Facebook

Presente Italiano 2022: il programma e l'omaggio a Mauro Bolognini

Il festival di Pistoia, Presente italiano, presenta sei film in concorso e chiude con il documentario sulla storia degli operai della GKN di Firenze "E tu come stai?" dei registi Lorenzo e Filippo Maria Gori, l'omaggio a Mauro Bolognini ed Enrico Ghezzi.

Presente Italiano 2022: il programma e l'omaggio a Mauro Bolognini

Un viaggio nel cinema italiano contemporaneo con le migliori produzioni dell'ultimo anno; una mostra dedicata alla costumista Ludovica Bargellini e i costumi di Re Granchio; una giornata dedicata a Enrico Ghezzi, incontri sulla parità di genere sui set italiani e un omaggio al regista pistoiese Mauro Bolognini. Questi e molti altri gli eventi in programma nell'ottava edizione di Presente Italiano 2022, festival interamente dedicato alle opere nazionali più interessanti, prodotte nell'ultimo anno, dall'11 al 17 novembre a Pistoia al cinema Roma (via Laudesi, 6) con la direzione artistica di Michele Galardini e il patrocinio del Comune di Pistoia.

Ha dichiarato Michele Galardini, direttore artistico: "Ritroviamo la formula classica del festival con la giuria popolare, gli incontri con gli autori, gli appuntamenti con le scuole, e sarà sicuramente emozionante dopo due anni in cui, pur avendo mantenuto tutti gli eventi in presenza, ci siamo dovuti necessariamente adeguare alle mutate condizioni di visione. Ma l'invito resta sempre immutato, ed è quello che abbiamo preso in prestito dagli amici di FilmTv nel 2020: andiamo al cinema oggi, perché ci sia il cinema domani".

Il concorso

Sono 6 i titoli in concorso, usciti tra settembre 2021 e luglio 2022 rintracciati nella piccola e media distribuzione e selezionati dai critici Marzia Gandolfi (Mymovies), Francesco Grieco (Mediacritica) e Matteo Marelli (FilmTv). In programma: Il buco di Michelangelo Frammartino, un viaggio alla scoperta dell'Abisso del Bifurto, nel Parco Pollino in Calabria (11/11); Giulia di Ciro De Caro, sulla vita di una ragazza folle e stravagante che vive un dissidio interiore (12/11); Atlantide di Yuri Ancarani, storia di iniziazione maschile, violenta e predestinata al fallimento, ambientata a Sant'Erasmo, un'isola della laguna di Venezia (14/11); I giganti di Bonifacio Angius; che racconta la rimpatriata tra vecchi amici in una casa sperduta che si trasforma in una spirale di autodistruzione di fronte alla consapevolezza delle proprie sconfitte e della propria solitudine (12/11); Re granchio di Alessio Rigo de Righi e Matteo Zoppis, sulla storia del ribelle Luciano, che costretto all'esilio trasformerà il suo tragico destino nella Leggenda del Re Granchio (11/11) e L'età dell'innocenza di Enrico Maisto, un diario personale, ma anche il racconto di un'educazione sentimentale. Un film intimo e libero, che ha come protagonista l'uomo-bambino che da sempre si nasconde dietro alla macchina da presa (14/11).

I giganti, Bonifacio Angius: "Mi sono sentito come un acrobata che cammina sul filo"

Apertura e chiusura

Ad aprire la manifestazione venerdì 11 novembre, la proiezione di Re granchio dei registi Alessio Rigo de Righi e Matteo Zoppis, che saranno presenti in sala (cinema Roma ore 21.30). A chiudere il festival la proiezione di E tu come stai? dei registi Lorenzo e Filippo Maria Gori, che introdurranno il documentario sulla storia della battaglia degli operai della GKN, fabbrica di Campi Bisenzio, dalla quale vengono licenziati senza preavviso e per cui si batteranno sulle note del motto partigiano "Insorgiamo" (Cinema Roma ore 21.30). Evento in collaborazione con il Festival dei Popoli.

I premi

I film in concorso parteciperanno alla competizione per due riconoscimenti: quello alla Migliore opera prima, consegnato dalla giuria di selezione, e il premio al Miglior film in concorso, decretato da una giuria popolare composta da spettatori selezionati tramite estrazione dagli organizzatori del festival. La giuria di selezione di questa edizione ha deciso di assegnare il premio Miglior Opera Prima a Piccolo corpo di Laura Samani, lo struggente viaggio di una ragazza madre che ha perso la figlia durante il parto e cerca di battezzare a tutti i costi prima della sepoltura, ambientato agli inizi del '900. I cortometraggi invece gareggiano per il Miglior cortometraggio, assegnato da una giuria di studenti degli istituti superiori della città di Pistoia (Liceo artistico Petrocchi, Istituto Tecnico Fedi-Fermi Pistoia, Istituto professionale Einaudi; Istituto ITCS Filippo Pacini, IPSAAABI Barone Carlo de Franceschi - Antonio Pacinotti) che hanno aderito al progetto.

Omaggio a Mauro Bolognini

Il festival propone un omaggio a Mauro Bolognini, in occasione delle celebrazioni per i cento anni dalla nascita del regista pistoiese con una selezione di 6 opere. Fil rouge di questa selezione la sceneggiatura o il soggetto di Pasolini. In cartellone troviamo: "Marisa la civetta", "Una giornata balorda", "Imputazione di omicidio per uno studente", "La notte brava", "Giovani mariti" e "Il bell'Antonio". E inoltre una tavola rotonda sul cinema italiano tra Bolognini e Pasolini in cui interverranno Roberto Chiesi del Centro studi Pasolini), Matteo Marelli di FilmTv) e Roberto Cadonici del Centro Mauro Bolognini (venerdì 11 ore 11 alla Libreria Lo Spazio di Pistoia).

Eventi collaterali

Presente Italiano omaggerà la costumista pistoiese Ludovica Bargellini, scomparsa lo scorso aprile, esponendo due costumi da lei realizzati per il film di Alessio Rigo de Righi e Matteo Zoppis, Re granchio l'ultimo a cui ha lavorato, oltre a una selezione di foto di scena e di ritratti realizzati da Fabrizio Zollo. I materiali saranno visibili negli spazi della Galleria Vittorio Emanuele, ex Cinema Eden, a partire da giovedì 10 novembre alle ore 18.30. All'inaugurazione parteciperà il regista del film Matteo Zoppis che sarà anche protagonista, la mattina successiva, assieme al costumista Andrea Cavalletto, di un incontro al Liceo Artistico P. Petrocchi e la sera alle 21.30 al Cinema Roma per la proiezione del film. Altro evento speciale sarà la proiezione del film Nel mio nome, documentario di Nicolò Bassetti che affronta il delicato tema della transizione di genere di quattro ragazzi, introdotto dall'associazione CinematograFica, in programma mercoledì 16 ore 21.30).

Omaggio a Enrico Ghezzi

Il festival dedica un omaggio al critico cinematografico e scrittore Enrico Ghezzi alla sua presenza. Domenica 13 alle 20 al cinema Roma, come evento speciale, sarà proiettato Gli ultimi giorni dell'umanità documentario di Enrico Ghezzi e Alessandro Gagliardo che vede il panorama delle vicende umane incontrare l'uomo con la macchina da presa. Saranno presenti il regista, Armando Adria e Aura Ghezzi. La giornata si aprirà già alle 11.30 presso Libreria Lo Spazio Pistoia con alcune letture dal libro L'acquario di quello che manca di Enrico Ghezzi (La nave di Teseo, 2021) alla presenza di Aura Ghezzi ed Enrico Ghezzi con un'introduzione di Leo Canali ed Edoardo Saccone del podcast CASABA e letture e musiche di ALIAS.

Programma completo su www.presenteitaliano.it.