantenuta grazie al consiglio del marito dell'artista.

NOTIZIA di 03/06/2019

Rocketman stava per non proporre un numero musicale quasi in stile orgia e a salvare il passaggio è stato David Furnish, il marito di Elton John.
La sequenza che stava per essere tagliata dal montaggio finale è sulle note di Bennie and the Jets e mostra Taron Egerton che viene spostato da un gruppo numeroso composto da ballerini, alcuni che indossano dei costumi ispirati all'artista, che si muovono seguendo una coreografia per accompagnare il protagonista verso un letto.

Il regista Dexter Fletcher ha rivelato, in una recente intervista, che aveva pensato di eliminare da Rocketman - di cui potete leggere la nostra recensione - quella scena, ma David Furnish l'ha convinto a mantenerla, seppur modificata leggermente.
La versione integrale della sequenza terminava con Elton John che veniva posto sul letto e veniva inzuppato dallo champagne che usciva da alcune bottiglie. Il filmmaker ha spiegato: "Si trattava di un momento davvero meraviglioso e in un certo senso danzato, ma non comunicava ciò che volevo. Era diventato realmente bello da vedere, ma cosa stava realmente dicendo?".
Fletcher ha quindi cancellato la conclusione e ha creato un montaggio con alcuni momenti dell'infanzia del cantante, con l'obiettivo di creare la sensazione edonistica di un'orgia senza apparire troppo esplicita o sopra le righe.

Il regista ha proseguito sottolineando: "Elton aveva raggiunto un punto in cui era quasi alle prese con l'auto-distruzione. C'era questa specie di tentativo vuoto di gettarsi in molte avventure di una notte senza significato a cui accedeva attraverso questo folle mondo. Volevo creare quell'idea, ma senza che fosse gratuito o senza motivo".

Rocketman: Elton John e Paramount criticano la scelta di censurare il film in Russia